22/04/09

58

SBAGLIARE


La locuzione latina "errare humanum est, perseverare autem diabolicum" ormai fa parte del linguaggio comune : è umano sbagliare, ma è diabolico continuare nell'errore.

Siamo esseri umani, dunque, portati a sbagliare ...

Nella vita , si matura attraverso le esperienze, soprattutto quelle negative,causate a volte anche da noi stessi e queste devono consentire di farci cambiare, se umilmente riconosciamo i nostri errori. Se invece non riusciamo a farlo o siamo orgogliosi e presuntuosi o malvagi e quindi irrecuperabili. Allora il detto : sbagliando si impara diventa sterile.

Ho apprezzato e condivido l'articolo"Sbagliare" di Giovanni Annunziata:

Spesso il non riuscire ad ottenere risultati sperati ci crea molto disagio.

Impegnarsi tanto e non raggiungere un obiettivo o sbagliare continuamente, è senza dubbio difficile da sopportare.
Il più delle volte, di fronte ad un errore siamo molto critici verso noi stessi. Ci sentiamo frustrati e incapaci; l’autostima crolla a picco e lo stress si accumula ancora di più.
Un modo diverso di vedere le cose può aiutarci a vivere con più serenità la situazione.
Di fronte ad un errore è molto importante fermarsi a riflettere a lungo su se stessi e rendersi conto che ad essere “sbagliati” non siamo noi, ma i nostri comportamenti.
Sui comportamenti si può agire; si possono cambiare pensieri ed azioni poco funzionali al raggiungimento di qualsiasi obiettivo. Ma occorre volerlo davvero. Molto spesso, di fronte a comportamenti ed errori reiterati nel tempo, si finisce per convincersi di essere sbagliati. Ci si abbatte, si rinuncia a lottare e ci si rassegna al fallimento.
E’ molto importante comprendere che il nostro valore prescinde dai risultati che otteniamo.

Non esistono fallimenti, ma risultati “diversi”.


58 commenti:

  1. E' vero quello che dici ma a volte è veramente dura tirarsi su.

    RispondiElimina
  2. Acc ... Stella hai toccato un nervo scoperto ... da ieri, sto fronteggiando un momento di crisi con la mia secondogenita: proprio come scrivi tu, un comportamente sbagliato che non mi sarei aspettata da lei ...
    le tue parole sono state un pò di balsamo su una feritina aperta ... a presto !

    RispondiElimina
  3. Morelli in un suo libro dice che" Ognuno è perfetto" così com'è e che non dobbiamo che seguire la spinta della nostra anima che sa dove andare senza dover per forza giudicare e elucubrare ansiosamente su ogni movimento. Ed hai fatto bene a scrivere così. Noi siamo la pianta che cresce in noi. Noi siamo la natura che si muove rigogliosa

    RispondiElimina
  4. rispondo: io ti lodo.... ed anche il tuo blog... ;-)

    RispondiElimina
  5. bisogna sempre riconoscere i propri errori con umiltà e cercare di non perseverare.... giunti alla soluzione... poi è bene svoltare pagina....

    ^_______^

    RispondiElimina
  6. credo fermamente che l' erore sia umano,la giustificazine a volte pietosa, la forza di cambiare lodevole. credo che sbagliando dobbiamo affrontare noi stessi, evitare di scaricare le pene dei nostri errori su altri e convivere col senso di colpa, come con il piacere di ciò che abbiamo ottenuto con merito. l' esperienza è la pelle della nostra vita, ci si deve convivere. cambiare è evolvere, capire riflettere, necessario per crescere, chi persevera, galleggia nelle immoboli acque della propria inettitudine

    RispondiElimina
  7. eheh..buon giorno stellina....
    si...perseverare è diabolico....e riconoscere gli sbagli è saggezza...
    Ma spesso si continua a sbagliare perchè magari pensiamo di fare la scelta giusta....ed invece ...con il senno del poi....risulta un disastro anche l'ultima strada imboccata....
    La verità è che nessuno ha la sfera....ed oltre l'istinto ed un pò di razionalità....non ci resta che vivere....
    per errori...io intendo quelli che si fanno nella propria vita...le scelte, le decisioni....
    Il tuo post mi ha fatto pensare a questo.....
    un abbraccio....

