19/02/09

52

INTELLIGENZA EMOTIVA


Intelligenza emotiva

Ogni anno all'asilo dove lavoro si tengono corsi di aggiornamento diversi, quest'anno è stato scelto lo Sviluppo dell’intelligenza emotiva come:

1) intelligenza interpersonale ( conoscenza di sé, ascolto interiore, connessione con il proprio sé superiore, consapevolezza delle proprie emozioni)

2) capacità di riconoscimento in se stessi e negli altri delle emozioni di base e delle loro sfumature, che consente di dare alle emozioni il nome appropriato

3) comprensione delle situazioni o delle reazioni che producono i diversi stati emotivi

4) autostima e fiducia in se stessi

5) intelligenza interpersonale ed empatia nei confronti dei propri simili

6) capacità di riconoscere i propri comportamenti scorretti o inefficaci e modificarli assumendosi la responsabilità delle proprie azioni

7) capacità di individuare i propri obiettivi e raggiungerli nel tempo stabilito

8) uso delle abilità acquisite

L’adulto, per aiutare il bambino a sviluppare l'intelligenza emotiva, deve per prima cosa sviluppare la sua, poi:

- essere un buon modello da imitare

- comunicare con i bambini e ottenere la loro fiducia facendoli sentire “ascoltati”,

- comprendere i segnali di disagio lanciati da canali non verbali,

- gestire le proprie emozioni. Rassicurare e aiutare i bambini a sviluppare l’empatia.

- distinguere le emozioni dai comportamenti. Riconoscere e rispettare tutte le emozioni proprie e dei bambini, modificare i comportamenti inefficaci e insegnare anche ai bambini a farlo.

- imparare a mettersi in gioco nel rapporto interpersonale

-accettare che ogni bambino è diverso dagli altri.

Un compito sicuramente difficile quello dell'educatore, la strada da fare è tanta, l'autoanalisi è sicuramente il primo passo verso la meta ed io sono pronta a dipanare la matassa....o almeno credo un po' di nodi ci sono...

Raggio di luce

Come sempre pubblico ciò che condivido.




52 commenti:

  1. Il "mestiere" dell'educatore,come quello di genitore, viaggiano di pari passo e sono entrambi molto difficili,perchè comportano il mettersi sempre in discussione,allo scopo di entrare nel mondo dei piccoli nel migliore dei modi!
    Complimenti sia a Raggio che a te,stella!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Sagge parole le tue, cara collega:)

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Stella!
    Anch'io, come Sirio, penso che sia molto difficile il mestiere dell'educatore così come( e forse ancora di più) quello del genitore: penso comunque che una delle cose da tenere sempre presente sia il rispetto che si deve ai bambini, considerandoli, ascoltandoli e parlando loro con serietà. Se impariamo bene a fare questo, difficilmente non avremo in cambio qualcosa di molto positivo da parte loro.Ciao cara, un bacione

    RispondiElimina
  4. Pensa che io ho un diploma come dirigente di comunita' e sarebbe il mio lavoro questo! Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  5. Se solo si capissero i veri insegnamenti che il buon meraviglioso Rudolf Steiner ha lasciato in eredità a questa umanità, tanti innati giusti benevoli potenziali virtù potrebbero essere risvegliati dal cuore di ogni fanciullo che in questa terra è ritornato per espandere il suo cuore ed il cuore di tanti. Fin dalla nascita del bambino i genitori possono trovare, nel patrimonio conoscitivo offerto dalla pedagogia steineriana, indicazioni concrete a proposito di quella meravigliosa fusione fra Spirito e Materia.

    RispondiElimina
  6. sacrosanti insegnamenti! quanto sarebbe stato utile poterne usufruire tante primavere fa...
    bacio, cara stella

    RispondiElimina
  7. Il mestiere dell'educatore deve essere difficile.

    Io non saprei cosa fare con dei bambini che hanno come genitori certa gente. Insomma, cosa puoi fare se i genitori sono degli invasati totali? Secondo me è possibile solo offrire al bambino una "voce" diversa, in modo che davanti a sé si ritrovi persone diverse. Il bambino POTENZIALMENTE (non effettivamente) più intelligente è quello che immagazzina fin da subito informazioni dalle più svariate aree culturali.

    Concordi Ste?

    RispondiElimina
  8. Sarà bello sciogliere i nodi............alcuni richiederanno un po' di tempo, ma poi le emozioni le sentirai ancora più forti.
    Ti stai accingendo a compiere un percorso impegnativo ma meraviglioso.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao Stella, ti auguro tante bei momenti di vita

    Anna
    Noi disabili

    RispondiElimina
  10. Pupottina,buon giovedì pure a te!

