25/01/10

41

I GIORNI DELLA MERLA


I cosiddetti giorni della merla sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio:

29, 30, 31, considerati i giorni più freddi dell'inverno.

Vi sono diverse leggende al riguardo, io preferisco questa molto intensa


LEGGENDA





Gli ultimi tre giorni di gennaio, il 29, 30 e 31, capitò a Milano un inverno molto rigido. La neve aveva steso un candido tappeto su tutte le strade e i tetti della città.
Un merlo, una merla e i loro tre figlioletti erano venuti in città sul finire dell'estate e avevano sistemato il loro rifugio su un alto albero nel cortile di un palazzo situato in Porta Nuova.


Poi, per l'inverno, avevano trovato casa sotto una gronda al riparo dalla neve che in quell'anno era particolarmente abbondante.



Il gelo rendeva difficile trovare le provvigioni per sfamarsi; il merlo volava da mattina a sera in cerca di becchime per la sua famiglia e perlustrava invano tutti i giardini, i cortili e i balconi dei dintorni. La neve copriva ogni briciola.
Un giorno il merlo decise di volare ai confini di quella nevicata, per trovare un rifugio più mite per la sua famiglia.
Intanto continuava a nevicare.
La merla, per proteggere i merlottini intirizziti dal freddo, spostò il nido su un tetto vicino, dove fumava un comignolo da cui proveniva un po’ di tepore.Tre giorni durò il freddo. E tre giorni stette via il merlo.
Quando tornò indietro, quasi non riconosceva più la consorte e i figlioletti che erano diventati tutti neri per il fumo che emanava il camino.




Nel primo dì di febbraio comparve finalmente un pallido sole e uscirono tutti dal nido invernale; anche il capofamiglia si era scurito a contatto con la fuliggine.


Da allora i merli nacquero tutti neri; i merli bianchi diventarono un'eccezione di favola.


Immagini : www.midisegni.it

41 commenti:

  1. bella storia
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  2. Maga di Endor ha detto...

    Ciao stella! Che carina questa leggenda...Non la conoscevo. Da quando ho il blog, mi sto faccendo una cultura di fiabe, leggende e tradizioni di tutta Italia. Mi sembra di viaggiare a velocità impressionante. Di essere lì da te, che me la racconti.
    Grazie.
    Ciao bella Stella!
    Lilly

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella, va bene così, hai riscritto tu il mio commento. Non problem.
    ti abbraccio
    Lilly

    RispondiElimina
  4. E' proprio carina questa favoletta, che non conoscevo.
    Buona settimana, Martin

    RispondiElimina
  5. Lilly è che avevo modificato il post dove tu avevi commentato e ne apparivano due.
    Grazie.

    RispondiElimina
  6. Martin grazie, buona settimana a te.

    RispondiElimina
  7. Bella leggenda, non la conoscevo
    ciao Stella
    serena giornata

    RispondiElimina
  8. sempre belle storielle .... :-)

    RispondiElimina
  9. Ciao Stellina ,bellissima questa leggenda, quand'ero piccolino mi veniva raccontata molto spesso in questi giorni.. io sempre attentissimo e curioso durante l'ascolto,adesso che sono adulto,rimango ancora molto affascinato da questa storia.
    Ciao buona settimana.

    RispondiElimina
  10. Ciao Stella bellissima questa leggenda...Ti abbraccio forte...P.S.posso partecipare anch'io al concorso?

    RispondiElimina
  11. sai Stella...appena arrivai qui a Milano 6 anni fa,mi raccontarono questa leggenda,che mi piacque subito...a Napoli,neve e camini non è che se vedano tanti!
    Baci Lu

    RispondiElimina
  12. ...../(
    ...(,,")....-:¦:-
    __,||,__....)
    █████..../(
    █████..(,,")
    █████_.,||,.
    █████▒▒▒(>" "<)
    █████▒▒▒(=´O`=)
    █████▒▒▒-(,,)--(,,)

    Ensendamos una velita por Haiti y Oremos por todos nuestros hermanos de Haití que estan sufriendo una desgracia y necesitan de una mano amiga tanto ellos como los animalitossss...

