20/04/09

38

IL PIATTO DELLA BILANCIA


Una donna, vestita sobriamente e con il volto triste, entrò in un negozio e umilmente chiese al padrone se poteva prendere alcuni alimenti a credito.
Con delicatezza gli spiegò che suo marito era malato e non poteva lavorare e che i loro figli avevano bisogno di cibo.
Il padrone le intimò di uscire dal negozio.
La donna supplicò : "Par favore, signore, pagherò appena posso".
Il padrone ribadì che non poteva farle credito e di andare in un altro negozio.
Vicino al banco, si trovava un cliente che aveva ascoltato la conversazione tra i due.
Si avvicinò e disse al padrone del negozio che avrebbe pagato lui quello che la donna avrebbe comprato per la propria famiglia.
Allora il padrone, riluttante, chiese alla donna :"Ha la lista della spesa?".
La donna annuì.
"Bene! Metta la sua lista sul piatto della bilancia e le darò tanta merce quanto pesa la sua lista" disse il negoziante.
La donna esitò un attimo e cercò nel suo portafoglio un pezzo di carta dove scrisse qualcosa.
Poi posò il foglietto su un piatto della bilancia.
Gli occhi del padrone e del cliente si dilatarono per lo stupore, quando videro il piatto della bilancia,dove era stato posato il biglietto, abbassarsi di colpo e rimanere abbassato.
Il padrone, fissando la bilancia, esclamò :"E' incredibile! " Il cliente sorrise e il padrone cominciò a mettere sacchetti di alimenti sull'altro piatto della bilancia.
Pur continuando a riempirlo, il piatto non si muoveva, fino a quando non fu colmo del tutto.
Il padrone rimase profondamente stupito, alla fine prese il biglietto di carta e lo fissò ancora più stupito e confuso...
Non era una lista della spesa! Era una preghiera che diceva :"Mio Dio tu conosci la mia situazione e sai ciò di cui ho bisogno : metto tutto nelle tue mani!"
Il padrone, in silenzio, consegnò alla donna tutto ciò che aveva messo nel piatto della bilancia.
La donna ringraziò e uscì dal negozio.
Il cliente, consegnando una banconota da 50 euro, disse al padrone :"Ora sappiamo quanto pesa una preghiera".

Preghiera semplice

Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace:

Dove è odio, fa' ch'io porti amore
Dove è offesa, ch'io porti il perdono
Dove è discordia, ch'io porti la fede
Dove è l'errore, ch'io porti la Verità

Dove è la disperazione, ch'io porti la speranza
Dove è tristezza, ch'io porti la gioia
Dove sono le tenebre, ch'io porti la luce.

Oh! Maestro, fa che io non cerchi tanto:
Ad essere compreso, quanto a comprendere.
Ad essere amato, quanto ad amare
Poichè:

Sì è : Dando, che si riceve:
Perdonando che si è perdonati
Morendo che si risuscita a Vita Eterna.

San Francesco


38 commenti:

  1. grazie cara Stella
    buon lunedì

    RispondiElimina
  2. Bellissima storia Stella. a presto

    RispondiElimina
  3. Come ci fanno riflettere queste righe!!

    RispondiElimina
  4. Buon lunedì Stella, ci hai regalato un momento di riflessione.
    baci da sabrina&Luca

    RispondiElimina
  5. Splendido racconto e splendida preghiera....

    RispondiElimina
  6. Io lo spero che pesino così tanto Stella!:)
    Buon lunedi.

    RispondiElimina
  7. Stella, anche nell'Alessandrino si è avvertito il terremoto, per fortuna poca cosa, il Piemonte non è a rischio di grandi terremoti...meno male...
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
  8. Felicissima per Paola...

    La bilancia Divina esiste, solo che noi abbiamo dimenticato i "pesi" di questa bilancia.
    Siamo assai distratti, da tante cose, dovremmo guardare più spesso il cielo...

    RispondiElimina
  9. Guarda che mi hai commosso veramente con questa parabola.
    Un abbraccio e grazie.

