16/01/10

50

OCCUPAZIONE E RIVOLUZIONE


Condivido la notizia dell'amico Favoloso, così potete conoscere anche questa triste realtà.

Mi chiedo : dove andremo a finire?

Occupazione e Rivoluzione!

A Trapani esiste(va) una realtà chiamata call-center, praticamente l’unica possibilità occupazionale seria in una città dove il lavoro non esiste e quando esiste è in nero e\o sottopagato.


La Multimedia Planet, unitamente alla B2B, questo il nome dell’azienda, dopo essere stata assorbita da Omega, sta purtroppo per chiudere i battenti.

Da quattro mesi i dipendenti del call center non percepiscono più lo stipendio e continuano a lavorare gratis et amore nella speranza, sempre più flebile, che la situazione possa prima o poi tornare alla normalità.
Solo che va sempre peggio, è buio pesto e non si vede neppure uno spiraglio di luce alla fine del tunnel.

Dall’altro ieri cinquanta coraggiosi dipendenti stanno occupando la sede di via Formica, nel tentativo di sensibilizzare il governo e l’opinione pubblica.
E gli occupanti, dopo aver trascorso già due notti in azienda, comunicano di essere pronti anche allo sciopero della fame.

50 commenti:

  1. Caspiterina!!!
    Il 2010 è all'insegna dello stress lavorativo... pensa che da noi hanno già annunciato che ci saranno ben 1400 unità in mobilità!!!
    Speriamo bene!!!
    Ciao Stella grazie della visita... felice weekend... un abbraccio!!!

    PS: la settimana scorsa avevo difficoltà ad entrare nel tuo blog... rilevava un malware... cerca di far girare più spesso l'antivirus... bacio!!!

    RispondiElimina
  2. La cosa più preoccupante è che realtà come queste si stanno spargendo a macchia d'olio, ne parlavo ieri con un'amica che ha un lavoro precario, non si sa se a fine mese le rinnoveranno il contratto ed il marito da tre mesi non percepisce lo stipendio. Ci si sente molto soli in queste circostanze perchè lo Stato non si prodiga nel risolvere queste questioni, nel tutelare il lavoro. La precarietà non è un bel vivere, si lavora e non si è tutelati nel lavoro, se ci si ammala si deve andare a lavorare ugualmente perchè c'è il ricatto sottinteso del licenziamento se ci si mette in malattia, non parliamo delle ferie che vengono a stento prese in considerazione. A Bologna ci sono realtà che sia Luca che io conosciamo in prima persona, che fanno accapponare la pelle. Ci auguriamo che questi problemi vengano affrontati seriamente e prima che sia troppo tardi!
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. Una continua emorragia di posti di lavoro che non riusciamo a fermare, purtroppo.

    RispondiElimina
  4. Paola siamo in un brutto momento davvero...temo il peggio...

    Il mio antivirus funziona bene, forse il giochino che avevo messo...aveva creato problemi.

    Un abbraccio a te e ci terrei alla tua partecipazione al concorso di poesia.

    RispondiElimina
  5. Sabrina e Luca, la vostra testimonianza accredita ciò che sta avvenendo...
    Un altro amico blogger scrive"Che i tempi sono cambiati te ne accorgi da tante piccole cose.
    Si incontrano conoscenti che non vedi da molto tempo, ti chiedono come stai ed una volta appurato che la salute va bene, la seconda domanda è:

    E il lavoro tutto bene? Come siete messi voi? Da noi è un casino..

    I tempi sono duri, lo capisci anche da queste piccole domande.."

    Speriamo in bene!

    RispondiElimina
  6. Angelo, emorragia difficile da arginare e si dice che la crisi è finita o non c'è mai stata...!!
    Come si fa a dire cose del genere?

    RispondiElimina
  7. Qui da me si sente meno, le realtà lavorative sono piccole e piccolissime aziende, se licenziano una persona o due alla volta non fa notizia.
    Ciao stella, buona domenica.

    RispondiElimina
  8. Che tristezza! anche da noi sta diventando ormai difficilissimo. I call center unico sbocco per i neo diplomati in cerca di un barlume di indipendenza, si ritrovano spesso a spasso, perché anche questi settori sono ormai inflazionati. O sei una grossa azienda o altrimeti, sei destinato a soccombere. E' questa la nuda realtà.
    by Lilly

    RispondiElimina
  9. Solidarietà ai lavoratori di Trapani.
    Purtroppo di realtà come questa ne esistono anche altre in Italia, seppure a macchia di leopardo.
    Ma nessuno sembra accorgersene e se non fosse per internet queste realtà rimarrebbero oscure a tutti.
    L'informazione delle tv pubbliche e private è in mano a chi detiene il potere e ha tutto l'interesse a far apparire che tutto va bene.
    I sindacati poi... neanche a parlarne ... anche loro cercano solo visibilità per i loro interessi.
    Vedi la segretaria dell'UGL, da un paio di anni e più è stata sempre in tv in trasmissioni varie ... per i lavoratori non ha fatto praticamente quasi nulla ... ma con il suo "saperci fare" si è guadagnata la candidatura alla presidenza della Regione Lazio .
    Era questo il suo intendo ... i lavoratori sono stati solo il suo "strumento"!
    Che pena e che vergogna.
    POVERA ITALIA!
    Buona domenica Stellina!

