23/10/09

48

IL PROBLEMA DI UNO E' IL PROBLEMA DI TUTTI



Spiando dal buco sulla parete, un topo vide l'agricoltore e sua moglie intenti ad aprire un pacco e pensò subito al cibo che avrebbe dovuto contenere.
Tuttavia, terrorizzato scoprì che si trattava di una trappola per topi. Corse fino al cortile della fattoria per avvertire tutti:


- C'è una trappola in casa, una traappoolaaa!!!

La gallina disse:
- Mi scusi Sig. Topo, capisco che questo sia un grande problema per lei, ma non mi tocca in nulla per cui il fatto non mi disturba.

Il topo andò dal maiale e disse:
- C'è una trappola in casa, una traappoolaaa!!!!
- Mi scusi Sig. Topo, disse il maiale, ma non c'è nulla che io possa fare se non pregare. Stia tranquillo che lei sarà ricordato nelle mie preghiere.

Il topo si rivolse allora alla mucca.

- C'è una trappola in casa, una traappoolaaa!!!!
La mucca rispose:
- Cosa Sig. Topo? Una trappola? Sono in pericolo per caso?
Credo di no!

Allora il topo fece ritorno a casa, testa in giù, abbattuto, per affrontare la trappola dell'agricoltore. In quella notte si udì un rumore, come quello di una trappola che scatta sulla sua vittima. La moglie dell'agricoltore era corsa per vedere cosa aveva preso. Al buio, non vide che nella trappola c'era la coda di un serpente velenoso. E il serpente punse la donna...

Il contadino portò immediatamente la moglie in ospedale. Ciò nonostante lei tornò a casa con la febbre. In campagna tutti sanno che per alimentare qualcuno con la febbre non c'è nulla di meglio che un buon brodo di gallina. L'agricoltore prese il coltellaccio da cucina e si occupò di procurare l'ingrediente principale.

Siccome la donna non si riprendeva, gli amici e i vicini vennero a fargli visita. Per dar loro da mangiare il contadino uccise il maiale.

Tuttavia la moglie non si riprese e finì per morire. Molta gente venne per il funerale. Il contadino allora dovette sacrificare la mucca per poter dar da mangiare a tutta quella gente.





La prossima volta che sentirai di qualcuno che si trova dinanzi a un problema e penserai che il problema non ti riguarda, ricordati che, quando c'è una trappola in casa, tutta la fattoria è in pericolo. Quando conviviamo in comunità, il problema di uno è il problema di tutti.

http://www.tanogabo.it/Trappola.htm

48 commenti:

  1. Sono contento che sia morto il maiale, mi stava sulle balle.

    RispondiElimina
  2. post significativo
    traslando e con un po di fantasia possiamo dire che viviamo in una societa', quindi in qualche modo il problema di uno e' di tutti
    Non ci si puo' isolare sulla cima della montagna
    ciao Stella
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  3. splendida.... va bene per chi, egoisticamente, predica sempre bene e poi razzola male ! brava !

    RispondiElimina
  4. Grande verità!!
    ...e grande è la nostra Stellina. SMACK!

    RispondiElimina
  5. Conoscevo già questa storia. E' di Bruno ferrero?
    Comunque è molto significativa. Impariamo!
    Grazie sorellina! Un abbraccio forte, forte!!!

    RispondiElimina
  6. Sembra una favola all'inizio poi quando si finisce di leggere ci si rende conto della saggezza delle sue parole.

    RispondiElimina
  7. Michele non si può essere impassibili o addirittura indifferenti ai problemi altrui!

    RispondiElimina
  8. Sciuscia...per le preghiere?

    RispondiElimina
  9. Buba sono tanti quelli che predicano bene e razzolano male...

    RispondiElimina
  10. Paola...sono piccola, 155 cm.
    Abbraccio grande!

    RispondiElimina
  11. Un pò come le favole di Fedro...alla fine c'è un grande insegnamento, una morale che dovremmo tutti inseguire.
    Le "trappole" sono sempre all'angolo ...bisogna saperle riconoscere anche quando crediamo che il problema non sia nostro.
    Ed invece...
    Particolarmente adeguata in questo nostro tempo ove a prevalere, spesso, è l'individualismo.
    Mi viene in mente il motto "Tutti per uno, uno per tutti"
    Purtroppo non sempre vale per tutti.
    Un abbraccio Stella!

    RispondiElimina
  12. Alejandra, mi ha fatto piacere visitare il blog della tua amica.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Marina è un racconto che gira in rete.
    Non conosco l'autore, altrimenti l'avrei citato.
    E' una perla di saggezza, come quelle che piacciono a me.
    Bacioni sorellina.

