02/01/10

50

ANGOSCIA E TERRORE


La Storia Dell'Auto Fantasma

QUESTA E' UNA STORIA VERA CHE ANCORA OGGI SI RACCONTA TRA I VICOLI STORICI DI ALCUNE CITTA' DEL SUD ITALIA...SEMINANDO ANGOSCIA E TERRORE

Pare che qualche anno fa, in una oscura e tenebrosa notte autunnale, un tale era fermo sul bordo della strada facendo l'autostop. Era il due novembre e si stava scatenando una terribile tormenta. Dopo molto tempo, ancora non si era fermato nessuno ed il tale si venne così a trovare in mezzo alla tormenta, talmente forte che non riusciva a vedere oltre i tre metri di distanza. Improvvisamente, vide avvicinarsi una sagoma, che alla fine realizzò essere quella di un'auto nera delle pompe funebri: si avvicinava lentamente e si fermò proprio di fronte. Il tale non si fece pregare: salì nell'auto e chiuse la portiera. Dopo essersi accomodato sul sedile anteriore, si girò e notò con terrore che non c'era nessuno al posto di guida.

L'auto ripartì lentamente.

Il tale era sopraffatto dal terrore, che aumentò a dismisura quando notò che l'auto si stava inesorabilmente dirigendo verso una curva a gomito.

Allora iniziò a pregare chiedendo perdono dei peccati e implorando la salvezza della sua anima, in vista del tragico destino. Improvvisamente, poco prima dell'approssimarsi alla curva, una mano tenebrosa entrò dal finestrino del posto di guida, afferrò saldamente il volante e sterzò, poi scomparve.

Paralizzato dal terrore, il tale si aggrappò con tutte le sue forze al suo sedile, rimanendo immobile e impotente. Tale macabro evento si verificò ad ogni curva, mentre la tormenta andava aumentando di intensità. Il terrore divenne panico quando cominciò a udire distintamente dei sospiri ovattati che provenivano da dietro, si voltò ma vide solamente una bara. Allora, sopraffatto dalla paura, con le ultime forze rimastegli aprì di scatto la portiera e si gettò fuori, iniziando a correre a più non posso verso il paesino più vicino che distava non più di un paio di chilometri. Ivi giunto, si diresse al più vicino bar, entrò e ancora affannato e tremante chiese un cognac. Visto il suo stato, alcuni dei presenti si incuriosirono e gli chiesero cosa fosse successo, e lui raccontò la orribile esperienza che aveva vissuto.

Un silenzio di tomba scese nel locale, il terrore si impossessò dei pochi presenti.

Dopo circa mezz'ora si presentarono nel locale due tizi bagnati fradici, e appena varcato l'uscio notarono il tale in piedi al centro del bancone.

Avvicinandosi, uno dei due si rivolse all'altro dicendo:
Guarda, Giuva', guarda dove sta chillu strunz che è salito sull'auto mentre la stavamo spingendo!!!



CIAO BELLI

50 commenti:

  1. A quanto leggo sei una sadica. Mi hai fatto soffrire sino alla fine e poi...colpo di scena!
    Ma le vai a pescare tutte tu queste perle?
    Grazie per la risata...finale però.

    RispondiElimina
  2. Aldo Qualcuno ha scritto : il fine giustifica i mezzi...
    La risata alla fine è arrivata.

    RispondiElimina
  3. Ciao..hahahahahh! molto bella.
    Buon weekend.

    RispondiElimina
  4. Adamus, come vedi, ti ho preso alla lettera questa volta...
    Buone Feste!

    RispondiElimina
  5. Col fiato sospeso fino alla fine!
    Solo tu potevi scrivere un racconto del genere!
    Ciao Stellina

    RispondiElimina
  6. Mi sembrava Star che viravi all'horror, sapendo che ne sei allergica gggrrrrrrrrr carina però la storiella ffffffrrrr un bacio

    RispondiElimina
  7. Feli, infatti!
    Ma questo horror è diverso...

    RispondiElimina
  8. Roba che gli viene un infarto per scroccare un passaggio.