    RispondiElimina
  8. Du costa fatica, ma bisogna, se non altro, tentare...

    RispondiElimina
  9. Red se ti ho aiutata un po' non può che rendermi felice.
    Con i ragazzi bisogna avere tanta delicatezza...Non accettano sempre i consigli dei genitori. Magari, battendo il naso, chissà.
    Ti capisco e con le femmine è ancora più dura.

    RispondiElimina
  10. Tutto aiuta a crescere... questo è il mio motto!

    RispondiElimina
  11. C'è più coraggio nell'accettare i propri sbagli e sapersi subito rialzare, che saper fare tutto benissimo senza mai cadere. Nel primo c'è l'umiltà, nel secondo c'è la superbia...

    RispondiElimina
  12. Aggiungerei che accettare con serenità un fallimento non vuol dire sentirsi dei "falliti", ma avere quella lucidità ed il coraggio di ammettere degli errori e magari essere pronti a ripartire. Un saluto

    RispondiElimina
  13. Chi e' causa del suo male pianga se stesso ehhhhhh:)

    RispondiElimina
  14. Tutti noi commettiamo degli sbagli, a volte ci disperiamo per gli errori fatti, purtroppo indietro non si torna, ma chiedere scusa è possibile, come è possibile sbagliare ritenendo di fare la cosa giusta...
    L'importante è che non ci sia mai sotto una cattiva intenzione!
    Ciao cara, buona serata
    Maria Rosa

    RispondiElimina
  15. Cara Stella, oggi tocchi un punto caldo per me.
    Sai come frutto di un mio errore mi sono trovata seriamente in difficoltà,rischiando molto...(qui dico solo questo) e non ti nascondo di essermi sentita fallita.
    Ma ora sto lottando con tutte le forze che ho per uscire dalla mia situazione e non mollo!!!
    Otterrò un risultato "diverso" da quello che aspettavo.
    Ma certamente è meglio questo che piangermi addosso senza far nulla.

    Bel post.

    Il messaggio di cui parlavi è sul Blog di poesie?

    Un bacio.

    RispondiElimina
  16. Quando altri sbagliano creandoti danni irreversibili è dura trovare il lato positivo, anche se condivido pienamente quello che hai scritto e nonostante tutto quello che mi è successo stò cercando il lato positivo e, appunto, voltare pagina.
    Fà male, molto male il limbo tra la presa di coscienza e il voltare pagina... un abbraccio ;-) Maffy

    RispondiElimina
  17. Siamo come dei magneti e per una legge d'attrazione/repulsione ogni pietra gettata in aria o ogni manifestato amorevole spontaneo sentimento ritornano come massi o come fiori al sole.

    Non ci può essere insegnamento verità, vero pensiero manifesto se prima non ha contemplato quella apparente duale illusione esteriore dentro se stesso.

    RispondiElimina
  18. Uè Raffaele, ti cucco sempre.
    Io essendo terra a terra, chiedo: quanti sono disponibili all'autocritica? Quanti sono disponibili a cambiare, specie con l'avanzare dell'età. Quanti sono disponbili a riallacciare rapporti chiusi?
    Magari mettendoci la faccia per primi?
    Non ho risposte, solo domande.
    Ciao.

    RispondiElimina
  19. Tante volte capita che bisogna toccare il fondo per ricominciare.
    Un abbraccio e un sorriso,
    Tomaso

    RispondiElimina
  20. Antonella, tu in sostanza dici che bisogna lasciarsi guidare senza fare autocritica, ma io non credo sia possibile, se ci si vuole migliorare.

    RispondiElimina
  21. Pupottina, sono d'accordo con te.

    Grazie per le lodi.

    RispondiElimina
  22. Diana sagge parole, in pratica il tuo commento è la sintesi del mio post.