    RispondiElimina
  11. Luly,tra colleghe ci si comprende.

    RispondiElimina
  12. Cara Paola,concordo: il "mestiere" dei genitori è più difficile della professione degli insegnanti.

    RispondiElimina
  13. Ciao cara Elisabetta,complimenti per la tua carica.
    Eserciti la tua professione?

    RispondiElimina
  14. Cara Maria Rosaria hai ragione,un tempo la scuola era molto diversa pur essendoci sempre stati bravi docenti.

    RispondiElimina
  15. Anna finalmente sei tornata,che gioia!
    Auguro anche a te tanti bei momenti di vita serena e felice.

    A presto.

    RispondiElimina
  16. Ciao Stella,
    ma certo, per me è un onore la pubblicazione.

    bacioni

    Anna
    Noi disabili

    RispondiElimina
  17. Teodo,certo che è un percorso difficile e te lo posso assicurare,dopo aver insegnato per tantissimi anni.
    Devo dirti che ho raggiunto anche risultati insperati,quando c'era la collaborazione della famiglia.

    RispondiElimina
  18. La scuola , soprattutto quella elementare ha fatto proprio passi da gigante ...un grazie a tutti gli educatori gli adulti di domani saranno migliori di noi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Caro Raffaele,se tutti i genitori fossero attenti all'educazione dei figli come te,forse non ci sarebbero in giro tanti ragazzi fragili e soli.

    RispondiElimina
  20. Caro sirio,un insegnante giustamente deve mettersi in discussione e non dare mai niente per scontato.
    I bambini hanno bisogno di affetto e di comprensione,prima di tutto...e poi il resto viene da sè.
    Questo è il mio modo di pensare che mi ha fatto avere successo durante l'insegnamento.

    RispondiElimina
  21. Teodorica,detto da te...grazie!

    Ti invito a visitare l'altro mio blog.

    RispondiElimina
  22. come condivido...da buon educatore ;)

    RispondiElimina
  23. Ciao Stella, sono Claudia di Casa cuori colori. Sono felice che tu ti sia iscritta tra i nostri lettori e...l'ho fatto anch'io! Hai un blog molto interessante e, come ex insegnante (ora lo faccio solo per i miei figli) sono sensibile a tutti i problemi che riguardano l'educazione. Ho letto con avidità l'articolo sull'intelligenza emotiva...ne sono personalmente confrontata con il mio bimbo che ne ha in eccesso...e non è semore facile da gestire ma, crescerà!! Grazie ancora e a prestissimo!
    Claudia
    Casa Cuori Colori

    RispondiElimina
  24. Cara Stella, credo che gli 8 punti riferiti ai bambini siano innate in loro. Sono ancora immacolati nei pensieri e nei modi quando iniziano l'asilo. Il problema nasce quando ci si mettono di mezzo gli adulti, buona parte dell'intelligenza degli adulti è andata persa. Condivido TANTISSIMO la frase "l'adulto per aiutare il bambino a sviluppare l'intelligenza emotiva, deve per prima sviluppare la SUA!!
    Brava Stella, un bacione grande grande.

    RispondiElimina
  25. I bambini sono il nostro futuro...bisogna curarli e aiutarli a crescere sereni e fiduciosi..questo per me è il compito sia del genitore che dell'educatore...
    a presto

    RispondiElimina
  26. Grazie per avermi dato una rinfrescata su quello che io genitore devo sapere e fare con i miei figli.

    RispondiElimina
  27. Molto interessante quello che hai postato. Utile per l'insegnante che è obbligato a guardarsi dentro e a mettersi in gioco. Essenziale per il bambino che vuole, e deve, essere ascoltato. bellissima iniziativa. Grazie Stellina.

    RispondiElimina
  28. Interessante iniziativa.
    Pur non essendo un educatore mi sono occupato, seguendo alcuni Master, di Intellingenza emotiva e soprattutto di creativita', un altro aspetto dell' educazione trascurato nelle nostre scuole.
    Molti credono che l' Intelligenza emotiva e la creativita' siano cose che hanno del magico. Niente di piu' sbagliato se gia' Aristotele affermava: "Le emozioni hanno relazioni con l' apparato cognitivo perche' si lasciano modificare dalla persuasione".
    E' l' Intelligenza emotiva che ha consentito ai nostri lontani progenitori di sopravvivere in un ambiente ostile e di elaborare strategie che sono alla base dell' evoluzione umana.
    Daniel Goleman, dell' Universita' di Harvard, all' inizio di uno dei seminari da me seguiti, era solito affermare "L' intelligenza emotiva consente di governare le emozioni e guidarle nelle direzioni piu' vantaggiose; spinge alla ricerca di benefici duraturi piuttosto che al soddisfacimento degli appettiti piu' immediati; si puo' apprendere, perfezionare e insegnare ai bambhini, rimuovendo alla radice le cause di molti e gravi possibili squilibri caratteriali".
    Purtroppo queste iniziative sono sporadiche legate alla volonta' di pochissimi, ma illuminati, educatori. I nostri governanti anziche sviluppare programmi adeguati per aumentare l' autoconsapevolezza, controllare piu' efficacemente i nostri sentimenti negativi, aumentare la nostra capacita' di essere empatici e di curarci degli altri, discutono di maestro, unico, voto in condotta, grembiuli, ecc., anziche' prestare attenzione in modo piu' sistematico all' intelligenza emotiva.
    Vale

