17/10/09

49

IL POTERE DEL PENSIERO


Un uomo camminava per un sentiero di campagna, quando sul margine di esso, tra l’erba, scorse qualcosa, forse un sasso, dalla forma strana:

“E’ un serpente”, pensò.

Il serpente si srotolò, scattò e lo morse a morte.

Un altro pellegrino camminava per quel sentiero, anche lui scorse il sasso dalla forma strana:

“E’ un uccello”, pensò.

In un frullo d’ali, l’uccello volò via.

Un automobilista restò con una gomma a terra su una strada buia e solitaria.

Scese dall’auto, ma si accorse di non avere in macchina il crick.

Stava per lasciarsi prendere dalla disperazione, quando vide un lumicino in lontananza: era una casa colonica.

Si avviò a piedi in quella direzione, e intanto cominciò a rimuginare:

“E se nessuno venisse ad aprire?”

“E se non avessero un crick ?”

“E se quel tizio non me lo volesse prestare anche se ce l’ha?”

A ogni angosciosa domanda la sua agitazione cresceva, e quando finalmente raggiunse la casa colonica e il contadino gli aprì, era talmente fuori di sè che gli sferrò un pugno gridando:

“Tieniti pure il tuo schifoso crick!”.

Ti piaccia o no, sono i tuoi pensieri a tracciare la rotta del viaggio che si chiama vita.

Se hai in mente la depressione e il fallimento, è lì che ti troverai.

Se pensi di essere goffo e sgradevole, così ti comporterai.

Di' ad un ragazzo che è stupido, lo diventerà.

Il Timone dell'anima

49 commenti:

  1. Luminoso buon giorno cara Stella.
    ... e da riflettere, e per ricambiarti il pensiero ti lascio una anche io...


    L'autostop

    Una volta un ragazzo, che si girò l’America in autostop, fu caricato in macchina, dopo due giorni che non mangiava e non si lavava, da due ragazzi che lo portarono a casa loro.

    Lui temeva che avessero secondi fini, ma aveva troppa fame.

    Gli diedero da mangiare, e si offrirono di lavargli la biancheria. Andò in panico (ma che volevano? Che si nascondeva dietro tanta gentilezza?), ma era troppo sporco, e quell’offerta di bucato gli veniva troppo comoda.

    Gli restutirono la sua roba pulita e asciutta, e poi gli chiesero se aveva un posto per dormire. “Ah,” pensò “ora ho capito! ‘Sti froci!” e già si sentiva sodomizzato.

    Ma aveva troppo bisogno di una branda per dormire. Dormì con un occhio solo, e senza togliersi i jeans.

    Il giorno dopo gli fecero trovare la colazione pronta, e poi lo salutarono.

    Tornò in Italia ancora sotto chock per lo sconcerto: non volevano assolutamente niente.

    Due persone gentili, punto. Forse, con un passato da autostoppisti

    baci,
    Lisa

    RispondiElimina
  2. Grazie Lisa per il tuo contributo.A volte la diffidenza e i preconcetti come condizionano...
    Lieta fine settimana con tanti baci.

    RispondiElimina
  3. Stella. Sono grato per la visita al mio blog. La fame nel mondo è una realtà terribile!
    Sorry, come io non conoscono l'italiano, io ho usato Google. Perdonare eventuali errori.
    Buon week-end

    RispondiElimina
  4. Ciao Stella,

    finalmente riesco ad accedere al tuo blog, dal pc di mia figlia mi è impossibile (ho il pc rotto e lo recupererò martedì)mi blocca l'accesso istantaneamente.

    Bel racconto, induce a riflessione.
    Spesso siamo noi stessi ad asfaltare la nostra strada di paletti, ma non sempre ,a volte anche qualche fattore esterno può influire .
    Oggi mi sento come un brutto anatroccolo,temo che uscirò di casa e risulterò tale...sorrido,ma è così..e domani? Un altro giorno e tutto avrà già cambiato d'aspetto.

    un felice fine settimana,ciao cara Stella !

    RispondiElimina
  5. E' verissimo!! io, per tutta la mia adolescenza , non ho fatto altro che condizionarmi con certe mie fobie....e non tutte se ne sono andate, PURTROPPO!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. In effetti è come merge da questo post: siamo noi a condizionare gli a ltri e noi stessi, con i nostri pensieri pessimisti.

    RispondiElimina
  7. ne sono convinta anch'io : certe volte ce le tiriamo addosso da soli !

    RispondiElimina
  8. Penso che pensare positivo aiuti a sentirsi l'anima più leggera. Non è sempre facile però...

    RispondiElimina
  9. La storia del crick la sapevo in forma di barzelletta.

