10/11/09

44

LA BELA ROSIN



Ieri pomeriggio ho partecipato alla Conferenza Inaugurale dell'Univerità della Terza Età e
ho saputo di un amore fuori dal comune, che fece sognare molte fanciulle dell’epoca: quello tra la

"Bela Rosin" e il re Vittorio Emanuele II,

la storia più affascinante di Mirafiori ( TORINO ).


Rosa Vercellana nacque a Nizza (Francia, allora Regno di Sardegna) l'11 giugno 1833, figlia del militare di carriera Giovanni Battista Vercellana. Venne battezzata il 15 giugno 1833 nella chiesa di san Giacomo a Nizza col nome di Maria Rosa Teresa Aloisia.

Il padre faceva parte della Guardia imperiale napoleonica, ma nel 1814 rifiutò di seguire Napoleone fuggito dall'Elba ed entrò nelle guardie del re Carlo Alberto.

Rosa Vercellana (la bela Rosin) incontrò per la prima volta Vittorio Emanuele II nel 1847, quando la famiglia si era trasferita a Racconigi: il futuro re d'Italia aveva 27 anni, era sposato e aveva già quattro figli. Lei aveva 14 anni. Dopo i primi incontri clandestini, la ragazza, che era analfabeta, si trasferì nella palazzina di caccia di Stupinigi, in una dipendenza del parco.

Vittorio Emanuele II mantenne la propria relazione con Rosa Vercellana per tutta la vita, nonostante le sue altre numerose amanti, ed ebbe da lei due figli: Vittoria (1848-1905) ed Emanuele (1851-1894). La relazione suscitò scandalo e ostilità a corte, ma Vittorio Emanuele non cedette alle pressioni e l'11 aprile 1858 nominò Rosa Vercellana Contessa di Mirafiori e Fontanafredda, comprando per lei il castello di Sommariva Perno.

Nel 1863 si trasferì negli Appartamenti Reali di Borgo Castello all'interno dell'attuale Parco regionale La Mandria. Tale residenza, che non apparteneva alla Corona ma al patrimonio privato del re, rimase sempre la preferita della coppia, poiché Vittorio Emanuele II amava rifugiarvisi per cacciare e sfuggire alla vita di corte.

Nel 1864 Rosina seguì il re a Firenze, stabilendosi nella villa "La Petraia". Nel 1869 il re si ammalò e temendo di morire sposò Rosa Vercellana con un matrimonio morganatico, ovvero senza l'attribuzione del titolo di regina. Il rito religioso si tenne il 18 ottobre di quell'anno. Il matrimonio fu celebrato anche con rito civile otto anni dopo, il 7 ottobre 1877, a Roma. Vittorio Emanuele morì tre mesi dopo, il 9 gennaio 1878.

Rosa Vercellana trascorse gli ultimi anni della sua vita nel palazzo Feltrami di Pisa, che il re aveva acquistato per la figlia Vittoria, ove morì nel 1885.
Torino: il mausoleo della Bela Rosin

Casa Savoia vietò che venisse seppellita al Pantheon, non essendo mai stata regina; per questo motivo, e in aperta sfida alla corte reale, i figli fecero costruire a Torino una copia del Pantheon in scala ridotta, poi soprannominata "Mausoleo della Bela Rosin".

Isolata e disprezzata dai nobili, Rosa Vercellana fu invece amata dal popolo per le sue origini contadine: si dice che la canzone popolare risorgimentale La bela Gigogin si riferisse in realtà a lei.



Mausoleo della Bela Rosin di Roberto Tisci

44 commenti:

  1. che bella storia proprio di altri tempi
    ora le storie sono un po diverse ad esempio si e' pentito d'andare col trans
    ciao Stella
    volevo dirti, che probabilmente e' un mio problema, ma il quadrettato con le scritte rosse e' leggermente difficoltoso
    insisto che forse e' un mio problema
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  2. Ciao Stella il verde e' meglio pero' io valuterei il sottofondo
    perche' anche quando scrivi in beige o marrone si confonde con il fondo
    ripeto probabilmente e' un mio problema visivo
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  3. Non ci sono più le storie d'amore di corte di una volta...

    RispondiElimina
  4. l'avevo sentita questa storia, veramente storie di altri tempi

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella,piacere di conoscerti.
    Anche se conosco Alexia da pochi giorni ho apprezzato molto il suo lavoro e la sua disponibilità.Si vede che ama quello che fa,per quanto mi riguarda andrò spesso a trovarla,per vedere le sue belle idee e i suoi consigli.
    Grazie di essere passata da me
    Lucia

    RispondiElimina
  6. Michele, quelle erano storie...normali!!

    RispondiElimina
  7. Sciuscia, la momarchia in Italia non c'è più, chissà in altri Paesi se continuano?

    RispondiElimina
  8. Sì Zefirina, però che la ragazza avesse solo 14 anni mi ha lasciata un po' così...

    RispondiElimina
  9. Cara Lucia, anch'io conosco Alexia da poco eppure si è impegnata subito.
    Mi ha già fatto un sacco di cose tutte belle,sempre disponibile e sollecita.
    Tra noi si sta creando un rapporto affettivo notevole.

    Grazie a te della visita.

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  10. Sì Zefirina, però che la ragazza avesse solo 14 anni mi ha lasciata un po' così...


    Già, un esempio di come la morale sia dettata dal periodo storico.

