04/05/09

55

OMAGGIO A MANZONI



L'ode il Cinque Maggio fu scritta, di getto, in soli tre o quattro giorni, dal Manzoni commosso dalla conversione cristiana di Napoleone avvenuta prima della sua morte (la notizia della morte di Napoleone si diffuse il 16 luglio 1821 e fu pubblicata nella "Gazzetta di Milano"). Nonostante la censura austriaca, l'ode ebbe una larga diffusione europea grazie al Goethe che la fece pubblicare su una rivista tedesca "Ueber Kunst und Alterthum". La prima edizione avvenne nel 1823 a Torino presso il Marietti. L'ode scritta dal Manzoni, per alcune tematiche (tema del ricordo, evocazione della storia) ha delle analogie con il Coro di Ermengarda e con la Pentecoste e soprattutto ha in comune con essi, quello schema che parte da un inizio drammatico e si conclude con un moto di preghiera.

Poesia monumentale nella storia della letteratura italiana, come l'argomento trattato: Napoleone.

I versi brevi e rapidi nella loro lettura sono aderenti alla vita di colui che tenne in mano i destini dell'Europa.

IL cinque maggio


Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio sta,
muta pensando all'ultima
ora dell'uom fatale;
né sa quando una simile
orma di pie' mortale
la sua cruenta polvere
a calpestar verrà.
Lui folgorante in solio
vide il mio genio e tacque;
quando, con vece assidua,
cadde, risorse e giacque,
di mille voci al sònito
mista la sua non ha:
vergin di servo encomio
e di codardo oltraggio,
sorge or commosso al sùbito
sparir di tanto raggio;
e scioglie all'urna un cantico
che forse non morrà.
Dall'Alpi alle Piramidi,
dal Manzanarre al Reno,
di quel securo il fulmine
tenea dietro al baleno;
scoppiò da Scilla al Tanai,
dall'uno all'altro mar.
Fu vera gloria? Ai posteri
l'ardua sentenza: nui
chiniam la fronte al Massimo
Fattor, che volle in lui
del creator suo spirito
più vasta orma stampar.
La procellosa e trepida
gioia d'un gran disegno,
l'ansia d'un cor che indocile
serve, pensando al regno;
e il giunge, e tiene un premio
ch'era follia sperar;
tutto ei provò: la gloria
maggior dopo il periglio,
la fuga e la vittoria,
la reggia e il tristo esiglio;
due volte nella polvere,
due volte sull'altar.
Ei si nomò: due secoli,
l'un contro l'altro armato,
sommessi a lui si volsero,
come aspettando il fato;
ei fe' silenzio, ed arbitro
s'assise in mezzo a lor.
E sparve, e i dì nell'ozio
chiuse in sì breve sponda,
segno d'immensa invidia
e di pietà profonda,
d'inestinguibil odio
e d'indomato amor.
Come sul capo al naufrago
l'onda s'avvolve e pesa,
l'onda su cui del misero,
alta pur dianzi e tesa,
scorrea la vista a scernere
prode remote invan;
tal su quell'alma il cumulo
delle memorie scese.
Oh quante volte ai posteri
narrar se stesso imprese,
e sull'eterne pagine
cadde la stanca man!
Oh quante volte, al tacito
morir d'un giorno inerte,
chinati i rai fulminei,
le braccia al sen conserte,
stette, e dei dì che furono
l'assalse il sovvenir!
E ripensò le mobili
tende, e i percossi valli,
e il lampo de' manipoli,
e l'onda dei cavalli,
e il concitato imperio
e il celere ubbidir.
Ahi! forse a tanto strazio
cadde lo spirto anelo,
e disperò; ma valida
venne una man dal cielo,
e in più spirabil aere
pietosa il trasportò;
e l'avvïò, pei floridi
sentier della speranza,
ai campi eterni, al premio
che i desideri avanza,
dov'è silenzio e tenebre
la gloria che passò.
Bella Immortal! benefica
Fede ai trïonfi avvezza!
Scrivi ancor questo, allegrati;
ché più superba altezza
al disonor del Gòlgota
giammai non si chinò.
Tu dalle stanche ceneri
sperdi ogni ria parola:
il Dio che atterra e suscita,
che affanna e che consola,
sulla deserta coltrice
accanto a lui posò.

