13/11/09

48

Lezioni di "bon ton" e "savoir faire"

È molto più facile essere un eroe che un galantuomo
Eroi si può essere una volta tanto; galantuomini, si dev'esser sempre

(Luigi Pirandello)


Se non la capite subito, non preoccupatevi, anch'io ci ho messo un po'...per arrivarci





I veri galantuomini si riconoscono subito...
2009..... la gente è sempre più maleducata ed in famiglia ormai ci si sbrana per un nonnulla....per tale motivo stanno andando di moda sempre più i corsi di buone maniere,magari in alberghi bellissimi con piscina termale,massaggi e fitness....

In uno di questi, l'insegnante dice ad un allievo:
"Dunque, Paolo, mettiamo che tu stia facendo la corte ad una fanciulla di buona famiglia, molto bene educata, e che durante una cenetta intima tu abbia bisogno
di andare in bagno che cosa le diresti?"

"Aspettami un secondo, cara, vado a pisciare!"
"Oh no, accidenti!!! Questo sarebbe molto grossolano e maleducato da parte tua!"
Matteo sentiamo un pò, che cosa le diresti tu?"

"Scusami tesoro...... devo andare alla toilette, ma torno subito!"

"Beh, va già meglio... Ma è comunque sgradevole menzionare la toilette durante il pasto."

E tu.... Giovanni, come useresti la tua intelligenza per dimostrare le tue buone maniere?"

"Permettimi di assentarmi un momento, mia cara:

devo contattare un amico che spero di poterti presentare dopo cena ...."

48 commenti:

  1. ciao Stella
    i numeri che mi hai chiesto ti sono stati assegnati
    A presto
    Lucia

    RispondiElimina
  2. Condivido in pieno il tuo post cara Stella.Il bon ton è merce rara,oggi sembra essere di moda la maleducazione e il non rispetto verso gli altri.Forse un passo indietro nei vecchi tempi non guasta,quando le buone maniere erano la norma.
    Ti auguro una felice giornata a presto

    RispondiElimina
  3. E' una storiella molto carina ed...elegante. Ciao, Martin

    RispondiElimina
  4. Bella lezione di bon ton, anche se signori si nasce...con un po' di sforzo si può anche miglioare.
    Buon fine settimana. :D

    RispondiElimina
  5. Eheheheh forte il terzo! Gentile ma dritto al punto :-D
    Eh già, le nuove generazioni non sanno cosa sia il rispetto e l'educazione, ma la colpa, ovviamente, è nella maggior parte dei casi da riversarsi sui genitori.
    Buona giornata cara Stella!

    RispondiElimina
  6. Grande l'ultima risposta..ma dove le trovi,Stella? Sull'aforisma iniziale concordo...ma ,diciamo la verità,è vero che i Cavalieri non esistono più,ma a me pare che anche le Dame latitino alquanto...(questo concetto,in altra forma,l'ho scritto tempo fa):-)))

    RispondiElimina
  7. Haha! Straordinaria la conclusione! Quando si dice: il sapersi proporre nel giusto modo! :))

    Rispetto sempre, se vuoi essere rispettato. Questa è una delle mie massime. Così regolo la mia vita.
    Ciao Stellina, sei simpaticissima.

    RispondiElimina
  8. Caro Cavaliere, era senz'altro meglio il comportamento di un tempo, oggi si vuole "tutto e subito".

    Buona fine settimana

    RispondiElimina
  9. Caro Du, il terzo...sa il fatto suo.

    RispondiElimina
  10. Martin, hai perfettamente ragione.
    Un tempo ci si sentiva corteggiate, non assillate...o assalite.

    RispondiElimina
  11. Ciao Deddy, grazie del commento.

    Buona serata.

    RispondiElimina
  12. Cara Lliri, se fosse vero che signori si nasce, ne avremmo almeno un po' e invece tra i giovani in particolare questo modo di essere è latitante, vedi il fenomeno del bullismo che oggi riguarda anche le ragazze.

    Buona fine settimana a te con un bacio.

    RispondiElimina
  13. Ruby, il tuo ragionamento non fa una grinza, lo condivido in tutto.

    Buona serata.

    RispondiElimina
  14. Caro Leo, ho risposto a Lliri senza aver letto il tuo commento.
    Siamo sulla stessa lunghezza d'onda.
    Ho un "fornitore" che mi manda queste informazioni tramite mail.

    RispondiElimina
  15. Cara Angelo, quanto apprezzo il cavaliere gentiluomo che, per esempio, mi apre la portiera della macchina, mi offre un caffè al bar o una cenetta a lume di candela...

    Anche tu sei simpaticissima!
    Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  16. Sono del parare che signori si nasce,
    ma con un pò di buona volontà,
    si può sempre migliorare nella vita,
    e anche chi non ha questa fortuna,
    può sempre coltivare la speranza
    di diventarlo.

    Buona serata,
    ✿ ூAlexiaூ ✿

    RispondiElimina
  17. Ale, se si vuole, si può...
    Nulla è impossibile, anche se col pc io zoppico ancora.

