02/09/09

56

SEI CAROTA UOVO O CAFFE'?


Affrontare le avversità

Una figlia si lamentava con suo padre circa la sua vita e di come le cose le risultavano tanto difficili.
Non sapeva come fare per proseguire e credeva di darsi per vinta.
Era stanca di lottare. Sembrava che quando risolveva un problema, ne apparisse un altro.

Suo padre, uno chef di cucina, la portò al suo posto di lavoro.
Lì riempì tre pentole con acqua e le pose sul fuoco.

Quando l'acqua delle tre pentole stava bollendo, in una collocò alcune carote,

in un'altra collocò delle uova

e nell'ultima collocò dei grani di caffè.


Lasciò bollire l'acqua senza dire parola.
La figlia aspettò impazientemente, domandandosi cosa stesse facendo il padre...
Dopo venti minuti il padre spense il fuoco. Tirò fuori le carote e le collocò in un piatto. Tirò fuori le uova e le collocò in un altro piatto. Finalmente, colò il caffè e lo mise in una scodella.
Guardando sua figlia le disse: "Cara figlia mia, carote, uova o caffè? "

La fece avvicinare e le chiese di toccare le carote, ella lo fece e notò che erano soffici; dopo le chiese di prendere un uovo e di romperlo, mentre lo tirava fuori dal guscio, osservò l'uovo sodo.

Dopo le chiese di provare a bere il caffè, ella sorrise mentre godeva del suo ricco aroma.

Umilmente la figlia domandò: "Cosa significa questo, padre?"

Egli le spiegò che i tre elementi avevano affrontato la stessa avversità, "l'acqua bollente", ma avevano reagito in maniera differente.

La carota arrivò all'acqua forte, dura, superba; ma dopo essere stata nell'acqua, bollendo era diventata debole, facile da disfare.

L'uovo era arrivato all'acqua fragile, il suo guscio fine proteggeva il suo interno molle, ma dopo essere stato in acqua, bollendo, il suo interno si era indurito.

Invece, i grani di caffè, erano unici: dopo essere stati in acqua, bollendo, avevano cambiato l'acqua.

"Quale sei tu figlia? " le disse.

"Quando l'avversità suona alla tua porta; come rispondi?

Sei una carota che sembra forte, ma quando i problemi ed il dolore ti toccano, diventi debole e perdi la tua forza?

Sei un uovo che comincia con un cuore malleabile e buono di spirito, ma che dopo una morte, una separazione, un licenziamento, un ostacolo durante il tragitto, diventa duro e rigido?

Esternamente ti vedi uguale, ma dentro sei amareggiata ed aspra, con uno spirito ed un cuore indurito?

O sei come un grano di caffè?

Il caffè cambia l'acqua, l'elemento che gli causa dolore. Quando l'acqua arriva al punto di ebollizione il caffè raggiunge il suo migliore sapore. Se sei come il grano di caffè, quando le cose si mettono peggio, tu reagisci in forma positiva, senza lasciarti vincere, e fai si che le cose che ti succedono migliorino, che esista sempre una luce che, davanti all'avversità, illumini la tua strada e quella della gente che ti circonda".

Per questo motivo non mancare mai di diffondere con la tua forza e la tua positività il "dolce aroma del caffè".

56 commenti:

  1. Hai postato una storia meravigliosa, esemplare ed educativa.
    La farò leggere alle mie due nipoti.
    Ti ringrazio Stella

    RispondiElimina
  2. Cara Stella,
    magnifica parabola!!
    Penso, per quanto ho vissuto fino ad ora, di essere un buon caffè e spero tanto che la vita futura non mi faccia cambiare!

    Ti abbraccio forte

    ps- posso copiarla e spedirla ad alcuni amici via mail????
    fammi sapere grazie!!
    smakkkkkkkkkkkkkk

    RispondiElimina
  3. Grazie Aldo, sei il mio tesoro, se lo gradisci.

    RispondiElimina
  4. No Pasti, il caffè non va a male...

