18/03/09

56

LA ZANZARA E IL LEONE


C'era una piccola zanzara assai furba e spavalda. Stanca di giocare con le solite amiche, decise un giorno, di lanciare una sfida al Re della foresta. Si presentò così davanti al sovrano che era il leone e lo salutò con un rispettoso inchino. Il grande Re che era intento a schiacciare uno dei suoi pisolini più belli lungo la riva di un fiume, lanciò una distratta occhiata all'insetto. "Oh! Buongiorno".
Rispose Sua Maestà spalancando la bocca in un possente sbadiglio.La zanzara disse: "Sire, sono giunta davanti a Voi per lanciarvi una sfida!" Il leone, un po' più interessato, si risvegliò completamente e si mise ad ascoltare.
'Voi " continuò l'insetto "credete di essere il più forte degli animali eppure io dico che se facessimo un duello riuscirei a sconfiggervi!" Il Sovrano divertito disse: "Ebbene se sei tanto sicura,proviamo!" In men che non si dica il piazzale si riempì di animali d'ogni genere desiderosi di assistere alla sfida. Il " Singolar Tenzone" ebbe inizio. L'insetto andò immediatamente a posarsi sul largo naso dell'avversario cominciando a pungerlo a più non posso. Il povero leone preso alla sprovvista tentò con le sue enormi zampe di scacciare la zanzara ma, invece di eliminarla, egli non fece altro che graffiarsi il naso con i suoi stessi artigli. Estenuato, il Re della foresta, si gettò a terra sconfitto. Così, la piccola zanzara fu acclamata da tutti i presenti. Levandosi in volo colma di gioia, la zanzara non si accorse però della tela di un ragno tessuta tra due rami e andò ad imprigionarvisi proprio contro. Intrappolato in quell'infida ragnatela l'insetto scoppiò in lacrime, consapevole del pericolo che stava correndo. Fortunatamente il leone, che aveva assistito alla scena, con una zampata distrusse la tela e liberò la piccolina dicendo:
"Eccoti salvata mia cara amica. Ricordati che esiste sempre qualcuno più forte di te! E questo me lo hai insegnato proprio tu!" La zanzara, da quel giorno imparò a tenere un po' a freno la propria spavalderia.
Le persone troppo sicure di sé riescono, a volte, a superare gli ostacoli più grossi ma inciampano spesso nelle difficoltà più piccole.

Esopo

56 commenti:

  1. l'amore, la vita sono una gioia se condivisa

    RispondiElimina
  2. Bella bella :)
    E' Esopo...
    Entro fondamentalemnte per dirti che Sono tra i tuoi seguaci e ora ti linko cara!

    RispondiElimina
  3. Questo racconto, ha una grande morale...il leone che era stato sconfitto dalla zanzara, invece di vendicarsi, mise da parte l'orgoglio e aiutò la povera zanzarina...(in questo, dimostrò la sua vera grandezza)
    Perchè a sua volta il leone attraverso il piccolo insetto aveva capito e raccolto con umiltà una grande lezione di vita.
    Vero, si inciampia molto spesso in cose non solo piccole ma sopratutto frivole.
    La frivolezza, è la sorella della spavalderia e quando camminano insieme fanno solo danni...

    Tutti dovremmo saper reagire e capire come re-leone...
    e qui ti voglio...e gia...

    Grazie, non la conoscevo...sai queste morale mi piacciono tanto, da loro ho sempre attinto.

    Bacioni.

    RispondiElimina
  4. Oggi cara Stella ti lascierò più di un sorriso, la gioia di leggerti ma fa di darti un forte bacione!
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Stella ti sfido a duello! Scommetto che sono più forte di te! :-P

    RispondiElimina
  6. Stella, il leone è stato umile e intelligente..la zanzara lo è diventata..Invece per alcune persone non basta una vita intera!!!
    Un bacione grande grande.
    p.s
    forse forse con una bella facciata per terra per il dissesto economico, alcune persone troppo sicure di sé lo diventeranno..

    RispondiElimina
  7. ben detto! che bella storia, un bacio Stella :)

    RispondiElimina
  8. Questa storia da un insegnamento che tutti noi dovremo tenere a mente

    RispondiElimina
  9. Penso che molte persone dovrebbero leggere questa favola e comportarsi di conseguenza...Esopo è una fonte di saggezza anche se tanto lontano da noi; i valori di cui parlano le sue favole sono una "specie" da proteggere.
    Ciao Stella, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  10. Cara Stella,
    io spero tanto che la tua storiella
    corrisponda a verità....
    Ti abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  11. Guernica,grazie di far parte della mia grande famiglia.
    Benvenuta!

    RispondiElimina
  12. Cara Rosy,favole come questa sembrano semplici perchè si leggono volentieri,ma i messaggi che inviano sono educativi,come appunto hai spiegato bene tu.

    Hai cambiato icona,è bella!

    Sei sulla luna,potevi stare sulla "stella".

    So che in questo momento stai ridendo...

    RispondiElimina
  13. Tomaso,tanti sorrisi e tanti bacioni a te,inguaribile romantico...!

    RispondiElimina
  14. Tarkan,occhio alle punture...sono scattante!