    RispondiElimina
  9. Veramente bello questo racconto; un misto tra horror e comicità; complimenti davvero;

    RispondiElimina
  10. Ma questo "orror" con finale inusuale, non era quello di Adamus, che se ci penso continuo a ridere anche adesso? ahahahahahah Troppo bella questa storiella e rileggerla mi fa un'altra volta sgarrare dalle risate. Ciao Stellina, baciotti Bruna

    RispondiElimina
  11. Bruna, Adam gentilmente me ne ha fatto dono.

    RispondiElimina
  12. NON mollate con gli indovinelli!

    RispondiElimina
  13. Stellinaaaa, dopo aver letto tutto mi sono fatto una risata con i fiocchi e controfiocchi!
    E' certo che le leggende e le storie popolari hanno sempre presa sicura,e non solo sui piccoli...

    Ciao, un bacione.

    RispondiElimina
  14. Happy New Year
    or in Dutch we say
    Gelukkig Nieuwjaar :-)

    Kareltje =^.^=
    Anya :-)

    RispondiElimina
  15. Stella mi hai fatto venire ptima i brividi, poi le lacrime agli occhi e infine un'ideeuzza niente male che spero di sviluppare presto... ma non è ancora tempo per parlarne!!!

    RispondiElimina
  16. Grande e anche tecnicamente credibile!Dove le vai a trovare,Stella!?

    RispondiElimina
  17. Leo ho amici molto...generosi...

    RispondiElimina
  18. UDITE, UDITE...
    Mary ha risolto tutti gli indovinelli, merita un applauso!

    RispondiElimina
  19. Ho letto la storia con molta attenzione, ma alla fine ti ci ho mandato... bonariamente e con tanta simpatia!
    Santa notte sorellina e non farti venire in mente altre storie strane... Scherzo ovviamente!

    RispondiElimina
  20. molto,molto bella davvero!
    Mi è piaciuto sopratuutto il finale,mozzafiato!
    Baci Lucia

    RispondiElimina
  21. l'ho letta insieme a mio figlio e ci siamo divertiti moltissimo. Saluti e auguri di buon anno.

    RispondiElimina
  22. Grazie per la risata che mi hai regalato!
    Buon anno!
    Rosa

    RispondiElimina
  23. E Stellaaaa, non si fa così. Mi hai letteralmente terrorizzata e poi mi sono sciolta in una risata liberatoria!

    RispondiElimina
  24. Una storiella molto intrigante che alla fine, fa esplodere in una risata davvero spontanea e scaricatrice.
    Cia ciao

    RispondiElimina
  25. ATTENZIONE : Mary vi aspetta nel post precedente...

    RispondiElimina
  26. Marina, ogni tanto si può mandare a...quel paese!

    RispondiElimina
  27. Giuseppe, benvenuto e Buon Anno a te.

    Potrebbero interessare altri raccontini che trovi tra le mie etichette.
    Felice domenica.

    RispondiElimina
  28. Sere era capitato anche a me la prima volta che l'ho letto.

    RispondiElimina
  29. Paola sono contenta.
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  30. Buona domenica Stellina...
    Sempre molto "originale":DDDD
    Tra il macabro ed il comico ...e l'apnea emotiva fino all'ultimo :)))*
    UN BACIO!

    RispondiElimina
  31. Miryam, posso smentirmi, nè....
    Bacio grande.

    RispondiElimina
  32. dopo alcuni giorni di silenzio... ho letto questo post con l'anima in pena, poi... finale inaspettato! buon anno carissima, ricco di sorprese come tu sai fare a noi! buona giornata...

    RispondiElimina
  33. "killu strunz" ah ah ah ...la battuta in dialetto dà il tocco finale ...molto bella !

    Buon Anno cara Stella !

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  34. Raggio, mi piacciono le sorprese...

    RispondiElimina
  35. l'ho letta tutta d'un fiato e mi è piaciuta tanto...grazie...buon anno

    RispondiElimina
  36. la data del 2 novembre e la tormenta servono a creare l'atmosfera quasi horror :-) bellissima!!!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...