03/06/09

60

IL CUCCIOLO E IL BAMBINO


Il padrone di un negozio stava esponendo sulla porta un cartello con la scritta "si vendono cuccioli".
Questo genere di annuncio attira sempre i bambini e difatti di li a poco un ragazzino si presentò nel negozio chiedendo: "quanto costano i cagnolini?"
Il padrone rispose: "tra 30 e 50 €".
Il bambino mise la mano in tasca e ne estrasse alcune monete: "ho solo 2,37 € ... Posso vederli?". L'uomo sorrise e fece un fischio. Dal retrobottega entrò correndo il suo cane seguito da cinque cuccioli. Uno di questi però era rimasto molto indietro rispetto agli altri.
Il ragazzino subito indicò il cagnolino rimasto indietro che stava zoppicando: "Cosa gli è successo?".
L'uomo gli spiegò che, quando era nato, il veterinario gli aveva detto che quel cucciolo aveva un'anca difettosa e che sarebbe rimasto zoppo per sempre.
Il bambino si commosse a quelle parole ed esclamò: "questo è il cagnolino che voglio comprare!".
E l'uomo gli rispose: "no, non dovrai comprarlo! Se lo vuoi veramente te lo regalerò!".
Il bambino rimase attonito e guardando l'uomo diritto negli occhi gli disse: "non voglio che lei me lo regali: vale tanto quanto gli altri cagnolini e io le pagherò il prezzo intero. Se è d'accordo le darò subito i miei 2,37 € e 50 centesimi ogni mese fino a quando lo avrò pagato completamente".
L'uomo rispose: "non vorrai davvero comprare questo cagnolino, ragazzo. Non sarà mai in grado di correre, di saltare e di giocare come gli altri cagnolini!".
Allora il bambino si piegò ed estrasse dai pantaloncini la sua gamba sinistra, malformata ed imprigionata in un pesante apparecchio metallico. Guardò di nuovo l'uomo e gli disse: "questo non importa, anch'io non posso correre e il cagnolino avrà bisogno di qualcuno che lo capisca!".
L'uomo adesso stava mordendosi le labbra e i suoi occhi si riempirono di lacrime...
Sorrise e disse: "ragazzo, mi auguro e spero davvero che ciascuno di questi cuccioli trovi un padrone come te."


Nella vita non importa chi sei, ma solo che qualcuno ti apprezzi per quello che sei, e ti accetti e ti ami incondizionatamente.
Il vero amico è quello che arriva quando tutti gli altri se ne sono andati...

60 commenti:

  1. Bellissima storia davvero commovente!

    RispondiElimina
  2. Bellissima storia .. e se penso che tutti i miei amici "pelosi a 4 zampe" sono stati raccolti malandati in strada o ad un canile .. beh, a volte mi sento un po' come loro :)

    RispondiElimina
  3. belle storie e come questa molte altre che ho letto su questo spazio...purtroppo rimangono storie, oggi se non sei una velina perfetta, con le tette rifatte o un personaggio del GF .... non sei nessuno...... l'esempio che abbiamo avuto davanti gli occhi negli ultimi anni, in TUTTI i settori non fanno altro che renedere queste storie solo ed esclusivamente dei SOGNI.
    Quelli che hanno dei valori sani e dei principi ... fanno pochissima strada

    RispondiElimina
  4. Ma quanto ha insegnato il bimbo!!!!!!!!
    Credo che nella realtà di bimbi così ce ne sono a iosa...specialmente quelli non inseriti nella società di oggi...
    Un bacione grande grande..

    RispondiElimina
  5. Ecco!
    Questo oggi è il post per me.
    Il mio post.

    Un abbraccio cara Stella.

    RispondiElimina
  6. Cara stellina, leggendolo mi sono venuti gli occhi lucidi...!
    La sensibilità di quel bambino è grandissima, sono fortunati i suoi genitori ad averlo indirizzato sotto questo aspetto,evidentemente anche loro sono così!
    Ben venga questo insegnamento, per tutti.