55 commenti:

  1. Quandi si nomina il Manzoni mi torna sempre in mente un episodio legato alla mia adolescenza...allora...dovevo per motivi scolastici leggere I Promessi Sposi con tanto di postille critiche...una tragedia! nn lo feci per tutto l'anno scolastico..
    Terminata la scuola cosa mi capita?
    Una voglia enorme di leggermelo tutto, un tomo di nn ricordo quante pagine, con tanto di postille critiche....ero appassionata!
    mi viene da sorridere...
    siamo proprio creture strane...
    un bacio e buona serata!

    azzurra :)

    RispondiElimina
  2. ....dimenticavo....
    complimentoni per le foto delle farfalle!
    ho iniziato una sezione dedicata proprio a questo sogno alato...
    woowwoowowo... come sono romantica!
    ciao e di nuovo sera!

    azzurra

    p.s. ho finito! ora vado sul serio

    RispondiElimina
  3. Ciao stella è curioso il fatto che di questa poesia studiata a scuola tanti anni fa..comunque si ricordino sempre le prime strofe giuro l'ho letta tutta ma propio non la ricordavo cosi lunga..che ignorant...ahahahah,e la seconda risata che mi fai fare oggi.ne avevo bisogno....

    RispondiElimina
  4. Azzurra, quando si è costretti a fare una cosa, la si fa di malavoglia...quando la si fa invece, spontaneamente, si va oltre proprio come è capitato a te!
    Grazie per il resto.

    RispondiElimina
  5. Marcooooo, così lunga non la ricordavo neppure io.
    Se ancora frequenterai il mio blog, ti capiterà di sorridere ancora. Mi piace alternare post seri con quelli distensivi....
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Anch'io come marco e come tutti, credo, questa poesia l'ho studiata a memoria....che tormento, adesso ricordo solo le prime quattro righe.....
    Ciao stella, roberta.

    RispondiElimina
  7. che peccato, con la riduzione dei programmi scolastici in V si arriva solo fino ai Romani, così...niente Napoleone. nei cicli passati, presentavo sempre questa poesia e, possibilmente proprio il 5 maggio. i bambini studiavano volentieri i primi 12 versi e poi "dall'alpe.....fino a...orma stampar..." domani mi limiterò a ricordare l'evento e a declamare qualche verso...

    RispondiElimina
  8. Vedo che quasi tutti voi la conoscete questa bella poesia scritta in versi incantevoli, ahimè io non la conoscevo, grazie Stella che mi ai dato l'occassione di poterla leggere.
    Ti auguro la buona notte,è un po presto ma sono molto stanco, un abbraccio, Tomaso

    RispondiElimina
  9. ciao Stella, mi piace molto il tuo blog: le poesie, le immagini....tutto stupendo!
    sai scegliere sempre le poesie e le frasi giuste!
    P.s.
    Manzono è un grande!!

    RispondiElimina
  10. Solo per un abbraccio,
    quando non ti vedo per un pò, mi manchi!!
    Un bacio
    Ornella

    RispondiElimina
  11. Roberta, che tormento allora...ora l'apprezziamo.

    RispondiElimina
  12. Raggio, peccato veramente!
    Mi piacerebbe sentirti declamare.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Tomaso, sogni d'oro!
    A domani.

    RispondiElimina
  14. Raffaella grazie, il blog mi rispecchia.
    Manzoni è un Grande!

    RispondiElimina
  15. nacque mia nonna che adoravo, il 5 maggio,una data che amo;-)
    un bacio Stella!

    RispondiElimina
  16. Aglaia sono contenta...
    Tanti baci.

    RispondiElimina
  17. Ricordo che sui banchi di scuola non amavo in modo particolare Manzoni: l'ode "Il cinque maggio" la imparai a memoria in V° elementare e ci riusci abbastanza bene, anche se con una certa riluttanza..mi era piaciuto molto di più imparare a memoria le poesie di Leopardi(che amavo).Ma poi, al ginnasio, quando per forza dovevo leggere i "Promessi Sposi"...che tormento. Eppure è un grandissimo scrittore, ora lo riconosco...come dici tu, quando le cose si devono fare obbligatoriamente, non sempre le si fanno volentieri.
    Buonanotte

    RispondiElimina
  18. Certo ritornano in mente i bei vrsi di quando a scuola imparammo questo capolavoro e mi accorgo che poeti e scrittori grandissimi come Manzoni ne esistono sempre meno.

    RispondiElimina
  19. Allora mia Stellina buon 5 maggio!!!!! A causa del clima, solo adesso mi sto rendendo conto che siamo in prossimità dell'estate!
    Adoro la letteratura! Peccato che di alcuni autori ricordo molto poco....le materie che portai alla maturità furono italiano e storia dell'arte.....che gioia quando uscirono come materie d'esame!!!
    Mi riporti indietro nella memoria.....Sono diplomata all'istituto d'arte...(diploma di maturità nelle arti della grafica pubblicitaria e della fotografia) ed i miei autori preferiti sono...Italo Calvino, Pirandello, D'annunzio...storia dell'arte....Gustav Klimt (lo adoro!!!!) Munch, Botticelli, Caravaggio...bè qui sono troppi...ho comunque un amore particolare per il periodo impressionista...
    Ma perchè ti sto raccontando tutto questo? ma? Sarà che mi son svegliata parecchio loquace stamattina...oh DIO! si salvi chi può!
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  20. Ecco, infatti....per correttezza, volevo dire periodo ESPRESSIONISTA, impressionista un pò meno...."preferisco l'espressione all'impressione"...
    uhauhauha ma che ho sta mattina????
    ma? lo scopriremo solo vivendo!