    RispondiElimina
  10. Ciao Stella ti ringrazio dell'invito a partecipare al concorso... sono andata a leggere il regolamento...
    Una cosa volevo chiederti... si possono includere le poesie già pubblicate nel mio blog?
    Un'altra cosa... ma sei sparita dall'elenco dei lettori???
    Perchè cercavo il blog delle poesie... ma non ti trovo più... hehehehe
    Ora scappo a nanna... dolce notte e buona domenica... un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Stele, mi dispiace per coloro che hanno perso il posto di lavoro,
    Purtroppo in alcuni momenti difficili della nostra vita possiamo solo contare su amici.
    Auguro buona fortuna e spero che il governo sarà sensibile a questa situazione.
    Paulo
    Buona domenica

    RispondiElimina
  12. Lilly i giovani sono sempre più penalizzati...
    Occorre correre ai ripari!

    RispondiElimina
  13. Miryam hai ragione...
    Grazie solo alla rete sono aggiornata in modo obiettivo e ho imparato a leggere tra le righe...
    Povera Italia!

    RispondiElimina
  14. Paola, ti ho risposto da te.
    Baci

    RispondiElimina
  15. Paulo, grazie della tua solidarietà!

    Il governo si deve svegliare prima che sia troppo tardi...
    Lieta domenica a te.

    RispondiElimina
  16. Roberta, per fortuna da te è diverso...

    RispondiElimina
  17. Ciao Stella si ho letto grazie...
    per quanto concerne la tua sparizione non è solo da me... ma da tutti i tuoi lettori... hai rettificato il tuo profilo da pubblico in anonimo bloccando tutte le transazioni per accedere ai tuoi blog... magari dai una controllatina...
    Vediamo se l'ispirazione arriva.... :-)))
    Felice domenica... un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Paola sto diventando matta per sbloccare la situazione.
    Mi dai indicazioni dove andare esattamente?
    Grazie.

    RispondiElimina
  19. Mi pare che la situazione sta veramente precipitando, se è tutto vero quello che scrivono i giornali non posso immaginare come andrà a finire!!!
    Una battuta... saremo tutti pensionati? però di sicuro non ci saranno più soldi per pagare nianche le minime...
    Buona domenica cara Stella,
    Tomaso

    RispondiElimina
  20. Paola ce l'ho fatta, grazie di avermi avvertita.

    RispondiElimina
  21. Tomaso ci troviamo in un periodo veramente brutto...

    RispondiElimina
  22. Ciao Stella, sono passata per salutarti e per ringraziarti per le tue care parole...
    ti lascio il mio buongiorno e un grandissimo abbraccio, ciao
    Maria Rosa

    RispondiElimina
  23. ma come? non avevamo tutti felici superato la crisi? lavoro per tutti, no? NO?

    RispondiElimina
  24. Wowowowow... sei riapparsa!!! hehehehehe
    Sei stata bravissima!!!
    Di nulla Stella... baciotti!!!

    RispondiElimina
  25. Buona domenica Stella.
    Un bacino.

    RispondiElimina
  26. Stella,stellina, un' idea folle.....protestare anche con gli scienziati,gli economisti,i politici, gli imprenditori,con tutte le persone che occupano posti di rilievo,protestare con dolcezza, senza acredine.....SONO TEMPI DIFFICILI LASCIATE IL POSTO A CHI E' COMPETENTE,LACIATE DA PARTE L' INVIDIA E LA SUPERBIA,SE LA NAVE AFFONDA,AFFONDIAMO TUTTI.

    RispondiElimina
  27. Stella,stellina, un' idea folle.....protestare anche con gli scienziati,gli economisti,i politici, gli imprenditori,con tutte le persone che occupano posti di rilievo,protestare con dolcezza, senza acredine.....SONO TEMPI DIFFICILI LASCIATE IL POSTO A CHI E' COMPETENTE,LACIATE DA PARTE L' INVIDIA E LA SUPERBIA,SE LA NAVE AFFONDA,AFFONDIAMO TUTTI.

    RispondiElimina
  28. mamma mia ogni volta trovo sempre una veste diversa nel tuo blog.Che brava che sei!!!!!!
    Per quanto riguarda il problema continuo a chiedermi se il nuovo anno ci farà ritrovare un pò di serenità e di GIUSTIZIA!!!!
    Siamo arrivati al punto di svegliarci al mattino e di ringraziare il Signore per il lavoro che ci darà giorno dopo giorno :-(((
    Ma nel mondo c'è anche di peggio :-(((
    kiss
    Lella

    RispondiElimina
  29. Grazie, Stella! A nome di tutti noi dipendenti B2B e Multimedia Planet!