    RispondiElimina
  14. Aldo le favole per insegnare mi sono congeniali.

    RispondiElimina
  15. Miryam sei stata lungimirante...
    Verissimo...!

    RispondiElimina
  16. Quanto affermi è semplicemente verita, portroppo quando la gente non ascolta vuol dire che c'é una sordità infinita poi chi non vede, ANCHE QUI C'É una grande cecità incredibile.
    Un forte abbraccio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Ciao Stella, grazie per l'incoraggiamento. Sei sempre molto gentile.

    RispondiElimina
  19. Un messaggio chiaro e forte, Stella.

    Mai trascurare...un topolino!

    Bacione
    annarita

    RispondiElimina
  20. Cara Stella,
    eccomi anche qui nel tuo blog Stella, dove vedo che poni dei temi davvero importanti. Complimenti!
    Dunque, convengo che la morale del racconto è già stata formulata, e non resta che stimarla sapiente. Tuttavia i racconti come questi quasi sempre celano concezioni esoteriche che sfuggono all’attenzione razionale. Importa saperlo? Magari, se non altro, per mera curiosità forse sì. Perciò mi propongo di parlarne.
    Premetto che non a caso hai posto questo tema dopo aver proposto quello sul male, per il quale è stato chiamato in causa Einstein. E naturalmente un’autorità come questa, non solo ha influito su quel docente universitario del College di Einstein, ma anche sui convenuti al tuo blog.
    Ma vale il peso dell'intervento – arguto di certo – di questo eminente scienziato e anche filosofo?
    Poiché per rispondere sulla questione, che ipotizza Dio creatore del male o no, oltre che del bene, occorre ammettere almeno la sua effettiva esistenza.
    Einstein non fu sempre coerente e quindi non è facile afferrare precisamente cosa intendesse dire. Einstein non si dichiarava ateo, e nemmeno deista (e non può essere nemmeno definito agnostico, in quanto credeva in una qualche concezione, sebbene per nulla comune, di Dio).
    E se poi questo Dio è quello biblico del libro della Genesi allora siamo nei pasticci, in relazione alla tesi einsteiniana suddetta. Poiché qui viene detto (Gen 2,8):
    «Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l'uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male.».
    E sappiamo che, nonostante il divieto di cogliere il frutto dell'albero della conoscenza anzidetto, Eva commise la trasgressione e mangiò questo frutto. Di qui l'ira del Creatore che costò la cacciata di Adamo ed Eva dall’Eden.
    Come si evince, per il cristiano credente non si pone affatto la questione sulla negazione del male perché è legato al bene nel frutto della conoscenza (che poi il male è assenza di Dio e il bene la sua presenza come un ideale bipolarismo, le cose non cambiano). Perciò il male esiste e viene additato nel Serpente, che tentò Eva affinché si nutrisse del frutto vietato dal Signore per diventare dei.

    Ed ora resta da riprendere il tema sul topo che si allarma a causa di una trappola nella casa della fattoria dove vi sono altri animali oltre il contadino e la moglie.
    Nella conclusione a causa di questa trappola muore la moglie del contadino: di qui la morale del racconto posta alla fine.
    E su questa lezione non ci piove, anche se è difficile metterla in pratica. Nel grande la vediamo osteggiata in materia ecologica, per non parlare sul micidiale pericolo che corre la nostra Terra a causa delle emissioni nell'atmosfera di gas di scarico delle fabbriche e delle auto, navi e aeromobili.
    Ma che c'è da dire oltre? Ho accennato a ipotetiche concezioni esoteriche celate nel racconto in questione cosa che porta a riflettere sul significato recondito che mi pare di aver ravvisato in questa frase:
    «Allora il topo fece ritorno a casa, testa in giù, abbattuto, per affrontare la trappola dell'agricoltore. In quella notte si udì un rumore, come quello di una trappola che scatta sulla sua vittima. La moglie dell'agricoltore era corsa per vedere cosa aveva preso. Al buio, non vide che nella trappola c'era la coda di un serpente velenoso. E il serpente punse la donna...».
    Non si è visto ciò che mi è parso di intravedervi?
    Non fu così che nell'Eden biblico il Serpente tentò (punse) Eva? E la cacciata dall'Eden non costituì la morte alla gioia edenica, alla vita perenne al riparo dai dispiaceri, di Eva e del suo compagno Adamo?
    Ma non basta perché il racconto suggerisce una profezia, nell’indicare un possibile salvatore in un emblematico topo. Come a ravvisarvi uomini della razza di nascituri in grotte come fu per Gesù nato in una stalla fra un bove e un asino.

    Gaetano

    RispondiElimina
  21. Molto spesso dimentichiamo che i piccoli sono utili, e che possono fare cose che ai potenti non riescono.
    Ciao.