    Prendi pure, mi fa piacere.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Grazie Stellina,
    sei un amore!!

    smakkkkkkkkkkkkkkkkk :-*

    RispondiElimina
  6. Reagire positivamente alle avversità sarebbe bello riuscirsi sempre.

    RispondiElimina
  7. Le avversità sono difficili per tutti da affrontare...nel mio caso, esse mi hanno fortificato e fatta crescere: da tenerella che ero, sono ora una scorza più dura...ma con un cuore sempre capace di battere e di commuoversi di fronte a un sole che sorge, al sorriso di bambini, a chi è nel bisogno...io non so se sono come il chicco di caffè, ma cerco sempre di essere me stessa...e di dare il meglio che posso.
    Grazie stella per questa splendida storia!!!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Cara Stella.....allora forza con il caffè!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Dipende dalla situazione, mi sa. A volte reagisco come i chicchi di caffè, a volte come l'uovo sodo, a volte anche come carota. E' la gravità del problema che mi condiziona...
    Ciao 'Ste!

    RispondiElimina
  11. bella parabola. mi astengo dal confronto però..
    ciao

    RispondiElimina
  12. Du, basta anche ogni tanto...per reagire!

    RispondiElimina
  13. Cara Marina, mi ritrovo in quello che affermi.
    Anch'io ho attraversato periodi bui, il peggiore lo conosci.
    Ancora oggi mi chiedo chi mi ha dato la forza di superare queste avversità.
    Sono sempre stata combattiva e nmon mi sono mai arresa.
    So di poter contare sempre su "Qualcuno" che sento molto vicino.

    RispondiElimina
  14. Cara Upupa, caffè espresso...napoletano !!!

    RispondiElimina
  15. Angelo, mi rendo conto che non sempre si può reagire come i chicchi di caffè.

    RispondiElimina
  16. Fabio, un grande sorriso e buon inizio anno scolastico.

    RispondiElimina
  17. E ancora una volta si affronta un argomento molto interessante di cui già ho parlato con te: le avversità possono abbatterci e peggiorarci o ci rinforzano e ci migliorano? io, come sai, penso di esserne stata migliorata e provo tanto dispiacere per tutti coloro che non riescono a vincere sulle difficoltà e i dolori di cui la vita è cosparsa.Mi auguro di continuare a diffondere un dolce aroma di caffè, sperando che niente e nessuno possa farne svanire il profumo.
    Ti abbraccio augurandoti buona serata.

    RispondiElimina
  18. Sento un aroma particolare di caffè dall'Elba... e mi è venuta la voglia di na tazzulella e cafè.... , cara Paola.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  19. Bello! cerchiamo di essere come 'un grano di caffé' allora. Ciao :)

    RispondiElimina
  20. Bellissima e saggia storia, Cara Stella....personalmente credo che per certe cose ,dopo un una brutta esperienza, si diventa fragili, al tempo stesso per altre ci si fortifica ed altre ancora si riesce a cambiare ciò che ci circonda....aggiungerei che nel complesso impariamo a sopportare che le cose son cambiate e ad adattarvici al meglio, altrimenti sarebbe la nostra fine.

    RispondiElimina
  21. bella storia
    ma oggi i figli non hanno pazienza
    hanno fretta non aspettano 20minuti di cotture varie
    quindi a volte non riesci a dire quello che vorresti
    resti a meta'
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  22. Ciao Stella , è bello sentire un buon odorino di caffè !!!Bisogna sempre combattere ; se si deve morire , è meglio che sia in un campo di battaglia.
    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  23. Romano certamente ed io vi do la grinta!

    RispondiElimina
  24. Paolo o mangi sta minestra o ti butti dalla finestra, si dice.

    Bisogna prendere di petto ogni situazione, tentare, osare e poi...i risultati siano quelli che siano!

    RispondiElimina
  25. Michele, da te ho scritto che non ci sono più punti di riferimeno per i ragazzi e lo confermo.

    In minoranza ci sono famiglie che per fortuna sanno educare i figli e in questo caso...tutto è possibile.