    RispondiElimina
  10. Mi piace pensare positivo...molte volte però mi rendo conto che esagero, ma è un modo per affrontare meglio la vita!
    Un caro saluto stella, roberta.

    RispondiElimina
  11. "Noi siamo quello che pensiamo"
    Lo sapevo ... ma l'ho scoperto razionalmente due anni fà... da una mia amica/collega.
    Eravamo in viaggio...insieme ad un' altra collega e al nostro capo per il comenius ... all'arrivo ..., in breve i nostri bagagli non erano arrivati poichè avevamo fatto scalo... Tutti eravamo agitati... per ovvi motivi, ma agitati di brutto...
    Sentivo dietro di me un bisbigliare sommesso .. mi girai.. era la mia collega che pensava ad alta vove positivo ..."Non andare in ansia, raccogli le forze... il fatto più importante è che siamo qui , sani e salvi. er le nostre cose, rimedieremo" Se lo diceva a se stessa... a voce semibassa...
    Ed era serena, mentre noi eravamo incazzati ed agitati...
    Ad ascoltare lei, tranquilla e con pensieri positivi, la mia agitazione subì una inversione di marcia.
    Il suo fluido aveva fatto breccia.
    Da allora cerco di fare come lei.
    E... davvero funziona!
    Scusami Stella per essermi dilungata ... grazie di questi insegnamenti davvero molto utili.
    Per quanto riguarda i bimbi è verità inconfutabile che bisogna alleggerire le angosce... dargli amore e sicurezza ne farà certamente degli uomini sereni e quindi migliori.
    Certamente che non sempre è facile.
    Le fobie sono continuamente in agguato.
    Baci, baci!

    RispondiElimina
  12. Che bello e riflessivo !bacci,chica

    RispondiElimina
  13. Verisimo.

    Bravo.

    Desde Argentina. Tu blog es bello.

    RispondiElimina
  14. Ciao Stella, è un po' che non ci sentiamo, ma ho una spalla che fa i capricci (periartrite) ed allora resto poco al pc. Bellissimo questo tuo post. In effetti spesso siamo noi che ci creiamo problemi che in effetti non esistono e penso che questo sia il modo meno bello di prendere vita. Sono una inguaribile ottimista...e allora ho fiducia quasi sempre nella mia buona stella....salvo poi a prendere magari delle belle "facciate"... Ciao buon fine settimana, abbracci Bruna

    RispondiElimina
  15. Carlos, il problema della fame nel mondo è grave,e sta aumentando.
    Anch'io ho pubblicato dei post su questo tema.
    Per la lingua ti sei espresso benissimo,per dialogare con gli stranieri sto imparando qualcosina di Spagnolo e di Portoghese, quando sono in difficoltà anch'io uso il traduttore di Google.

    Un abbraccio affettuoso dall'Italia.

    RispondiElimina
  16. Cara Alessandra, ogni giorno è una novità che ci riserva sorprese di ogni genere.
    Sta a noi evitare i paletti sia nostri che altrui, guardando sempre in positivo.

    Lieta domenica con un bacio.

    RispondiElimina
  17. Carissima Paola, come sai anche per me c'è stato un periodo in cui i condizionamenti esterni avevano preso il sopravvento.
    Per fortuna me ne sono liberata prima che fosse troppo tardi.

    Ti abbraccio forte,buona domenica.

    RispondiElimina
  18. Serenella, è ora che ci diamo una mossa.
    IL pessimismo è solo deleterio!

    Lieta domenica.

    RispondiElimina
  19. Buba, perchè non sempre è facile.

    RispondiElimina
  20. Sciuscia e ora la conosci sotto l'aspetto psicologico...

    RispondiElimina
  21. Roberta meglio abundare che deficere.
    Baci

    RispondiElimina
  22. Cara Miryam, grazie per la tua testimonianza che ho letto molto volentieri.
    Disperarsi non risolve le situazioni
    che ci fanno preoccupare, ci danneggiano solamente.
    Si dice prendere le cose con filosofia, quant'è vero.
    Io ci sto provando, ma non sempre riesco nel mio intento.
    Non preoccuparti se ti dilunghi nello scrivere, a me fa solo piacere.

    Buona domenica e baci baci.

    RispondiElimina
  23. Ciao Liliana, benvenuta dall'Argentina fino qui in Italia.
    Verrò a trovarti.

    Buona domenica.

    RispondiElimina
  24. Cara Bruna, mi dispiace per i tuoi dolori, cerca di curarti bene.
    Bisogna essere ottimisti, se no che vita sarebbe ?

    Buona domenica con abbracci.