    RispondiElimina
  10. veramente molto bella!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. bella, non la conoscevo; molto interessante. Sul tema della bilancia ci sono altre storielle e racconti interessanti ma questa non la sapevo.

    RispondiElimina
  12. Sei riuscia a farmi inumidire gli occhi...che bella preghiera!

    RispondiElimina
  13. Sono contenta che vi sia piaciuto questo post
    , sprona a riflettere e a pregare, ne abbiamo bisogno.

    RispondiElimina
  14. Ciao Stella, mi hai ricordato il fascino sottile delle parabole. Perchè non le raccontiamo più ai bambini?
    Perché non ce le raccontiamo, tra noi?
    Ci volevi tu, cara Stella a ricordarci la loro efficacia, la loro verità!
    GRAZIE.

    RispondiElimina
  15. Meraviglioso racconto e meravigliosa poesia.
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  16. Cara Renata, di parabole o raccontini con relativa morale ne ho postati diversi, se ti interessano li trovi tra l'etichetta raccontini.
    Sarebbe veramente interessante raccontarle ai bambini, alcune mie lettrici lo fanno.

    Un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
  17. Ciao, bellissimo racconto pieno di significati, credo che della povertà, dovrebbe occuparsene la Società,il Padre Eterno ha già molte cose a cui pensare, ovviamente il significato del racconto è molto più profondo.
    Ti ringrazio delle notizie di Paola, sono felicissimo che sia tutto ok, speriamo di riaverla presto tra di Noi in piena forma.

    RispondiElimina
  18. Ciao Stella,
    bellissimo post, ci ricorda che spesso non sappiamo dare il giusto peso alle parole....

    quelle di una preghiera hanno un peso che solo Dio sa valutare...

    un abbraccio e grazie per le news su Paola (ho letto da Adamus) e se la senti salutamela tanto :-) grazie

    RispondiElimina
  19. Ciao stella, questo è un post che mette in risalto almeno una cosa : C'è un abisso tra il metro che utilizziamo noi uomini verso i nostri fratelli e il metro che usa Dio...e che Francesco d'Assisi esprime molto bene!

    RispondiElimina
  20. molto bello stella sia il post che la preghiera . E' proprio vero la preghiera non ha peso e ne prezzo se fatta con il cuore .

    RispondiElimina
  21. Renata, sarà che insegnavo facendo sperimentare...e facendo scoprire i concetti ai miei alunni...
    Si impara più con le metafore che con gli indottrinamenti.

    RispondiElimina
  22. Adamus, Paola sarà presto tra noi.

    RispondiElimina
  23. Pasticcino, la preghiera aiuta sempre...

    RispondiElimina
  24. Basta farsi contagiare da una vera e propria "febbre d'amore" verso il prossimo, per fare si che il piatto della bilancia sia sempre stracolmo di cose che necessitano a quanti ce ne chiedono.

    Tutto bene oggi?

    Ciao
    Rosa

    RispondiElimina
  25. Sì Rosa, la paura è passata, grazie!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  26. bello...profondo ...grazie!

    RispondiElimina
  27. Lo, con post così, penso sempre alla tua gnoma.

    RispondiElimina
  28. Buongiorno Stella cara...
    A costo di essere ripetitiva... bello il racconto, profondo il significato, le preghiere talvolta sono pesantissime per noi che non sappiamo elevarle.
    ma quando impariamo come farlo, diventano lievi e salgono verso l'alto facendoti sentire più leggera l'anima!

    RispondiElimina
  29. grazie Stella
    da me è cupo e piove a dirotto ...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Pupottina, ieri qui a Torino è stato così tutto il giorno,in compenso oggi non piove.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  31. Stupenda, veramente stupenda !
    Grazie Stella.
    ciao

    RispondiElimina
  32. Red mi fa molto piacere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Ciao è proprio vero basta un sorriso, sai io mentro leggevo stavo sorridendo, quindi le parole adesso non servono.
    piacere di averti letta

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...