    RispondiElimina
  29. Lo, ti credo. Sei una mamma molto attenta!

    RispondiElimina
  30. Ciao Claudia,grazie a te e benvenuta!

    Benchè io sia in pensione, parlo spesso dei bambini,con i quali ho trascorso moltissimi anni della mia vita. Ora li incontro su FB e sembra che il tempo non sia mai passato.
    Per il tuo figlioletto sai bene come comportarti: un'intelligenza vivace è una buona base di partenza!

    A presto.

    RispondiElimina
  31. Davide,quel punto è fondamentale...

    RispondiElimina
  32. Signora in rosso occorre "coltivarli",mai abbandonarli a se stessi!

    RispondiElimina
  33. Peppe sono sempre a tua disposizione!

    RispondiElimina
  34. Serenella,ero portata per l'insegnamento e ho sempre messo davanti a me gli alumni ,ai quali capitava anche di chiedere scusa per un'eventuale mia distrazione.

    RispondiElimina
  35. Pierre a te che cosa posso rispondere? Hai integrato talmente bene e in modo adeguato il mio post per cui non mi resta che dirti: grazie dottore!

    RispondiElimina
  36. Ste rispondo come sempre quando mi dicono dottore o professore:
    "Non sono neanche infermiere", nel primo caso, o "Non sono neanche bidello", nel secondo.
    Naturalmente celio sui miei titoli accademici, che ci sono, ma ritengo piu' importante il mio essere giornalista.
    Vale

    RispondiElimina
  37. ....carissima..la scuola è il luogo dove nasce e cresce la cutura delle idee,dove ha cittadinanza l'essere consapevole dell'altro, e tante altre cose...ma purtroppo nel nostro paese tutto interessa... non la scuola...e questo perchè non vogliono teste ricche di idee o di domande ma solo individui allineati...questo è il mio gran dolore...io che con la scuola ho quella corrispondenza di amorosi sensi...soffro enormemente a vedere in che abisso l'hanno fatta precipitare...colpa anche di molti insegnanti che sinceramente....scusa,ma... non sanno neanche cos'è l'intelligenza emotiva...

    RispondiElimina
  38. Upupa dici bene : tutto interessa no la scuola, e come posso darti torto?

    L'ignoranza conviene...a tanti...

    RispondiElimina
  39. Bellissimo post,insegnamenti e sopratutto consigli molto importanti....Io e mio marito diamo alle nostre adorabili bambine tutto ciò che è elencato qui da te...la base importante è avere tanto dialogo...e cercare di comunicare in modo costruttivo e inteliggente,non sempre ci vien facile questo è vero...perchè la tastardagine dei bimbi delle volte è tanta...ma basta un pizzico di buona volontà dei grandi per adolcire quella testardagine di non ascoltare e tutto fila liscio...serena serata Stella baci.

    RispondiElimina
  40. Grazie fru della tua testimonianza. Quando si è attenti genitori,si sbaglia meno.

    Baci

    RispondiElimina
  41. Ciao Stella, penso che tu stia bene...
    Grazie mille per questa lezione di alta qualità

    RispondiElimina
  42. wow che bello però questa cosa^^.. bellissimoooo

    ehi e belle le foto che hai messo in video^^.. brav Stellina.. bacionii

    RispondiElimina
  43. Ciao Stella, un breve passaggio, dopo vado a letto...

    La cosa più difficile è.. fare il genitore e l'educatore...Con pazienza e tanto amore si riesce...credo...ciao stella e sogni d'oro.

    RispondiElimina
  44. Ciao Rosy bella.

    Serena notte e sogni d'oro!

    RispondiElimina
  45. Sì,compito molto arduo...e penso che il cammino sia quello giusto...Ciao a presto

    RispondiElimina
  46. Anna,mi era sfuggito il tuo commento,grazieeee!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...