27/12/09

38

INCORAGGIAMENTO

Il lago del Parco

Due uomini, entrambi gravemente ammalati, occupavano la stessa stanza d’ospedale. Uno dei due doveva sedersi sul letto un’ora al giorno, durante il pomeriggio, per espellere delle secrezioni polmonari e respirare meglio. Il suo letto si trovava di fianco all’unica finestra nella stanza. L’altro uomo era costretto a passare supino le sue giornate.

I due compagni di sventura si parlavano per ore. Parlavano delle loro mogli e delle loro famiglie, descrivendo le loro case, il loro lavoro, la loro esperienza al servizio militare ed i luoghi dov’erano stati in vacanza. Ed ogni pomeriggio, allorché l’uomo nel letto vicino alla finestra si poteva sedere, questi passava il tempo a descrivere al suo compagno di stanza tutto quello che vedeva fuori.

L’uomo nell’altro letto cominciò a vivere nient’altro che per questi periodi di un’ora, durante i quali il suo mondo si apriva e si arricchiva di tutte le attività ed i colori del mondo esterno.

Dalla camera, la vista dava su di un parco con un bel lago. Le anatre ed i cigni giocavano nell’acqua, mentre i bambini facevano navigare i loro modelli di battelli in scala. Gli innamorati camminavano a braccetto in mezzo a fiori dai colori dell’arcobaleno. Degli alberi secolari decoravano il paesaggio e si poteva intravedere in lontananza profilarsi la città.

Mentre l’uomo alla finestra descriveva tutti questi dettagli, l’altro chiudeva gli occhi e si immaginava le scene pittoresche.

Durante un bel pomeriggio, l’uomo alla finestra descrisse una parata che passava lì davanti.

Sebbene l’altro uomo non avesse potuto udire l’orchestra, riuscì a vederla con gli occhi della propria immaginazione, talmente il suo compagno la descrisse nei minimi dettagli.

I giorni e le settimane passarono. Una mattina, all’ora del bagno, l’infermiera trovò il corpo esanime dell’uomo vicino alla finestra, palesemente morto nel sonno. Rattristata, essa chiamò gli addetti della camera mortuaria perché venissero a ritirare il corpo.

Non appena sentì che il momento fosse appropriato, l’altro uomo chiese se poteva essere spostato in prossimità della finestra.

L’infermiera, felice di potergli accordare questo piccolo favore, si assicurò del suo confort e lo lasciò solo. Lentamente, sofferente, l’uomo si sollevò un poco, appoggiandosi su di un sostegno, per gettare un primo colpo d’occhio all’esterno.

Finalmente, avrebbe avuto la gioia di vedere lui stesso quanto il suo amico gli aveva descritto. Si allungò per girarsi lentamente verso la finestra vicina al letto, e tutto ciò che vide fu un muro!

L’uomo domandò all’infermiera perché il suo compagno di stanza deceduto gli avesse dipinto tutta un’altra realtà. L’infermiera rispose che quell’uomo era cieco, e che non poteva nemmeno vedere il muro.
“Forse ha solamente voluto incoraggiarvi “, commentò.

38 commenti:

  1. Cara stella,molto bello questo tuo racconto,per passare inosservato,brava.
    buona serata nonna gianna.
    PS.il mio tempo davanti il PC.
    per i miei occhi era scaduto ma
    non importa...

    RispondiElimina
  2. forse ...il sapere immaginare ci porta a vedere le cose più belle, più vere...un bacione

    RispondiElimina
  3. commovente.....
    vede bene chi vede con il cuore....
    grazie stella
    un bacio
    azzurra

    RispondiElimina
  4. Emozionante questo raconto,Stela!baci,chica

    RispondiElimina
  5. E' un post bellissimo .. carico di SPERANZA. Lo conoscevo già .. rileggerlo è sempre emozionante. A volte basta davvero poco per stare bene ... Baci.