    RispondiElimina
  7. E' semplicemente splendida.. stavo già pensando tra me, che quasi sempre si sceglie l' animaletto più isolato, triste, perché si capisce che lui ha più bisogno di noi.. poi, scoprire che il ragazzo é lui stesso il cucciolo "ferito".. fa salire la commozione... e io me li abbraccerei entrambi! che la vita é bella, ha un senso per tutti e non c'è scritto da nessuna parte che sia destinata aigli esemplari perfetti nella struttura, anzi! lo penso da un pò... quale sia il Disegno, non ci é dato sapere, che gli Angeli prendono mille forme..
    un bacio a te, che lo sei di certo

    RispondiElimina
  8. Cara Stella, a volte ci fai sorridere di gusto, a volte come ora, ci fai venire gli occhi lucidi! E' un'occasione per riflettere e per vedere sotto una prospettiva diversa tante tante cose!
    Un bacione da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. bella storia

    Il vero amico è quello che arriva quando tutti gli altri se ne sono andati........

    vero, verissimo
    peccato che la vita spesso riserva delle brutte sorprese
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  11. Katiu, sei stata veramente brava, complimenti!

    RispondiElimina
  12. Bruno d'accordo, però i bambini sono rovinati dagli adulti.
    Te lo dice una che coi bambini ha trascorso una vita.
    Quante volte mi sono sentita dire: maestra i miei genitori non vogliono...oppure accorgermi che un sano valore appreso in classe veniva distrutto a casa. E mi fermo qui.

    RispondiElimina
  13. Questi post fanno bene al cuore, grazie Stella!

    RispondiElimina
  14. Ma dove le trovi queste magnifice storie! Già sono cose secrete che non si possono dire.
    Grazie Stella di averla condivisa con tutti noi.
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. Davide hai perfettamente ragione.
    Come ho scritto a Bruno, i bambini si rovinano crescendo...

    Un bacione

    RispondiElimina
  16. Devo dire che mi ha commossa...
    Grazie.
    Marina

    RispondiElimina
  17. Cara Angelo, sono felice di essere arrivata al momento giusto, su con il morale.

    Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  18. Guernica, te lo dedico con affetto.

    In bocca al lupo per gli studi.

    RispondiElimina
  19. Caro sirio, il bambino sensibile ha proiettato nel cagnolino se stesso e volendo lui stesso essere amato, ama per primo.
    I genitori avranno sicuramente influito positivamente sulla sua crescita.

    RispondiElimina
  20. Cara Diana, gli angeli prendono le forme più impensate e si presentano quando meno ce li aspettiamo.Le persone che pensiamo abbiano bisogno di noi sono esse stesse che si donano a noi...
    E questo deve farci pensare...
    Con infinito affetto.

    RispondiElimina
  21. Luca e Sabrina, è così che va la vita...
    Voi amatevi sempre, anche quando "piove".

    RispondiElimina
  22. Michele questo forse è un post doloroso per te...mi dispiace.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Tomaso ormai mi conosci da un po' e sai che spesso pubblico raccontini con morale. Cerco e mi documento. Non c'è nessun segreto in questa bella storia.
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  24. Bellissima storia, semplicemente stupenda.

    RispondiElimina
  25. grazie stella,x pensare e guardarsi dietro e dentro,ancora grazie, buona serata.

    RispondiElimina
  26. Achab, ti ho fatto una sorpresa!

    RispondiElimina
  27. Grazie Stella, sempre perle di saggezza i tuoi post.
    Bacioni

    RispondiElimina
  28. buonanotte e sogni d'oro cuore, stasera non devo uscire per quella cosa, ma mettp i piccoli a nanna a minuti..bacio della buona notte

    RispondiElimina
  29. Meravigliosa storia! Peccato che poi gli adulti rovinino i bambini che sono, invece, così sensibili. ciao

    RispondiElimina
  30. Grazie diana, da' loro anche i miei baci.

    RispondiElimina
  31. Trillina, concordo in pieno!

    RispondiElimina
  32. http://quellalucediluna.blogspot.com/3 giugno 2009 21:01

    Stella, che meraviglia di racconto e che bella lezione ha ricevuto quel signore. Se comprendessimo che c'è posto per tutti in questo nostro strano mondo, indipendentemente dal colore della pelle, dall'età, da handicap, forse riusciremmo a creare un mondo migliore.
    Ciao buoma serata Diana (seconda)

    RispondiElimina
  33. Saper andare oltre le apparenze!
    Questo è ciò che conta davvero!
    Cara Stella, hai mandato un messaggio davvero importante in un mondo in cui l'apparire vale di più che l'essere. Grazie!!!