    Oggi fa scandalo che una quattordicenne faccia sesso con un uomo adulto, ma una volta era normale, visto che la natura rende una donna "abile" al sesso ben prima dei quattordici anni.

    RispondiElimina
  11. Sì Sciuscia erano altri tempi...

    RispondiElimina
  12. Quando ho letto il titolo del tuo odierno post m'è venuta subito in mente la canzone "La bela Gigorin" di molto tempo fa. Dopo aver letto questo tuo post ho capito il perchè.
    Il riferimento è molto chiaro.

    RispondiElimina
  13. Davvero interessante questa storia Stella!!!
    Un Bacione, a presto
    Maria Rosa

    RispondiElimina
  14. bela e interessanti questa storia,Stella!baci,chica

    RispondiElimina
  15. QUESTA STORIA E' INTRIGANTE, GIA' LA CONOSCEVO, MI FA PIACERE RILEGGERLA.
    BEL POST.

    RispondiElimina
  16. Che meravigliosa storia d'Amore che ci hai fatto conoscere! non ne sapevo propro niente. E chissà quante ce ne sono se si va a scartabellare nelle vite dei regnanti... ciao cara, buona giornata

    RispondiElimina
  17. qua da noi c'è un breve aneddoto riferito alla coppia, che si tramanda, ma non oso scriverlo. mi fa piacere sapere che la Rosin sia esistita davvero... pensavo fosse fantasia popolare!

    RispondiElimina
  18. sto pensando alla canzone che hai citato e ora ha un sapore tutto nuovo...che storia affascinante! un bacione

    RispondiElimina
  19. ciao Stella
    ma cosi', PER ME, e' nettamente piu' bello e funzionale
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  20. Aldo, effettivamente niente è a caso...

    RispondiElimina
  21. M.Rosa baci a te e a Oceania.

    RispondiElimina
  22. La prima volta che sentii parlare della bela Rosin ero poco più che ragazzo.
    Dentro la Mandria,vicino al cancello d'ingresso di Druento c'è la Bizzarria, una palazzina di caccia dove pare avvenissero gli incontri galanti del Re, oltre che essere un punto di ristoro, in quanto abbastanza lontano da Venaria.
    Leggere questo post, dopo aver ascoltato ieri la conferenza all'Unitre, mi ha fatto ritornare indietro nel tempo.

    Grazie stellina, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  23. P.S. Ho notato delle differenze nella grafica, adesso i post sono più leggibili!
    Ancora complimenti ad Alexia.

    RispondiElimina
  24. Caro sirio, conoscevo la Bizzarria ma solo come struttura di caccia.
    Però non vale, perchè tu giochi in casa...

    Per quanto riguarda la grafica, anche Michele aveva notato che lo sfondo di prima non agevolava la lettura.

    Complimenti ad Alexia che in quattro e quattr'otto ha risolto il problema.

    RispondiElimina
  25. Non conoscevo questa storia della bela rosin..grazie bela stellin.

    Latito ma ci sono ^_^
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  26. Bellissima storia d'amore.

    Ciao felice notte

    RispondiElimina
  27. Bella storia. Mi ha incuriosito la canzone "La bela Gigorin"; non la conosco.
    Buona serata

    RispondiElimina
  28. Sono sempre interessanti i personaggi di contorno della storia, attraverso di loro le cose prendono una luce un po' diversa e particolare. Un bacio bella Stella

    RispondiElimina
  29. Grazie sorellina, ci hai portato a conoscenza di una bellissima storia d'amore! A quei tempi, storie così ce n'erano tante...è risaputo che molti nobili amoreggiavano con donne di origini miolto più umili delle quali poi si innamoravano...e per forza, erano costretti a sposarsi solo per gli interessi della corona! Ma l'amore è un'altra cosa!
    Santa notte e un bacione! Non fare troppi sogni romantici, mi raccomando!Ciaooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  30. Calliope spero tutto bene.
    Baci.

    RispondiElimina
  31. Ornella, brutto periodo questo, vero?
    Un abbraccio infinito.

    RispondiElimina
  32. Feli, hai ragione : dai contorni si capisce molto di più la sostanza.

    RispondiElimina
  33. Marina, perchè no?
    Io sono una romanticona...
    Santa notte a te, sorellina.

    RispondiElimina
  34. Non conoscevo questa storia ...
    Bellissima per certi punti di vista... quando l'amore fa breccia eheheh ... ma chissà quanto avrà sofferto per amare il suo "principe" la Bela Rosin .. e forse anche Vittorio Emanuele ingabbiato nel suo ruolo di regnante...
    "Anche i ricchi piangono"??? :DDDD

    Passa il tempo, cambiano i personaggi, ci si trasforma culturalmente e socialmente ma l'AMORE è e sarà sempre il più grande dei misteri...

    Un bacio Stellina!

    RispondiElimina
  35. Non avrei mai detto che si trattasse della Bella Gigogin!!!

    E non sapevo della copia del Pantheon....
    Quante cose che non so, Stella...
    ma sono ancora troppo giovane (e soprattutto troppo venticinquenne) per iscrivermi all'università della terza età!!! ;-)

    Un bacio buona notte TVB

    RispondiElimina
  36. Miryam, per amore piangono pure i potenti...
    Luminosa giornata con un abbraccio.

    RispondiElimina
  37. Favoloso tranquillo, sapessi quante cose non so io...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...