    RispondiElimina
  6. Mi sono commossa Stella.
    Baciotti

    RispondiElimina
  7. Quanto poco ci vuole per fare felice chi ti sta vicino.
    Cara Stella questo racconto mo ha veramente toccato nell'anomo del mio cuore questo commovente racconto fa vedere la fantasia di ognuno di noi che tutto cerchiamo di fare per dare un po di serenita al tuo vicino! ma haimè la realta tante volte è molto diversa ognuno di noi ha un tesoro in fondo al cuore, troppo pochi lo aprono agli altri per farli per un momento felici.
    Buona giornata cara amica del mio cuore, Tomaso

    RispondiElimina
  8. Sei riuscita a farmi scendere due lacrime...
    Gli occhi dell'anima sanno vedere cose meravigliose se nella persona vive la poesia

    RispondiElimina
  9. buon inizio ultima settimana e buon fine anno ^____________^

    RispondiElimina
  10. Gianna è troppo bello stare insieme...
    Baci

    RispondiElimina
  11. ciao Stella,ti rinnovo i miei complimenti per le storie che scrivi,per come li racconti...un abbraccio lucia

    RispondiElimina
  12. Grazie Stella,
    riesci sempre a toccare il mio cuore!
    Alexia

    RispondiElimina
  13. Ciao tesoro...bellissimo racconto...lo conoscevo già...ma fà sempre bene rileggerlo.Sei invitata da me per un'inagurazione...vieni ti aspetto.Un bacione.

    RispondiElimina
  14. Cara Azzurra,è vero. Chi vede con il cuore fa vedere anche chi purtroppo non ha la vista...
    Quale bene prezioso!

    RispondiElimina
  15. Chica, lo sai già che il mio blog è principalmente per i valori.
    Bacioni !!

    RispondiElimina
  16. Cara Zoè, anche questo racconto mi ha colpita subito, appena letto.
    Ha continuato a farlo anche quando l'ho pubblicato.
    Hai ragione,a volte ci vuole proprio poco per stare bene.

    Bacioni!

    RispondiElimina
  17. Mary, siamo in due...ma penso che saremo anche di più!

    Bacioni.

    RispondiElimina
  18. Tomaso, nella vita a volte è più facile essere egoisti e pensare solo a se stessi...e non va bene!
    "Fai al prossimo tuo ciò che vorresti venisse fatto a te stesso"...non c'è altro da aggiungere.
    Buon pomeriggio caro amico.

    RispondiElimina
  19. Cara Angelo, gli occhi dell'anima riflettono ciò che suggerisce il cuore!

    RispondiElimina
  20. Cara Lucia, mi gratifichi con questo commento, grazie!

    RispondiElimina
  21. Alexia, è perchè sei sensibile anche tu.

    RispondiElimina
  22. Cara Fru, ho partecipato volentieri all'inaugurazione del tuo nuovo blog, complimenti!

    RispondiElimina
  23. Para el nuevo año que está a punto de llegar, deseo que la ilusión y la paz te sigan llegando
    y se cumplan tus deseos.

    Feliz año 2010
    un abrazo
    RMC

    RispondiElimina
  24. RMC grazie del bell'augurio.
    A te auguro tanto AMORE.
    Baci

    RispondiElimina
  25. gli occhi dell'anima fanno vedere ciò che si vuole vedere, ma non è sempre facile! ogni giorno, un po' di ottimismo aiuta a vivere meglio!
    buona serata con un abbraccio!

    RispondiElimina
  26. Buenas tardes gracias por tu compañia durante este año que ya se nos va, deseo que la paz secuestre tu vida, el amor inunde tu alma y la felicidad se refleje en tu cara, te deseo de corazón todo lo bueno que te mereces y que tengas una hermosa semana besitos.
    Feliz Año Nuevo 2010.

    RispondiElimina
  27. Lucero grazie anche a te per la compagnia.
    Che il nuovo anno ti porti tutto ciò che desideri.
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  28. Una bellissima storia, toccante, che ci spalanca gli occhi letteralmente: per vedere il più delle volte non serve la vista; anzi, chi vede e osserva con il cuore ha molte più possibilità di chi non ha difetti alcuni alla vista. E' un saggio incoraggiamento a poter fare e dare di più. Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Sì Paoletta.
    Ti piace la sorpresa?

    RispondiElimina
  30. Vedere,guardare e osservare sono "sinonimi" ma se riflettiamo sul loro significato possiamo dedurre che c'è una sottile ma "grande" differenza.
    Lo faccio notare spesso ai più giovani.
    Si può benissimo "guardare" e "osservare" senza vista ... e soltanto, limitatamente, "vedere" con i propri occhi!
    Bellissimo e profondo racconto.
    Baci!

    RispondiElimina
  31. che meraviglia vedere con gli occhi della mente, con l'immaginazione ciò che gli occhi non possono vedere. Una storia commovente e vera...complimenti per il blog tutto vestito a festa con il concerto di Capodanno e l'invito al party. scusa se non ho partecipato agli indovinelli sui tuoi regali e ...buon anno nuovo!

    RispondiElimina
  32. Ele, grazie delle tue visite.
    Un 2010 fantastico!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...