15/01/10

35

ROBERTO PIUMINI





IL POETA MAGICO

Viveva molto tempo fa nella verde Irlanda un poeta che aveva uno strumento specialissimo.
Era un'arpa magica e non solo suonava una musica talmente dolce che tutti si commuovevano, ma poteva esaudire qualsiasi desiderio.

Un giorno il poeta si presentò alle porte della città di Ten: stava ormai calando la notte e le porte erano già sprangate.

Bussò e ribussò finchè una guardia non si affacciò:

"Cosa vuoi, forestiero?" " "Non sono un forestiero, sono un poeta!".
"Ah, Ah! " disse la guardia " noi non abbiamo bisogno di poeti!".
" E di cosa avete bisogno? " chiese il poeta " forse di fabbri...?"
Toccò l’arpa e subito si materializzarono gli strumenti del fabbro.
"No " rispose la guardia " abbiamo fabbri, muratori e tutti gli artigiani che ci sevono" ma era comunque rimasta molto meravigliata dal quel prodigio.
"Di' al tuo Re che alle porte c’è un uomo che è capace di fare qualsiasi cosa!".

Chiaramente, il Re fu molto incuriosito, lo fece portare a palazzo e come prima prova gli fece vedere un buffone di corte: "Vedi quell’uomo " disse il Re " è muto dalla nascita. Vediamo se riuscirai a farlo parlare".

Il poeta appoggiò le mani sulla sua cetra e suonò della musica talmente dolce che il suddito subito si mise a cantare.

Tutta la corte era sbalordita e per molto tempo il poeta visse a corte, onorato come un re.

Un giorno, la città fu assediata da terribili nemici e per molto tempo rimase senza cibo.

Il poeta allora si presentò al cospetto del Re e gli chiese il permesso di mettere a posto la faccenda.
Il Re ne fu ben lieto, anche se se ne pentì molto quando vide che il poeta stava uscendo dalle porte della città e si stava dirigendo verso l’accampamento dei nemici.
Questi, ovviamente, lo catturarono.
Appena arrivò nell’accampamento, il poeta disse:
"Il mio re mi manda in segno di pace a dilettarvi con la mia musica e il mio cantare".
Naturalmente tutte le guardie si presero gioco di lui ma il comandante disse:
"Lasciamolo pure cantare prima di venire ucciso".

Lug, che era il nome del poeta, prese la sua arpa e cominciò a cantare e suonare così dolcemente che tutti si commossero, poi ordinò: "Cetra, che tutti questi cavalieri diventino cavalli!".

E così fu.

Una parte furono presi dagli stallieri, altri furono lasciati allo stato brado ed è per questo che oggi esiste la razza del cavallo irlandese.

35 commenti:

  1. mi piacciono molto tutti i racconti, le fiabe, le leggende. Mi danno molta serenità. Mi piace aprire il tuo blog: è divertente scoprire com'è oggi il tu template.

    RispondiElimina
  2. Trillina assomiglia un po' al tuo...

    RispondiElimina
  3. Che bello ci vorrebbero allora più poeti nel mondo e chissà che le cose non cambierebbero.
    Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Ciao STELLA...ma hai provaro a far-lo? Un bacione

    RispondiElimina
  5. Quanti poeti così ci vorrebbero oggi!ce ne sarebbe di persone da far mutare in cavalli, ma altre non si meriterebbero di diventare animali così nobili, ma qualcos'altro di peggio. Se potessi mi ingegnerei...
    bacino

    RispondiElimina
  6. che bello sarebbe...tutti poeti, tutti capaci di emozionare e di provare per primi emozioni...tutti capaci di far vibrare le cord del cuore

    RispondiElimina
  7. Buon pomeriggio, cara Stella! Bellissimo e poetico post!

    RispondiElimina
  8. C'era una volta un mondo da favola ...
    C'erano poeti davvero Poeti che sapevano accarezzare le corde del cuore.
    C'eravamo noi, più disposti a credere ai "miracoli buoni" e alla speranza.
    Erano i tempi della nostra gioventù, dei capelli color del grano di giugno e dei pensieri che volavano su in cielo insieme con le rondini !
    Ciao, incomparabile Stella

    RispondiElimina
  9. Rosy, ci vorrebbero sia più poeti che uomini così...!

    RispondiElimina
  10. Chica grazie, tanti baci a te!

    RispondiElimina
  11. Roberta, ho fatto il dolce ma non è venuto buono come il tuo!

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Cara Paola, quadrupedi nobili credo che si nasca...con tutto il dovuto rispetto agli "altri".

    A ingegnarmi ci provo pure io...

    Bacione.

    RispondiElimina
  13. Cara Ele, esserlo tutti sarebbe pretendere troppo.
    Facciamo a metà? Sarei già contenta.

    RispondiElimina
  14. Ciao Ever, grazie e buona serata!

    RispondiElimina
  15. Piumini, mi piace tanto, tanto, non trovi che il suo cognome faccia pensare alla levità delle sue poesie e ai suoi raccontini????????

    RispondiElimina
  16. Ciao Fabiano, che bella sorpresa! Benvenuto.
    La gioventù è vero che passa, ma la Poesia invece resta e aiuta a mantenersi giovani.
    In un altro mio blog, quello delle poesie, è in atto un concorso.
    Per parteciparvi è però necessario avere un blog.
    Tu sei già registrato, dovresti comunque aprire un blog per consentirmi di pubblicare una tua opera, se vuoi partecipare.
    Il tema è la "Speranza" e il termine sarà il 31 gennaio.

    In alto, se clicchi su I° Concorso Ermes, puoi leggere il regolamento.
    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Teo piace molto anche a me.

    Sììììììììììììììì!
    Baci

    RispondiElimina
  18. fiabe per bambini che piacciona anche ai grandi...infatti mi è piaciuta molto! ciao e buona serata!!!

    RispondiElimina
  19. Bellissimo questo racconto del grande Piumini, che non conoscevo. Lui si...l'ho sentito recitare, anzi declamare i suoi versi ed è ...fantastico!!!!

    RispondiElimina
  20. Ciao cara "Stellina".

    GRAZIE per le bellissime "elargizioni" che ci regali...SEMPRE!!!

    Un baciotto e buon WE! KISSES. NI

    RispondiElimina
  21. Mi piacciono tanto i racconti di Piumini . Brava Stella.
    A presto
    Sisifo

    RispondiElimina
  22. Serenella,Piumini scrive racconti molto educativi

    RispondiElimina
  23. Nì, sei sempre molto carina con me, grazie.
    Baci

    RispondiElimina
  24. Stella, ancora non mi riesce a tramutare le persone in cavallini della Giara...Hi hih!!!!!
    by Lilly

    RispondiElimina
  25. Lilly dai tempo al tempo...
    Baci

    RispondiElimina
  26. Anche se mi piacciono i cavalli preferirei restare un essere umano.
    Non ho capito bene la morale?
    Buona notte.

    RispondiElimina
  27. Max, allora devi batterti per la Pace.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  28. Ohhh...sai, per alcuno microonda più potenti puoi togliere la torta un pò prima...se per caso hai il microonda a 600w puoi farlo per 1minuto e 40 + o -...è un dolce che si deve testare...comunque, l'importante è che la farina deve avere il lievito! un bacione.,grazie per aver provato

    RispondiElimina
  29. Grazie dei suggerimenti, Roberta.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...