    RispondiElimina
  21. E chi se la dimentica (a prima parte, naturalmente).
    Buona giornata Stella!

    RispondiElimina
  22. Dark hai semplicemente voglia di raccontarti a me e ne sono felice...
    Ora so più di te!
    Lietissima giornata!

    RispondiElimina
  23. Paola era un po' pesantuccio infatti Manzoni, lo si apprezza con la maturità!
    Anch'io amavo Leopardi e Pascoli.
    Bei tempi, però, lo dico perchè ero ragazza? Mah, non so.
    Spero che tutta la tribù stia bene.
    A te un bacio.

    RispondiElimina
  24. Monticiano hai pienamente ragione...sempre meno Manzoni, Carducci e...

    RispondiElimina
  25. Pizarro, è vero!
    Abrazos a te e buona giornata!

    RispondiElimina
  26. Mary, la prima parte...e...dalle Alpi alle Piramidi,dal Manzanarre al Reno...
    Un bacione grande grande.

    RispondiElimina
  27. Sempre in tema...Manzoniano cara stella!
    Per me sono ricordi scolastici belli,diciamo che allora non capivo la bellezza e la profondità di ciò che ero costretto a studiare.
    Di questa poesia anch'io ricordavo solo le prime strofe, rivederla "in toto" mi ha fatto molto piacere.

    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  28. Ricordiamo il Manzoni.
    bacio

    RispondiElimina
  29. Ricordo al traduttore, ho potuto apprezzare e comprendere le belle e ricche poesia. Abbraccio

    RispondiElimina
  30. Una delle mie preferite fra le opere del Manzoni.

    RispondiElimina
  31. Caro sirio, mi dai la conferma che ho fatto bene a pubblicare questa ode.

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  32. Manzoni è un grande della Letteratura Italiana.
    Il tuo blog è molto emozionante.
    Tossan, un abbraccio.

    RispondiElimina
  33. Bruno, finora sei il primo ad averla apprezzata da giovane.

    Complimenti!

    RispondiElimina
  34. mi ricorda i tempi della scuola....
    ma è un piacere ricordare...

    RispondiElimina
  35. rispondo: lo so che rinnovarsi è un bene, ma io sono così abitudinaria nelle mie cose che .... per me è davvero difficile... eheheheheh
    buon martedì

    ^____________^

    RispondiElimina
  36. grande poesia
    buona giornata stella

    RispondiElimina
  37. Pupottina ti aiuto io, se vuoi...

    RispondiElimina
  38. Andrew, puoi ben dirlo!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  39. ti ho rivotata....
    un abbraccio

    ;-)

    RispondiElimina
  40. Grazie pupottina, sei un amore!

    RispondiElimina
  41. Indubbiamente era un genio.
    Detto questo non c'è molto da aggiungere!:)
    Grazie!Era un po' che non la rileggevo...

    RispondiElimina
  42. Stellina, non sono Paola dei gatti! la tribù non ce l'ho...ah, ah!! ho cambiato foto e non mi hai riconosciuta; devo ricambiare foto..
    Un bacio

    RispondiElimina
  43. Paolaaaaaaaa, non è da me scambiare persone...
    La foto è piccola e non l'ho osservata bene.
    Non ricambiarla, sei circondata dai fiorellini.
    Scusami.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  44. che giornata triste :(:(:( altro che Napoleone :(:(:( 5 maggio 2002

    RispondiElimina
  45. Stella, ancora ce la ricordiamo a memoria, non tutta, ma una buona parte. Il Manzoni è un pilastro, tu che ne pensi dei Promessi Sposi?
    Buon pomeriggio, un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  46. Arrgianf, sarà una giornata triste quella che hai citato per il calcio (la sconfitta dell'Inter) ma non certo per la Letteratura italiana...

    RispondiElimina
  47. Ciao Luca e Sabrina, Manzoni è giustamente un pilastro...e i Promessi Sposi sono la sua degna creatura.

    Complimenti per la memoria!

    RispondiElimina
  48. grazie Luca e Sabrina per la visita nel blog degli studenti :) spero che vi piaccia anche l'altro visto, che Stella ha appena fatto un post con giochi per la mente :)

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...