14/05/09

45

IL BRUTTO ANATROCCOLO




Vi ricordo in sintesi la fiaba

In una nidiata di anatroccoli, uno è grigio, grande e goffo. Sebbene la madre cerchi di accettarlo, a tutti è evidente che il piccolo è fuori luogo; tanto che alla fine egli decide di fuggire. L'anatroccolo vaga senza meta e non trova nessuno che lo voglia; all'arrivo dell'inverno, rischia di morire congelato.

Alla fine dell'inverno, sopravvissuto miracolosamente, il piccolo giunge presso uno stagno dove nuotano un gruppo di splendidi cigni. Attratto dalla loro bellezza, si avvicina; e rimane sorpreso quando le splendide creature gli danno il benvenuto e lo accettano. Guardando il proprio riflesso nell'acqua, il protagonista si accorge finalmente di essere lui stesso un cigno.

Questa storia viene spesso considerata una metafora delle difficoltà che spesso bambini e adolescenti sperimentano durante la loro crescita. La fiaba viene spesso raccontata per rinforzare l'autostima dei bambini e far loro accettare eventuali differenze che li dividono dal "gruppo"; o addirittura, essere fieri di tali differenze, che potrebbero in realtà rivelarsi un dono.

È noto che Andersen metteva in relazione questa fiaba, e la sua morale, con la sua gioventù, nella quale egli si trovò spesso a essere emarginato e rifiutato come "diverso", anche a causa delle prime manifestazioni della sua omosessualità.

La storia oggi viene usata spesso per riferirsi a qualcosa o qualcuno che, inizialmente oggetto di disprezzo o disinteresse, alla fine ottiene l'apprezzamento e il rispetto dei più. In genere ci si riferisce a un progresso morale, ma talvolta anche fisico (per esempio per riferirsi a un bambino o una bambina "bruttini" da piccoli che diventano più belli crescendo).

A me è capitato di sentirmi un brutto anatroccolo durante l'infanzia, non perchè mi sentissi bruttina, ma perchè mi sentivo indifesa e sola ...e poi via via da sola ho affrontato la vita con i denti ed ora finalmente mi sento un cigno!

Alla fiaba si può anche associare il messaggio che tutte le persone hanno un valore inerente che esiste a prescindere dai contesti sfortunati e infelici in cui tale valore non può emergere o essere riconosciuto. Il fatto che i fratelli del brutto anatroccolo, che prima lo deridono, si scoprono poi essere "semplici anatre" che deridevano uno "splendido cigno", introduce anche una chiave di lettura della fiaba in cui emerge un velo di elitarismo e classismo.

Il fatto che il brutto anatroccolo trovi se stesso quando trova i suoi simili, infine, è stato talvolta letto come un'affermazione dell'importanza della famiglia e dell'appartenenza a un gruppo.

45 commenti:

  1. Credo che a tutti sia capitato di sentirsi un brutto anatroccolo......quello che credo veramente importante è trovare la forza per piacersi così come si è, diventando in questo modo un cigno!
    Ciao stella, roberta.

    RispondiElimina
  2. Ho sempre avuto poca simpatia per questa favola...

    RispondiElimina
  3. E' una fiaba che si adatta a diverse e molteplici interpretazioni... penso che sia capitato a molti, soprattutto nella fase adolescenziale, sentirsi fuori luogo, come il brutto anatroccolo...

    Ciao Stella, un abbraccio

    RispondiElimina
  4. qualche volta ho aiutato a realizzare questa trasformazione! dare autostima, sviluppare le potenzialità, far credere in quello che si è... è un lavoro laborioso, ma è il "mio" lavoro...

    RispondiElimina
  5. Hai ragione .. hai fatto bene a ricordarcelo: ognuno di Noi ha un talento nascosto che aspetta solo di splendere ..
    Notte Dolce :)

    RispondiElimina
  6. gentilissima stella,
    non sò se è coincidenza ,sto in pausa in un convegno sull'anima, e a finco a me c'è uno che un telefonino e causalmente siamo capitati nel suo blog,
    le lascio questo aforismo
    in sintonia con la sua favoletta
    " chi è bello resta all'occhio,ma chi ha valore è bello sempre"
    il viandante
    buona serata