    GRACIAS POR TU COMPAÑIA.
    FELIZ SEMANA TE DESEA MUNDO ANIMAL.
    CHRISSSSSSSSSSSSS

    RispondiElimina
  13. Buon Giorno Radiosa Stella del Mio cuore,
    come ogni fiaba, c’è sempre un fondamento di verità, una MORALE che dovrebbe farci riflettere su tante cose della vita. Il nero è la compensevole bilanciante controparte di quel bianco, così come ogni buio è la parte che ci permette di vedere le natie radiose stelle invisibili di giorno. Quella famiglia di merli, per amore ridiscesero nelle fuliggini NERI della materia, (peccato originale, che peccato non è) nascondendo la loro BIANCA NATURA, (animico/spirituale) che nel continuo tempo sarebbe riapparsa con i primi raggi del SOLE INTERIORE (coscienza/consapevolezza del divino padre/madre) che innato è celato in cosa, là dove pulsa un cuore. (particelle di coscienza)

    RispondiElimina
  14. Secondo la leggenda i prossimi giorni saranno ancora più freddi? mamma mia io già non ce la faccio così!!!

    RispondiElimina
  15. Dino, felice pomeriggio.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Bruno...vivevo e vivo per le storielle...

    RispondiElimina
  17. la conoscevo pure io! comunque leggenda o no.. mi sa che dobbiamo aspettarci un po' di freddo extra!

    RispondiElimina
  18. Adam è ancora più bello essere affascinati da adulti...il "fanciullino" che è in noi reclama.
    Grazie per avere riportato il tuo scritto.
    Baci

    RispondiElimina
  19. Lu ecco cosa mi sfuggiva...sei napoletana e come fai a vivere a Milano?
    Io sono abituata a Torino perchè ci vivo dall'età di 16 anni e inoltre è una città che mi piace molto.
    Ti voglio ancora più bene.
    Baci.

    RispondiElimina
  20. Chrisss tutti noi siamo addolorati per l'immane tragedia avvenuta ad Haiti.
    Preghiamo e offriamo solidarietà.
    Ti abbraccio forte e ti auguro buona settimana con un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  21. Raffaele grazie della minuziosa analisi spirituale.
    Baci

    RispondiElimina
  22. Suysan non ci resta che coprirci come befane, le "vecchie" befane...

    RispondiElimina
  23. Fabio, dovrebbe essere così!

    RispondiElimina
  24. Bella storiella sorellina! I giorni della merla quest'anno sono arrivati in anticipo, fa un freddo! ed io sono tutta raffreddata! Bacioni sorellina....

    RispondiElimina
  25. Marina anche qui, freddo pungente...
    Baci piccola!

    RispondiElimina
  26. ma che bello, anche con i disegni da colorare! grazie, utilizzerò la leggenda per gli alunni di I... buona serata!

    RispondiElimina
  27. anche io amo questa versione della legenda...stanno arrivando i giorini più freddi! buona serata

    RispondiElimina
  28. Stella...qui nevica da matti!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  29. Upupa quanto mi dispiace per i terremotati al freddo...

    RispondiElimina
  30. Ciao Stella, i giorni della merla e in particolare il 30, è a me molto caro...non tanto per la leggenda sui merli ma perchè è il mio anniversario di matrimonio, quest'anno sarà il...7 accipicchia mi sono dimenticata un numero.... il 17°, speriamo che non mi porti troppa sfortuna!!!
    Un caro saluto, roberta;))

    RispondiElimina
  31. Roberta finchè c'è amore reciproco, non c'è numero che tenga.
    Tranquilla e augurissimi.

    RispondiElimina
  32. :)
    smakkkkkkk
    ...che bella storia...
    abbraccio
    azzurra

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...