    RispondiElimina
  22. Martin, incoraggiamento sincero. Auguri.

    RispondiElimina
  23. Annarita, l'unione fa la forza...
    Bacione.

    RispondiElimina
  24. Anche se da gatto, la parabola del topolino è molto bella. Miaoooo

    RispondiElimina
  25. Caro Gaetano, benvenuto anche qui,ne sono felice e onorata.
    Importa sapere eccome ciò che sfugge al razionale e all'essenziale,aggiungo io.

    Einstein credeva in un Dio tutto suo...lo so. Con il suo intervento, immagino, però, che volesse mettere in difficoltà il docente vanaglorioso e sicuro di sè...

    Eva commise il peccato, pertanto il male proviene dall'uomo...

    Il topolino si era sentito solo e abbandonato, proprio come tanti uomini bisognosi che lottano senza l'appoggio di nessuno...

    Ti sono infinitamente grata del tuo prezioso commento.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  26. Sempre bello leggerti... un abbraccio grande come l'oceano!
    bacini
    Lisa

    RispondiElimina
  27. Grazie Lisa, ti sei accorta che ho pubblicato una tua poesia?

    RispondiElimina
  28. Buona sera Stella! Sì, ahia, mi immagino il tuo disabbundo, sto cospargendo la testa di cenere... ma non ci riesco a essere molto presente, ho avuto anche problemi di PC... comunque, appena ho leto la prima parte della storia ho pensato immediatamente alla sorte degli ebrei, a quanti si sono voltati, a come le prime importanti reazioni ed azioni da parte di altri Paesei, siano cominciate solo quando la situazione è degenerata.... é un pensiero che mi inorridisce sempre, non riesco ad accettare che sia potuto accadere realmente un tale abominio.. e pensare che qualcuno lo mette in dubbio! chiedo scusa se sono uscita fuori tema.. un abbraccione!

    RispondiElimina
  29. Buona sera Stella! Sì, ahia, mi immagino il tuo disabbundo, sto cospargendo la testa di cenere... ma non ci riesco a essere molto presente, ho avuto anche problemi di PC... comunque, appena ho leto la prima parte della storia ho pensato immediatamente alla sorte degli ebrei, a quanti si sono voltati, a come le prime importanti reazioni ed azioni da parte di altri Paesei, siano cominciate solo quando la situazione è degenerata.... é un pensiero che mi inorridisce sempre, non riesco ad accettare che sia potuto accadere realmente un tale abominio.. e pensare che qualcuno lo mette in dubbio! chiedo scusa se sono uscita fuori tema.. un abbraccione!

    RispondiElimina
  30. Diana sei proprio tu?

    Che gioia, ti aspettavo!!

    Non sei fuori tema, anche lì fossimo stati tutti uniti...

    Come stanno i bambini?
    Fatti viva più spesso.
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  31. Que entrada más curiosa , saludos y abrazos Stella.

    RispondiElimina
  32. Pizarro, grazie a te.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  33. Boa noite,Stella. Que lindo o teu relógio!
    Fofinho mesmo!
    Beijo.
    isa.

    RispondiElimina
  34. Chiaro che è per le preghiere. Io ti vengo a chiedere aiuto e te mi rispondi che pregherai per me?! Ma crepa!

    RispondiElimina
  35. Cara Isa piace anche a me, molto.
    Lieta giornata con un bacio.

    RispondiElimina
  36. Sciuscia che ti devo dì, sai strapparmi sempre un sorriso.

    RispondiElimina
  37. Bella lezione stellina!
    E' la dimostrazione che tante volte sono i più piccoli a chiedere aiuto,e nonostante tutto sono sempre loro a sopravvivere...
    Buona giornata, un bacione!

    RispondiElimina
  38. Bella considerazione, Sirio.

    RispondiElimina
  39. sapevo la storia, ma trovarmela lì pronta è stato un vero piacere (sto facendo il discorso diretto ed indiretto...)così l'ho inserita nella mia cartella dei racconti, pronta per essere utilizzata !!! grazieeee
    a proposito: bella morale, adatta ai giorni nostri...

    RispondiElimina
  40. E' adattissima!!

    Raggio, ma non avresti dovuto insegnare ai piccoli?

    RispondiElimina
  41. hai ragione, insegno ai piccoli ma anche ai grandi...non mi faccio mancare nulla! grazie ai tagli al personale, ho una pluriclasse con 7alunni di I e 8 di v e sono insegnante dominante...come vedi, non ho tempo di annoiarmi...

    RispondiElimina
  42. Raggio allora buon lavoro, non hai da annoiarti...in compenso i grandi possono aiutare i piccoli.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...