    RispondiElimina
  7. vedo spesso bambini far nascere brutti anatroccoli segnando con il dito qualcuno, sento sprezzanti commenti dei genitori, amici che sottilineano ....sembra innato il bisogno di segnare con il dito, pensavo lo fosse quello di esser sereni...
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Buona sera mia Stellina.
    Bè.....sai quanto io stessa sia stata un brutto anatroccolo...
    (il bozzolo e la farfalla)
    ammetto pure che non ho mai smesso in fondo di provare quella sensazione....è come se non mi sentissi mai adatta a nessun gruppo o a nessuna situazione. Bè non è facile. Ma la sensazione peggiore è il sentirsi brutto anatroccolo dentro...e non perchè io questo lo pensi davvero...ma perchè il mondo te lo fa credere.... Anche solo il fatto che io sia "strana" e "particolare" si può definire e racchiudere in questa metafora....o il fatto che sono e quindi mi definisco dark......anche se fuori sono più normale di mia nonna.....(nel senso che io indosso jeans e maglietta, rigorosamente monocromatica e senza nè gingilli, nè marche e scritte..sono comune...il dark è nel'anima) ma la cosa inspiegabile è che comunque....gli altri tendono a leggerne i difetti e le "bruttezze" della gente e sulle bellezze restano chiusi, limitati. Ma? alla fine...chi è più bello di un altro? e chi è più giusto di un altro? io dentro so di essere cigno...come lo sono tante persone.....allora perchè questo continuo associare ad una categoria precisa? Siamo tutti così limitati da essere incapaci di contenere nella propria mente la vastità di ogni singolo individuo, tanto da fermarci alla superficie e piazzarlo in una categoria specifica, tanto da perderne le giuste tracce? Ognuno è un mondo e già in questo c'è un infinita bellezza. Basta. se non si è capaci d'altro...almeno fermiamoci a questo giudizio.
    ti voglio bene e ti abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Una bellissima fiaba anche se un po' deprimente, viste tutte le peripezie cui va incontro il brutto anatroccolo...
    Una favola in cui tutti noi ci identifichiamo un po'...
    Anch'io in un periodo della mia vita, come te e tanti altri, mi sono sentito un brutto anatroccolo e anch'io, rimboccandomi le maniche, sono riuscito a trasformarmi in uno splendido cigno :-)

    RispondiElimina
  10. Anche io da piccola avevo la sensazione di essere come il brutto anatroccolo....forse è per questo che non ho mai avuto molta simpatia per questa fiaba anche se poi come nella fiaba ho avuto il mio riscatto dalla vita

    RispondiElimina
  11. Ciao Stella,
    ti invio un altro testo, sempre dal partito di Pippicalzelunghe, che puoi postare.

    COSA PENSANO I POLITICI ITALIANI DEL BENE COMUNE:

    FRANCESCHINI: TOGLIERE AI RICCHI PER FAR DIVENTARE TUTTI POVERI!

    DI PIETRO: CERTO CHE IL COMUNE E’ UN BENE!

    BERLUSCONI: MA QUALI BENI COMUNI! SEMPRE MEGLIO LA SEPARAZIONE DEI BENI…NON SI SA MAI

    BOSSI: EQUA REVURDISTRIBUZIONE DEL MARE A TUTTI GLI IMMIGRATI

    CASINI: UNA CROCE IN PIU’ CIASCUNO NON FA MALE A NESSUNO

    LOMBARDO: TUTTI I PENSIONATI IN AUTONOMIA!

    STORACE: NON STO’ PIU’ NELLA CASA COMUNE!

    GIOVANARDI E ROTONDI: NOI FACEVAMO LA COMUNIONE E IL PDL FACEVA LE LISTE!

    PECORARO SCANIO: OTTIMA IDEA IL PENE COMUNE !!!!

    MORALE : ITALIANI MAL COMUNE MEZZO GAUDIO!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Mi piaceva molto leggere questa fiaba! forse perché mi ci immedesimavo e quella trionfante trasformazione in cigno mi dava gioia... è una favola ancora efficace e si presta bene in tante situazioni.
    Ciao Stella, un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. Ciao Stella, grazie per l'invito a segnarmi nel tuo gues-book!!
    Il brutto anatroccolo è una fiaba che mi è sempre piaciuta, forse anche perchè prima o poi, nella vita, riesci a riscattarti, nonostante nessuno abbia creduto in te....
    buonanotte carissima...
    Maria Rosa

    RispondiElimina
  14. Roberta, se ci si sente non all'altezza della situazione da piccoli...lascia il segno.

    RispondiElimina
  15. Angelo bello, un motivo ci sarà...

    RispondiElimina
  16. Anna il periodo dell'adolescenza è un periodo della vita, come la menopausa...

    RispondiElimina
  17. Raggio ottimo, e anche i genitori dovrebbero collaborare...
    Lavoro laborioso...verissimo, costa fatica ed è è per questo motivo che non sempre lo si esegue.

    RispondiElimina
  18. Zoè...e con un aiutino esplode.
    Diamo questo aiutino...

    RispondiElimina
  19. Viandante, grazie del commento che ho gradito molto.
    L'aforisma la dice lunga,essere belli dentro conta molto di più che esserlo solo esteriormente, d'accordo, ma chi non sa di esserlo?

    RispondiElimina
  20. Lo, a parte i genitori, a volte anche i bambini sanno essere cattivi...l'ho vissuto sulla mia pelle quando ero additata, perchè avevo un abbigliamento modesto; ci rimanevo proprio male...

    RispondiElimina
  21. Dark, ti sei risposta da sola; il bozzolo,il brutto anatroccolo non erano coscienti della loro bellezza, tu sì: sei ed appari, ma sei cosciente dei tuoi valori interiori, certamente la trasformazione non cancella il passato...

    RispondiElimina
  22. Stella, passo per un veloce saluto, vado da Laura a stasera!
    Un bacio e scusa se non commento.