    RispondiElimina
  18. Ciao Stella, peccato che la galanteria non si conosca più, dovremo rispolverare le buone maniere, altrimenti chi sa dove andremo a finire con questa assurda arroganza!!!!
    Un abbraccio e grazie per essere passata dal mio blog!!!
    A presto
    Free

    RispondiElimina
  19. GianLuca il galantuomo :)

    Un abbraccio grandissimo a te e a tutti i tuoi fantastici lettori.

    RispondiElimina
  20. una persona educata è una persona che può conquistare tutti! Buonasera, Stella

    RispondiElimina
  21. Forte il terzo! Modo elegante di fare delle avances...
    Ad uno così che cosa direste?
    Bacioni sorellina!

    RispondiElimina
  22. Free, alcuni di noi ci salviamo ancora, lo rilevo anche dai commenti... per gli altri non so, potrebbero migliorare andando avanti con gli anni...me lo auguro.

    RispondiElimina
  23. Marina, quello che ci ispira in quel momento...
    Serena notte sorellina.

    RispondiElimina
  24. que bella entrada amiga espero que tengas un bello fin de semana, te dejo un besito..

    RispondiElimina
  25. Lucero, buona fine settimana a te, con un abbraccio.

    RispondiElimina
  26. Penso che la buona educazione sia la prima cosa, la galanteria con una donna viene di conseguenza, indipendentemente dalle aspettative...!!
    Certamente la terza risposta è la più consona.
    Condivido chi afferma che alla base deve esserci una famiglia, senza escludere che ci si può migliorare.

    RispondiElimina
  27. Sirio, commento condivisibile...purtroppo la famiglia non sempre c'è.

    RispondiElimina
  28. Giovanni non a caso! tu che dici Stella? E poi poteva canticchiare la nota canzone: mi scappa la pipì ... in alternativa, simulando la parte del bambino, naturalmente il simpatico Pierino
    Il primo Giovanni fu quello caro a Gesù. Ma nessun timorato di Dio se ne rende conto che l'angelo, con le buone, lo esorta a capire la "bestia", quando gli dice come fare. "Qui ci vuole una mente che abbia saggezza", gli consiglia, facendogliela piovere dal cielo, come si suol dire. Hai capito subito che si tratta della stessa "Bestia", sì "l'amico da presentare" "dopo cena". Ovvero è il "galantuomo" che deve fare pure ciò che invece si vuole eludere. La mente è una brutta bestia ed è difficile domare.
    Bestialità tu dici? Giovanni dell'Apocalisse oltre che apostolo santo e galantuomo, anche...?

    A proposito di Giovanni, forse saprai questa storiella napoletana.
    Al tempo di Papa Giovanni XXIII tutti andavano a riverirlo in Vaticano. Fra questi ci fu anche Sofia Loren che si genuflesse davanti a lui mostrando inevitabilmente la sua prosperosa mercanzia. Alché papa Giovanni ebbe un sussulto e rivolgendosi in alto esclamò fra sé e sé dicendo: "Patatè, miettece 'a mano toja". E di lì a poco sentì rispondere: "Giuvà sì 'n'amico!"

    Buona giornata,
    Gaetano

    RispondiElimina
  29. Il bon ton ?
    Eh eh morto e sepolto...
    Buona domenica

    RispondiElimina
  30. Spiritosa Stella.....bellissima battuta, eeeeee Gaetano invece col suo misterioso bob ton ci fa capire che l' osso più pericoloso è proprio la mente......ciao.

    RispondiElimina
  31. Concordo cara, il "bon ton" è una merce assai rara e per questo preziosa.

    Lasciami aggiungre questa citazione:

    La grazia, più bella ancora che la bellezza. (Jean de La Fontaine)

    Bacione, Stellì, e buon w.e.

    annarita

    RispondiElimina
  32. Gaetano, grazie del commento simpaticissimo.

    Sono fiera di chiamarmi Giovanna e cerco di essere una "dama"...

    Domare la mente non è sempre facile.

    Conoscevo la storiella di Sofia e mi ha fatto piacere rileggerla.

    Gaetà, 'n'amico!

    RispondiElimina
  33. Luciano, facciomolo "resuscitare"!

    RispondiElimina
  34. Teo, mi sa che Gaetano ha ragione.

    RispondiElimina
  35. Concordo con la tua citazione Annarita.

    La bellezza senza la grazia è come mangiare la pasta in bianco al posto
    della pasta al ragù.

    Non so se questo paragone che mi è venuto in mente ora possa reggere.

    RispondiElimina
  36. "Sciuscia, ti vorrei così!"

    Così come?

    RispondiElimina
  37. Cara Stella
    Permettimi una difesa d'ufficio del mio povero omonimo.
    D'accordo non è elegante (non mi comporterei così)
    ma è schietto e sincero
    dice pane pane e vino al vino senza dichiarare nulla circa le sue intenzioni sul dopo cena.
    Non è insicuro come Matteo che teme che la dama scappi durante la sua assenza;
    non usa doppi sensi del terzo che ha già in mente un dopocena, questo lo rende meno Galantuomo:-))
    ha delle aspettative e manovra per quello scopo.
    L'unica ragione che me lo rende degno di considerazione è che si chiama come Te
    che sei una vera Dama.

    Permettimi di baciare
    sfiorando
    la Tua mano.
    Paolo

    RispondiElimina
  38. Paolo, che commozione, ti porgo la mia mano...

    però sappi che così fui fregata!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...