    RispondiElimina
  30. Carissima Stella,
    è una realtà che purtroppo accomuna tantissime famiglie...i giovani hanno grose difficoltà a trovare un lavoro e soprattutto, quando lo trovano, non è mai una sicurezza su cui costruirsi un futuro....
    So di persone che, una volta laureate, hanno trovato un lavoro nel ramo giusto ma senza percepire stipendi......"forse arriveranno poi...forse...altrimenti dite grazie che non state a casa a far niente" questo si sentono dire...gratificante vero???
    Come diceva quanlcuno: si stava meglio quando si stava peggio!!
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  31. Cara Maria Rosa, che bello vederti di nuovo qui da me!
    Spero che tutto vada meglio, e che la strada non sia più tanto in salita.

    Bacioni a te e a Oceania.

    RispondiElimina
  32. Caro Fabio, le notizie dei media sono esattamente quelle dette da "altri"...

    RispondiElimina
  33. Paola, non hai idea di cosa ho dovuto combinare.
    L'importante è esserne venute a capo.
    Ancora grazie!

    Bacioni a te.

    RispondiElimina
  34. Achab, buon pomeriggio e baci a te.

    RispondiElimina
  35. Cara Teo, la tua non è un'idea bislacca.
    Purtroppo le redini sono governate da pochi, quindi simao in tanti a doverci adeguare.
    Protestare con garbo, come dici, serve a poco...

    RispondiElimina
  36. è scritto nella pagina principale..il segno zodiacale....Grazie per aver risposto alla mia domanda!
    Purtroppo,queste sono realtà tipiche del sud...
    Ciao,ciao Lucia

    RispondiElimina
  37. Cara Lella, il mio template è opera di "benefattori e volontari" che mi coccolano e mi viziano, assecondando le mie richieste.
    Il discorso lavoro si fa ogni giorno più pesante, nonostante le affemazioni ufficiali secondo cui la crisi è passata...
    Dobbiamo pensare ai giovani,perchè il futuro è loro!

    Bacioni.

    RispondiElimina
  38. Cara Giò, in questi frangenti la solidarietà è d'obbligo.
    Mi dispiace molto per la tua situazione,speriamo in una svolta positiva.
    Ti abbraccio forte e ti aspetto ancora!

    RispondiElimina
  39. Cara Pasti, ma la crisi non era finita?!?!?!
    Almeno così cercano di farci credere...ma la realtà è ben altra, quella che tu hai descritto benissimo.
    Una volta i laureati accettavano qualsiasi lavoro, però venivano remunerati!
    Adesso manco quello.
    I cicli storici si ripetono per fortuna: Dopo il periodo delle vacche magre, ritorna quello delle vacche grasse.
    Speriamo di non doverlo aspettare troppo!
    Bacioni.

    RispondiElimina
  40. Cara Lucia, al sud la situazione lavorativa sarà più drammatica ed eclatante, ma credi pure che anche al nord non si scherza, solo che le notizie n on fanno tanto rumore...
    Molti sono in cassa integrazione, e con i figli a carico c'è poco da stare allegri.
    Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  41. La mia solidarietà a questi lavoratori. Di male in peggio, conosco diverse persone in questa situazione e devo dire che vivono in uno stato di prostrazione continua e di sfiducia verso il futuro.
    Ciao buona domenica

    RispondiElimina
  42. Solidarietà ai dipendenti e tutti i lavoratori.In tutta Italia ci sono aziende che chiudono e lo schifo di tutto questo che la tv non mette in risalto queste situazioni.Molte notizie trafilano solo su internet che tra poco rischia la censura grazie a un decreto che in questi giorni è in discussione in parlamento;vorrei solo sapere chi garantisce la democrazia e la libertà di pensiero in Italia?Mi scuso se sono andato fuori tema;ma veramente è assurdo che la crisi la devono pagare sempre le categorie più deboli mentre i veri responsabili sono sempre tutelati.
    Stella grazie di questi post che pubblichi che mette in risalto temi cari a tutti.Ti auguro una buona serata,saluti a presto

    RispondiElimina
  43. Cara Stella,
    grazie infinite per esserti mobilitata linkando il mio post... vedo che anche Giò, diretta interessata, ti ha commentato!
    Beh che dire?
    Grazie a nome di tutti i miei amici trapanesi e speriamo davvero in una svolta positiva!

    P.S: Complimenti per il template, davvero molto carino ;-P

    RispondiElimina
  44. Stella,

    purtroppo è dappertutto così....e si continua a far credere che la crisi sta finendo... (qui abbiamo i dipendenti della Clinica sul tetto....da mesi...)

    Un grande bacio
    Ornella

    RispondiElimina
  45. Cavaliere, non sei andato fuori tema...la realtà è dura e hai ragione...
    Speriamo sempre che qualcosa cambi...

    RispondiElimina
  46. Favoloso non devi ringraziarmi...

    Il template?

    Impara come si fa...lo volevo così e tu?

    Mi hai accontentata, grazie amico caro.

    RispondiElimina
  47. Ornella, seguo, seguo...
    Ieri sera ti ho vista al tg3 e ho urlato: ce l'ha fatta, ce l'ha fatta...
    Siamo in salita.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  48. grazie per la segnalazione...felice serata :)

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...