    Bravissima!

    RispondiElimina
  23. Dark, il post puo' condurre a diverse riflessioni.
    Ci sono errori a cui è possibile rimediare rapidamente, altri che invece continuano a lasciare il segno anche dopo tanto tempo.
    In buona fede si puo' anche sbagliare,la saggezza sta nel riconoscerlo e quindi cercare di non ripetere.Un bacio

    RispondiElimina
  24. Federica, l'esperienza insegna.

    RispondiElimina
  25. Sbagliando s'impara a non commettere più lo stesso errore...ma ce ne saranno altri e saranno sempre errori diversi.
    Solo la consapevolezza degli errori passati ci potrebbe aiutare a essere più prudenti,
    ma di solito non è cosi...
    Per questo nella vita, più che evitare gli errori, dovremmo iniziare ad avere un cuore semplice e in esso coltivare quel sentimento antico "la creanza del cuore" solo con questo sentimento potremmo evitare tanti errori che commettiamo sia verso di noi che verso il prossimo.

    Adesso torno da Laura. Bacio.

    RispondiElimina
  26. Ciao incontro alla luce, benvenuta sul mio mio blog.
    La superbia è un brutto sentimento che annebbia la visuale nei confronti degli altri per esaltare se stessi, con la conseguenza di rimanere soli e isolati.

    RispondiElimina
  27. Veneris, è giusto cio' che asserisci:
    ripartire bene e con più cosapevolezza per non ricadere e rialzarsi di nuovo.

    RispondiElimina
  28. Cara Ilaria, il proverbio che citi vale per chi persevera nell'errore.

    RispondiElimina
  29. Maria Rosa quello che hai detto è importante: non fare del male deliberatamente.

    Buona serata a te.

    RispondiElimina
  30. Guernica, l'importante è riconoscere l'errore e tu l'hai fatto,già solo per questo sei da ammirare.
    Ancora di più se hai deciso di correre ai ripari, lottando con determinazione.
    E' così che si fa,secondo il mio punto di vista.
    Piangersi addosso è solo compatirsi e non serve a nulla.

    Parlavo di un commento sul blog delle poesie.

    Ricambio il bacio.

    RispondiElimina
  31. Mafalda, grazie della tua testimonianza.
    In bocca al lupo.
    Bacioni

    RispondiElimina
  32. Raffaele, bel pensiero filosofico...

    RispondiElimina
  33. che belle parole...sembra semplice!
    togliersi il perseverare è difficile....ci vuole molto impegno. un bacione

    RispondiElimina
  34. Massimo pochi, ma ce ne sono...tu per primo o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  35. Rosy hai trovato la corretta medicina: buona creanza del cuore e hai detto niente? Ora riposati, i nipotini sono cari, ma stancano.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  36. Signora in rosso, nessuna cosa è facile, ma con impegno e perseveranza tutto si può, niente è impossibile se lo si vuole davvero!

    RispondiElimina
  37. Ti leggo sempre con immenso piacere e quello che scrivi è sempre motivo di riflessione. Grazie!!

    RispondiElimina
  38. Angelabe, grazie. Grazie davvero!

    RispondiElimina
  39. Ciao stella, passo per un saluto veloce e per dirti che ciò che hai scritto è vero, ma quanta fatica a metterlo in pratica!
    Roberta.

    RispondiElimina
  40. quante vole ho dovuto ricominciare per un errore fatto....

    RispondiElimina
  41. Carissimi,
    Carissima Stella,
    Carissimo Massimo,

    non sono un filosofo, ma per l’indefinibile sete mi sono addentrato in quell'assai tortuoso sentiero della continua circolare radiale quadrairticolata ricerca dei perché senza fine.

    Riscoprendo che tutte le risposte sono dentro di noi, nel nostro cuore, nella nostra anima, nel nostro essere nel nostro spirito immortale.

    Basta fermarsi e riflettere, contemplare e soprattutto connettersi con la propria anima con l'amorevole intuitivo cuore.