    RispondiElimina
  23. In questa fiaba ci sono tanti messaggi positivi che alla fine trionfano , ma quanta sofferenza lungo il percorso !!!una sofferenza che lascia una ferita e che , anche se poi si diventa cigni , si riapre anche in un piccolo momento di vulnerabiità .
    Sono sempre molto veloce Stella !!
    Un caro saluto
    Paola

    RispondiElimina
  24. Tarkan, se le trasformazioni avvengono ok, se no?
    Si rimane brutto anatroccolo per tutta la vita e che...tristezza!

    RispondiElimina
  25. Suysan, siamo state fortunate...

    RispondiElimina
  26. Ciao Marina. Ti ringrazio del post, ma non mi occupo di politica. L'altro l'ho postato, perchè era in riferimento alla famiglia e c'erano spunti di riflessione.
    Spero mi comprenderai.
    Un carissimo saluto.

    RispondiElimina
  27. Paola concordo con te...
    Riposati e rilassati.
    Bacioni

    RispondiElimina
  28. Maria Rosa, ti sento ottimista.
    Grazie di esserti iscritta nel mio gues-book, non potevi mancare.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. "...sofferenza che si apre anche in un piccolo momento di vulnerabilità", verissimo Paola...
    Bacio

    RispondiElimina
  30. Buongiorno Stella...
    Io speravo tanto nella trasformazione... ma non è mai avvenuta!

    Però, crescendo, ho imparato a guardar oltre l'aspetto esteriore e oggi, a 52 anni suonati, anche se talvolta mi rammarico di non essere mai stata bella, non cambierei la persona che sono solo per cambiare l'involucro.

    Ma magari sarei riuscita a "coltivarmi" anche se avessi avuto un fisico da urlo... uffa!!! (Buaaaaaaa)

    RispondiElimina
  31. Kais io parlo principalmente di bellezza interiore che ti rende sicura di te e persona responsabile e matura...infatti!

    RispondiElimina
  32. Buongiorno splendido cigno.
    Firmato
    Anatroccolina in fase di evoluzione ^_^ ed in cerca dei suoi simili...che dura ricerca :(
    Baci

    RispondiElimina
  33. Arriva presto anatraccolina. Sono tuo "fratello" e ancora non te ne rendi conto...
    Il gues-blook ti aspetta,intanto.

    RispondiElimina
  34. Ma sono sparita dalla lista degli ospiti...:(

    RispondiElimina
  35. Ador questa fiaba...ispira profonde immagini interiori.
    Bellezza con gli stracci di bruttezza...perché bruttezza glieli aveva rubati...
    http://lapenisolaincantata.blogspot.com/search?q=bellezza+e+bruttezza
    Buona giornata Torinese DOC!

    RispondiElimina
  36. Marina non farmi confondere...sei troppo deliziosa...
    Grazie dell'inserimento del tramonto...

    RispondiElimina
  37. è molto difficile portare indietro quei ricordi dove purtroppo non c'era nemmeno il tempo di pensare, ho dovuto diventare adulto per capire che ognuno a la sua degnità, poi ti accorgi che le cose nella vita sono tante le preoccupazione di sentirsi un anatroccolo passa in secondo piano.
    La vita reale poi ti sembra sempre più bella anche se ti trovi in fondo alla scala. Un abbraccio forte cara Stella, Tomaso

    RispondiElimina
  38. Stella mia luminosa, scusa se ti ho fatto preocccupare! non mi ppotevo collegare! ho il pc portatile con il display rotto e lo devo collegare a un monitor compatibile, ma ho avuto giornate piene e non stavo bene , tanto che ieri sera non riuscivo più ad alzare un dito. ora va meglio, mi dispiace averti fatta preoccupare, ora recupero! ti voglio un bene grande e ti ho sempre pensata!un bacio con tutto il mio amore!

    RispondiElimina
  39. Stella... mi è appena arrivata una mail che mi ha fatta ridere, e pensare al tuo post.
    Dunque, mi scrive il coordinatore delle liste di centro-sinistra (per le comunali) dicendomi che la foto fatta domenica "non mi rende giustizia" (appunto... managgia al cigno che non è uscito!).
    Allora gli ho risposto:
    Sono così bella DENTRO che mi renderà giustizia solo l'autopsia.

    E mo' vado a truccarmi un po' per andare a fare una foto decente!

    Ciao cara!!!

    RispondiElimina
  40. Cara Kais stai facendo ridere anche me...
    Mi raccomando, al momento dello scatto della foto l'animo fuori e il corpo dentro...chiaro?

    RispondiElimina
  41. Diana mia, bentornataaaaa...ero preoccupata sì, ma ora tutto è passato amore bello.
    Un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
  42. Tomaso, con la maturità si diventa più saggi...

    RispondiElimina
  43. Stellina, non sono sparito... periodo un po' impegnato che lascia poco tempo al web.. Un saluto e un abbraccio

    RispondiElimina

BENVENUTI !

Grazie del tuo gradito commento, lo pubblicherò al più presto.