    RispondiElimina
  26. Paola, molto intenso il tuo commento, mi piace!

    RispondiElimina
  27. Ciao Stella,
    sempre interessanti e belli i tuoi blog ! Stammi bene

    RispondiElimina
  28. Una bella storia riflessiva che conoscevo già... ma non ricordavo bene e che cmq è sempre bene ricordare... l'aroma del caffè lo si odora spesso e volentieri... ognuno di noi reagisce diversamente di fronte alle avversità... chi peggiora... chi migliora... ma bisogna sempre essere se stessi...
    Ciao Stella grazie della visita e dei complimenti... anche tu non sei da meno... buona serata... un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Massimo grazie, stai bene anche tu.

    RispondiElimina
  30. Paola, grazie, è così.
    Bisogna prenderne consapevolezza et voilà!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Grazie stella, in certi momenti mi sento una carota....ma so di essere un caffè.....
    Un caro saluto, roberta.

    RispondiElimina
  32. Ciao Stella e grazie per la bella storia che ci hai regalato ... è tanto grave se ti dico che mi sento un mix di carota, uovo e caffè ???
    un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Molto bella questa parabola, e anche particolare come ragionamento specie nel considerare le opportunità di modificare l'ambiente esterno, specie nelle avversità.
    Buona serata, illuminata dalla luce splendente di una certa Stella .......

    RispondiElimina
  34. Sono fondamentalmente ottimista e cerco sempre di trovare uno spiraglio di luce anche nel buio più nero...magari piccolo, piccolo...Se proprio non lo vedo inforco gli occhiali e...prima o poi un luccichino lo trovo. Del resto ho fatto mio il motto: "Il sole di oggi non è uguale a quello di ieri e neppure a quello di domani". Ciao carissima un baciotto Bruna

    RispondiElimina
  35. Roberta capita, l'importante è esserne a conoscenza.

    RispondiElimina
  36. Red...gravissimo...scherzo, il fatto è che non sempre possiamo essere ferrei!

    RispondiElimina
  37. Bene Bruna, allora ti piace lottare?

    RispondiElimina
  38. Bella storia!
    In realtà io sono un miscuglio di questi elementi.Sarebbe superbo dire che in ogni situazione e in ogni momento della vita siamo come il chicco di caffè...
    Però quanto mi piace il caffè!!!

    RispondiElimina
  39. Lliri concordo.
    Un abbraccio sincero.

    RispondiElimina
  40. Carino assai questo post. Con parole semplici mi hai regalato una grande verià. Amo da sempre il caffè con il suo sapore amaro e deciso. Ora lo amerò di più. Buonanotte mia cara.

    RispondiElimina
  41. Ciao! Il mio blog "Angolo Film" (http://angolofilm.blogspot.com/) è già presente nel tuo elenco di siti amici. Ho da poco creato un nuovo blog, "Ricette Blog" (http://ricetteblog.blogspot.com/), mi farebbe piacere fare di nuovo uno scambio link. Fammi sapere. ;-)

    Sacco
    Ricette Blog

    RispondiElimina
  42. Bella questa storia :)
    A chi non piacerebbe essere come il caffè.
    Ciao

    RispondiElimina
  43. Sacco io non ho un elenco link, perchè ho tanti lettori.

    RispondiElimina
  44. sono tornata!
    Bellissima questa parabola, vorrei essere sempre chicco di caffè, ma purtroppo alle volte sono uovo e altre ancora carota! Ciao, buona ripresa

    RispondiElimina
  45. Mi ha toccata molto questa storia! Forse dovrei prenderla come insegnamento! Una buona giornata Stella

    RispondiElimina
  46. Trillina, bentornata e buona ripresa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  47. L'Una è un insegnamento per tutti.
    Bacioni

    RispondiElimina
  48. Non è facile essere chicco di caffè, anche se cerco sempre di esserlo...!!

    Ciao stellina, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  49. bella storia che ci fa riflettere sul nostro carattere, come spesso accade con i tuoi post. certamente vorrei essere "caffè"...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...