    RispondiElimina
  34. Marina, noi sappiamo bene che solo l'essere ha valore...sempre!

    RispondiElimina
  35. ciao Stella, bellissia storia!!!
    è vero, conta chi siamo, a a pochi impora chi siamo, per tutti conta cosa hai, cosa sembri!!!
    Un Bacione

    RispondiElimina
  36. Una storia dolcissima,e nonostante tutto ogni tanto succede che due anime s'incontrano. Bacioni

    RispondiElimina
  37. Raffaella, prima o poi, la maschera cade, ne sono convinta.
    Dolce notte.

    RispondiElimina
  38. Bella e commovente questa storia, che ci racconta tante cose...
    Essere apprezzati insondizionatamente è molto difficile: ciò accade solo in Amore e in una grande e forte Amicizia...
    un bacio

    RispondiElimina
  39. Molto commovente questa storia...peccato che sia solo una storia!!

    RispondiElimina
  40. Sto lacrimando e non so se riuscirò a scrivere chiaro...
    Io spero che chiunque possa nella vita avere il giusto valore, perchè non è una menomazione avere un handicap , ma la menomazione è non sentire che quelle persone sono essere umani che non hanno bisogno di pietà , ma di vero amore e di eguaglianza.
    ciao

    RispondiElimina
  41. Ciao Stella,
    conoscevo questa storia ma l'ho riletta con piacere e mi sono commosso ancora.
    E' un bene che ci sia ancora qualcuno che si prende la briga di ricordarle, ci fanno riflettere su certi valori che sembrano svaniti specie se ci vengono insegnati dall'innocenza di un bambino.
    Buona notte

    RispondiElimina
  42. E' una storia veramente toccante! i veri amici, quelli che arrivano quando gli altri ci voltano le spalle, esistono: sta a noi capire quali sono e dare loro tutto l'affetto di cui siamo capaci.E gli angeli esistono. sotto le forme più impensate...fa molto riflettere questo racconto.
    Grazie Stella, sai sempre toccare le giuste corde.
    Un bacione

    RispondiElimina
  43. E' proprio così, carissima stella...l'amico vero è quello che ti accetta e ti ama incondizionatamente, proprio come solo i cani sanno fare.
    A loro non interessa il tuo conto in banca, il tuo titolo di studi, la tua nazionalità, il tuo credo,la tua età...
    Loro sanno volerti bene a prescindere, a loro basta una semplice carezza.

    Mi hai fatto venire in mente una bellissima poesia di Trilussa : Questione di razza.

    -Che cane buffo! E dove l' hai trovato?
    -Er vecchio me rispose: -é brutto assai,ma nun me lascia mai: s'é affezzionato.
    L'unica compagnia che m'é rimasta,
    fra tanti amichi, é 'sto lupetto nero:nun é de razza, é vero,
    ma m'é fedele e basta.
    Io nun faccio questioni de colore:
    l'azzioni bone e belle vengheno su dar core sotto qualunque pelle.

    Grazie, è stata come leggere la favola della buona notte.

    Buona notte stella :))

    RispondiElimina
  44. Ciao Stella...tranquilla,ho capito!!!
    un bacionissimo!
    notte!

    RispondiElimina
  45. Puntocroce, è ben triste, però!

    RispondiElimina
  46. Suysan, non sempre è una storia. I bambini con handicap hanno una marcia in più...

    RispondiElimina
  47. Cicabuma baciami i bambini.

    RispondiElimina
  48. Cuoco, il tuo commento non fa una piega, non ho niente da aggiungere.

    RispondiElimina
  49. Drummer sono molto sensibile a questi episodi, a volte veri, perchè mandano messaggi positivi...

    RispondiElimina
  50. Paola, tesoro, grazie!
    Tu sai come la penso...

    RispondiElimina
  51. Rosa è così.
    Hai fatto bene a ricordarci i versi di Trilussa, in merito all'amore incondizionato degli animali.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...