    RispondiElimina
  15. Davide,con garbo punti sempre lì a ragion veduta e per questo ti apprezzo molto.

    Un bacione.

    RispondiElimina
  16. Caro Lello,tutti sbagliamo.
    L'importante è riconoscerlo e non ripetere gli errori.

    RispondiElimina
  17. Paola,sì hai ragione; queste sono perle di saggezza...
    Alcune favole le raccontavo ai bambini e poi chiedevo le loro impressioni,le risposte mi lasciavano piacevolmente sorpresa.

    RispondiElimina
  18. Ornella,il tempo può passare ma la verità prima o poi verrà a galla.
    Lo spero veramente tanto.

    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  19. Ciao STELLA,
    non ho letto il post perché non ce la faccio sto troppo male ma ti mando un saluto per dirti che ci sono sempre. Un abbraccione.
    Marina

    RispondiElimina
  20. Ciao Marina,mi dispiace tantissimo...
    Io non riesco a commentarti,non si apre la finestra. Per fortuna,ti sei fatta viva tu.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  21. l'ho letto alla gnoma le è piaciuto!!!! grazie e un bacione

    RispondiElimina
  22. Ely, ti stringo forte a me.

    RispondiElimina
  23. Lo immaginavo, lo.
    Hai fatto benissimo, mamma in gamba!

    RispondiElimina
  24. condivido l'opinione di Davide...:-))
    un bacio Stella!

    RispondiElimina
  25. Eccomi, letta la storiella...mi sa che mi piacciono ancora :)
    Buona serata, baci

    RispondiElimina
  26. Bella storia! E la morale è cos'ì VERA!

    RispondiElimina
  27. stella il premio per te non può mancare,vieni a prenderlo sul mio blog

    RispondiElimina
  28. Ciao Stellina scusa per l'assenza!!!
    Quanto è vera questa favola...

    RispondiElimina
  29. Ciao Stella neanche io conoscevo questo racconto, profonda morale magari potessimo apprenderla tutti!!! Mi è piaciuto cosi' tanto questo racconto che l'ho fatto leggere ad un'amica maestra elementare , mi ha detto che la racconterà ai suoi alunni. Bello!! Grazie un bacio Milena a

    RispondiElimina
  30. Concordo: Le persone troppo sicure di sé riescono, a volte, a superare gli ostacoli più grossi ma inciampano spesso nelle difficoltà più piccole.
    Ciao Stella

    RispondiElimina
  31. Ciao Stella bellissimo post...tanto da farci riflettere.Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  32. Bellissima storia. Dovrebbero leggerla tutti, soprattutto quelli che hanno bisogno di comprendere come si vive tra la gente.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  33. E' bellissima questa, sai che non la conoscevo?
    Ciao Stella, un abbraccio.

    RispondiElimina
  34. A uguri,
    U omini
    G enerosi,
    U manità
    R esponsabile,
    I nstancabile…

    C olori
    A crilici,
    R uscelli
    I mpetuosi…

    P rotettori
    A morevoli,
    P aterno
    A bbraccio…

    Ogni figlio crescendo amerà il padre come il padre avrà amato il figlio sin dal primo alito di vita…
    Auguri ai Papà capaci di educare i propri figli e di donarli al mondo maturi e forti…di certo, essi,
    saranno la luce per un futuro ricco di gioia e di pace!

    Paolo

    RispondiElimina
  35. Hai fatto bene a riproporla Stella questa favola di Esopo, l'avevo letta da Adamus, fa bene rileggerla.

    Un saluto e buona gironata.

    RispondiElimina
  36. Sono cresciuta con le favole di Esopo e la loro buona morale...
    Avevo la raccolta completa!!!
    Grazie per avermele ricordate!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  37. Cielo sono venuta a ritirare il premio,è nel bog dei premi. Grazie!

    RispondiElimina
  38. Nella non devi assolutamente scusarti.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  39. Milena, saggia decisione!
    Fatto anch'io...all'epoca!

    RispondiElimina
  40. Ciao Luciano, è proprio così!

    RispondiElimina
  41. Grazie fru e buon onomastico!

    RispondiElimina
  42. Kylie anche se la leggono, credi che metterebbero in atto la morale?

    RispondiElimina
  43. Anna grazie a te.
    Ti aspetto sul blog di poesie.
    Felice giornata.

    RispondiElimina
  44. Paolo il tuo commento mi ha fatto immensamente piacere ,soprattutto per l'invito rivolto ai papà.
    Lieta e proficua giornata.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  45. Gabry bisognerebbe rileggere tutte le favole di Esopo.
    Grazie per la tua presenza costante anche sull'altro blog.
    Sei molto carina.

    RispondiElimina
  46. Francesca leggile ai tuoi gioielli.
    Passi sul blog di poesie?
    Mi farebbe piacere.

    RispondiElimina
  47. Che perla di saggezza! Un saluto

    RispondiElimina
  48. ...ogni tanto un po' di giustizia...
    :-)

    RispondiElimina
  49. Un caro saluto a te Veneris.
    Tutte le favole di Esopo sono perle di saggezza.

    RispondiElimina
  50. Ciao ReAnto,nel mondo animale c'è più giustizia che in quello umano...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...