    RispondiElimina
  25. Sicuramente siamo noi a condizionare gli eventi... ma spesso ci facciamo plagiare da talune persone... dirottando i pensieri positivi con quelli negativi...
    Bel post... riflessivo!!!
    Ciao Stella grazie... buon sabato sera e felice domenica... un abbraccio

    RispondiElimina
  26. ..........Il pensiero altro non è che l'arma che la natura ci ha dato per sopravvivere... la volontà è un derivato del

    pensiero, ma a livello più elementare ce l'hanno moltissime specie animali! quando mi è capitato di poter vivere qualcosa che desideravo,mi sono accorta che la realtà supera di troppo i

    pensieri....e l'immaginazione per quanto spaziasse...è sempre troppo riduttiva nei confronti della realtà.

    ogni persona poi sa come affrontarlo e come non oltrepassarlo...io sono una di quelle persone che sa di essere convinta del proprio pensiero..ma

    certe volte poi basta un nulla che ricado nella realtà e quel pensiero mi sembra così irreale e lontano...Ma per essere felice

    basta che quello che penso sia concreto e reale e io ci credo ancora , sarà perchè sono ottimista? ...
    CIAO E BUONA DOMENICA
    LINA

    RispondiElimina
  27. passo afarti visita sole nei fine settimana...ma per me è sempre balsamico, il passare date.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  28. passo afarti visita sole nei fine settimana...ma per me è sempre balsamico, il passare date.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  29. Purtroppo ci sono dei momenti nella vita di ciascuno di noi in cui devi avere una grande forza di volontà per annullare e scacciare certi pensieri.
    Ma la lezione tratta dal tuo post è molto utile.

    RispondiElimina
  30. E' vero Stella, molto spesso siamo condizionati dalle nostre aspettative.
    La frase finale è da brava insegnante... bisogna gratificare e motivare i ragazzi, mai demotivarli con una critica sterile e negativa.
    Buona domenica.
    Baci

    RispondiElimina
  31. Una storia che fa bene alla mente e all'anima! Se impariamo ad essere più positivi vedremo le cose con occhi diversi...
    Grazie sorellina, in questi giorni ho tanto bisogno di pensare positivo.
    un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  32. non condivido
    non sempre nella vita e' cosi' determinato
    vale solo nel negativo
    esempio
    io mi sento bello, ricco, attraente
    ma non e' che la vita mi fa bello, ricco e attraente
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  33. Paola hai detto una cosa giusta, frequentare persone positive e condizionare noi quelle negative.
    Felice domenica con un abbraccio.

    RispondiElimina
  34. Lina grazie del commento approfondito.
    L'immaginazione comunque aiuta.
    Felice domenica con un abbraccio

    RispondiElimina
  35. Aldo è dura, ma si può.
    L'ho sperimentato personalmente.

    RispondiElimina
  36. Zelda e per me è sempre un piacere averti qui.
    Bacione

    RispondiElimina
  37. Pensa alla canzone di Jovanotti : io penso positivo perchè son vivo, perchè son vivo...
    Auguri e in bocca al lupo sorellina.
    Ti sbaciucchio.

    RispondiElimina
  38. Michele se pensi ai bene materiali sono d'accordo con te, altrimenti no.

    Più non ti senti attraente e meno sarai più attraente ...
    La bellezza non è solo esteriore, questa è fugace...puoi essere bello dentro e convincertene...

    RispondiElimina
  39. passo da te di fretta e,senza leggere i commenti, ti dico come la penso... la nostra vita è il riflesso dei nostri pensieri: siamo ciò che pensiamo...
    bella riflessione mi hai indotto a fare, iniziando una settimana calda...cercherò di non dimenticarlo, quando gli eventi sembrano essermi contro!!!

    RispondiElimina
  40. Raggio, grazie di passare da me, pur avendo fretta.
    Buon lavoro con un bacio.

    RispondiElimina
  41. ciao Stella che bel racconto!..è proprio vero, così come pensi si plasmano le cose.

    RispondiElimina
  42. Ciao Falco, grazie della visita.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  43. fantastica, questa storia! grazie di averla pubblicata, cercherò di ricordarla e raccontarla perchè ha molto da insegnare. E se non insegna fa almeno sorridere!

    RispondiElimina
  44. Lila che piacere averti qui!
    Benvenuta.

    E' una storia che insegna divertendo...

    RispondiElimina
  45. Ho studiato tanto nella mia vita, e ho imparato anche il pensiero positivo. La mia mentore Louse Hay, Poi Law, Roy Martina, Giuditta Dembech ed altri ancora che hanno spianato la mia vita. Ma ho imparato una grande verità. Ciascuno deve arrivarci da solo, mai cercare di inculcare il tuo pesiero agli altri. Bisogna vivere nella accetazione e tutto avverrà come deve andare...
    by Lilly

    RispondiElimina
  46. Scusa ho lasciato nella mia mente una frase...volevo dire che Louise Hay é stata la prima.
    Pardon:)
    Lilly

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...