20/12/09

29

SALVATORE DI GIACOMO

L'amico Gaetano mi aveva suggerito di pubblicare la bellissima poesia che segue.
Andando a cercarla, l'ho trovata bene illustrata da Rosamare che ringrazio di cuore.



pianefforte 'e notte

insonnia

autor Salvatore di Giacomo

icona pianoforte

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.

icona stelle

E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.

icona pianoforte

Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!

icona stelle

Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.

icona pianoforte

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

icona stelle



In una notte piena di stelle il poeta ode il suono di un pianoforte lontano: è come se egli udisse una dolce ninna nanna, al cui suono il vicolo, sul quale egli è affacciato, si addormenta.
Il motivo presto cessa; il vicolo, per il tacere della musica, pare essere immerso in una maggiore oscurità.
Solo il poeta attende ancora, e pensa; quelle note hanno risvegliato nel suo cuore risonanze nostalgiche.

29 commenti:

  1. Ciao cara! Bellissima poesia...
    Scusami se negli ultimi tempi ti ho visitato poco, ma sono stata tanto impegnata...
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  2. AUGURI CARISSIMA AMICA.
    FELICI E RADIOSE FESTIVITA'.
    BACI.
    VALE

    RispondiElimina
  3. bellissima poesia
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  4. Serena e buona domenica, Stella! Un bacio

    RispondiElimina
  5. qui si sta preparando un grand eNatale...anche io fisserò il cielo con voi :)

    RispondiElimina
  6. l'inizio mi era capitato già di leggerlo...buon natale

    RispondiElimina
  7. Cara Marina, ero un po'preoccupata infatti, pensavo a motivi di salute.
    Se si tratta di impegni, ti capisco benissimo.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  8. Caro Pierre, ricambio di tutto cuore.
    Che il Natale ti porti tutto ciò che desideri.
    Bacioni...sotto il vischio!

    RispondiElimina
  9. Michele, mi canti una serenata? In alternativa puoi sempre suonarmela...

    RispondiElimina
  10. Cara Anto, buona serata festiva.

    RispondiElimina
  11. Cara Lo, saremo certamente in tanti!
    E' un'iniziativa molto bella.

    RispondiElimina
  12. Cara Pupottina, buona domenica sera!

    RispondiElimina
  13. grazie alla tua traduzione l'ho potuta apprezzare. dolcissima....

    RispondiElimina
  14. Raggio, in napoletano rende di più.

    RispondiElimina
  15. Che lingua suggestiva il napoletano, amo le loro poesie e canzoni, bellissimo omaggio cara.
    Un abbraccio miagoloso miao miao

    RispondiElimina
  16. Ciao Stella, dolce e tenera poesia, in napoletano risulta molto musicale.
    La sera di Natale non mancherò di guardare la stella più luminosa.
    Ciaooo.

    RispondiElimina
  17. auguri e buon anno da me e datutta la tribù

    RispondiElimina
  18. Feli mi fa piacere che hai apprezzato...

    RispondiElimina
  19. Teo allora a presto nella magica notte...

    RispondiElimina
  20. Il grandissimo "Gegè" Di Giacomo, quando ho letto il titolo del post ho subito pensato ad una canzone!
    Beh, la sua poesia è musica, c'è poco da fare e questi versi ne sono l'ulteriore conferma.

    Grazie stellina, buona serata!

    RispondiElimina
  21. Paola ricambio dal profondo del cuore a te e alla tua tribù..

    RispondiElimina
  22. tanti auguri di un felice natale
    domenico sulle ali di una farfalla

    RispondiElimina
  23. "Mo' vene Natale, nun tengo denare… me fumo 'na pippa e me vaco a cuccà…" (Adesso viene Natale, non ho denari...mi fumo una pipa e me ne vado a letto...)

    Così iniziava un'antica filastrocca natalizia napoletana che i cittadini di quella che fu la capitale del Sud, e che abbiano non meno di almeno 40 anni, ricordano perfettamente. Si potrebbe subito commentare che allora i napoletani evidentemente non se la sono mai cavata un granché bene, ma non è propriamente così.
    Innanzitutto per una ragione strettamente cronologica: ovvero la filastrocca detta e accennata a mo' di canzoncina "cantilenante" è del secolo da poco trascorso e non così antica da essere nata in anni antecedenti all'unità d'Italia.
    Una caratteristica però la contraddistingue : viene fuori e ce la si ricorda in particolare nei giorni prenatalizi di anni bui e di grande difficoltà economica. Possiede, al pari, la qualità insita nei proverbi napoletani : puntualità e tempistica appropriata di citazione cui contribuisce la ben nota arguzia in cui i napoletani sono maestri.1)

    E a chi non fuma, resta 'nu "Pianofforte 'e notte".

    Grazie Stella, e buone festività a te ed ai tanti amici di questo blog,
    Gaetano

    1) http://www.eleaml.org/nicola/collaboraz/mo_vene_natale.html

    RispondiElimina
  24. Caro Gaetano, i tuoi commenti sono preziosi e molto graditi.
    Sono andata a curiosare presso il link che mi hai suggerito : molto interessante.

    Auguri di Buone Festività a te e famiglia.

    RispondiElimina
  25. Molto bella.Buon Natale Stella

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...