    E’ come un cane malato che trova l’erba necessaria alla sua guarigione senza nulla conoscere, senza nessuna consapevolezza della vita. Inconsapevolmente una forza lo guida in virtù di quella Intelligenza che madre natura gli ha dotato e che agli occhi del profano è chiamata ISTINTO. Così e molto di più è nell’uomo che in certe condizioni o stati dell’essere, per una Volontà Divina, per una Legge Divina, riattiva quelle forze necessarie che lo conducono a compensare i vuoti prodotti dalla vita e a volte anche al risveglio e alla comprensione di tante verità celate.

    Se poi considerate che non è la prima volta che si discende in questo piano del confronto, allora tanti perché trovano giustificazione nel richiamare anche in un frammento quella memoria cosmica che ci siamo costruiti passo dopo passo.

    Credetemi, ci si arriva se si pensa che la vita non è unica, ma tante, vita dopo vita, dolore dopo dolore, gioia dopo gioia, esperienza dopo esperienza, conoscenza dopo conoscenza fino a quella finale meta, fino alla completa consapevolezza dell’essere, fino alla completa reintegrazione dell’essere con la propria divinità, con la propria celata Deità in quel meraviglioso TUTTO che chiamiamo DIO.

    RispondiElimina
  42. io ho sempre fatto una fatica nel mio lavoro per fare capire che da un errore si imapra e non si condanna! :)

    RispondiElimina
  43. Dai propi errori si dovrebbe imparare non scappare o ancor peggio non riconoscerli.Sbagliare è anche giusto perchè aiuta a crescere, l'importante esaper crescere senza sbsgliare troppo.Grazie Stella le tue parole fanno sempre riflettere.Un abbraccio Milena a

    RispondiElimina
  44. Per imparare dai propri errori occorre essere umili,quindi riconoscerli e quando necessario chiedere scusa alla persona che lo ha subito.
    Cara stella, la cosa non è facile ma necessaria,specialmente verso le persone care...!
    Grazie per la riflessione che hai proposto, come sempre!

    RispondiElimina
  45. Olá Stella! É, realmente em determinadas ocasiões, achamos correta a maneira pela qual procedemos, ou mesmo certo, o caminho que percorremos, porém, necessário se faz o aparecimento de alguém que nos abra os olhos e nos oriente quanto ao modo de procedermos e o caminho pelo qual, devemos seguir.

    Perdoe-me pelas baboseiras, é que estive navegando, avistei teu espaço e não resistí.

    Abraços,

    Furtado.

    RispondiElimina
  46. AMIGA, QUE SAUDADE DE VOCÊ.
    QUERO TE DEIXAR UM BEIJO...

    RispondiElimina
  47. Roberta, rincorrere le "cose" belle costa fatica...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  48. Fratello,ricominciare e voltare pagina, sperando che sia la volta buona...

    RispondiElimina
  49. Raffaele, sei assetato di sapere...
    Io credo in Dio!

    RispondiElimina
  50. Sirio, occorre essere altruisti...e non pensare solo a se stessi.
    Non facciamo agli altri quello che non vorremmo fosse fatto a noi ...è sempre valido, anzi validissimo.

    RispondiElimina
  51. Grazie della visita Rosemildo. Ho intuito il tuo pensiero.
    A presto!

    RispondiElimina
  52. E' bella questa riflessione del girare pagine senza la necessità di cancellare il passato: mi piace questa sophia!

    RispondiElimina
  53. Marina, non si può fare altrimenti!
    Passa dal blog delle poesie...se hai tempo.

    RispondiElimina
  54. hai ragione, interessante il post... Ma poi il tempo passa e si dimentica tutto, e forse si ripensa a quel momento pensando che in fondo forse non si è sbagliato. La classica "seconda via" degli universi paralleli... Ho scritto un post tempo fa su questa teoria; te lo riassumo dicendo che "ci sono infiniti universi in base a tutte le scelte che si son fatte nella vita.."

    RispondiElimina
  55. arrgianf...molto interessante.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...