02/01/09

83

BIBLIOTERAPIA


Lo sapevate che alcuni romanzi insegnano a vivere meglio ?

Quando si attraversano momenti difficili è possibile ritrovare, attraverso la lettura di un
romanzo,quanto in quel momento ci manca.

A me ha fatto molto bene leggere il libro "Vivere Amare Capirsi" di Leo Buscaglia e "Il guerriero della luce" di Paulo Coelho.

Annota il Nobel per la letteratura Orhan Pamuk nel saggio "Autore Implicito" : "Un brano di romanzo forte,intenso e profondo,mi rende felice più di altre cose".

Ecco l'importanza,in un percorso di cura di storie scritte che evocano problematiche interiori,conflitti,emozioni e possibili soluzioni.

A un terapeuta viene chiesto non solo di essere bravo ed empatico,ma anche colto per saper consigliare spunti letterari,diversificati,capaci di accompagnare quella persona specifica in un percorso di consapevolezza dei bisogni da affrontare.

Esistono romanzi che salvano la vita.Ognuno può avere il suo,per riflettere,per trovare l'eco delle proprie sofferenze interiori,per vedere sceneggiati in un racconto i propri timori e le paure,le ansie e i rancori,le gioie e gli amori martoriati (letture di Roth e Oz).

Il percorso di cura con i libri, per chi si trova in uno stato di malattia, può anche avvalersi di letture di poeti e di artisti che hanno descritto l'uomo e il mondo attaverso analisi stupefacenti dei sentimenti e delle emozioni.

Ogni buon libro è un viaggio, e ogni viaggio è qualcosa che assomiglia ad una piccola cura per la nostra mente inquieta.

Quindi la LETTURA non è solo diletto e relax, ma anche TERAPIA.

83 commenti:

  1. Buon giorno cara Stella,
    ai perfettamente ragione io non ho studiato tanto però mi piace leggere qualsiasi libro se anche non conosco nessun autore ma mi aiuta nelle curiosità del sapere, trovo sempre delle storie che riempiono la mia vita.
    Un caro e sentito abbraccio,

    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ste' hai proprio ragione. ''Il guerriero della luce'' un gran bel libro, Buscaglia, mi piace meno, ma come diceva Plinio il Giovane nelle sue epistole ''Nullum esse librum tam male ut non aliqua parte prode esset'' (Non vi e' libro tanto cattivo da non essere in qualche parte utile).
    Vale

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella, passo per augurarti un sereno 2009.

    RispondiElimina
  4. stella, che meravigliose quelle viole in apertura! sono gioia e invito al sorriso! felice anno nuovo e hai ragione sul potere della lettura: anche io leggo molto anche se i miei occhi si stancano spesso, però è un momento della giornata che mi riservo con piacere.

    RispondiElimina
  5. Tomaso non tutti amano la lettura e ...si impoveriscono nell'animo e nello spirito...

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Stella, grazie per il premio, lo pubblicherò stasera sul mio blog :-)
    I libri sono davvero capaci di salvare la vita. Io per fortuna sono cresciuto con una discreta libreria che mi ha portato ad amare i classici. Crescendo le mie conoscenze letterarie si sono allargate ma la lettura di romanzi inglesi è rimasta sempre al primo posto, come a dire "il primo amore non si scorda mai"

    RispondiElimina
  7. Pierre concordo,ma eviterei libri di violenza...violenza scatena violenza.

    RispondiElimina
  8. E' proprio vero che le belle cose sono terapeutiche, non nego che nel clou di un certo periodo leggere è stata una vera valvola di sfogo che mi ha resa meno tesa più rilassate e lucida!
    Ciao cara ora passo a leggere il precedente post :)

    RispondiElimina
  9. Anna righe blu, grazie!

    Anche a te auguro un anno ricco di prosperità ed amore.

    Ritira il mio premio di ieri.

    RispondiElimina
  10. Laura,allora ho fatto bene a postare queste violette.

    Il mio blog era partito con violette più umili e intendo proseguire con questi fiori... Per caso le ho trovate più colorate e mi sono subito piaciute, fanno allegria e tu me lo confermi.

    Ti auguro un bellissimo 2009 con un abbraccio !

    RispondiElimina
  11. Tarkan, non avevo dubbi che tu amassi leggere...

    RispondiElimina
  12. IS carissima,è proprio così!

    RispondiElimina
  13. Io non leggo molto, per mancanza di tempo, (banale scusa vero?),però ho dei miei periodi in cui trascorro delle ore, prima di andare a letto immersa nella lettura. gli ultimi libri sono stati quelli di Eleonora D'Arborea. Durante i mesi scolastici..aiuto i miei bambini nello studio, quindi tra storia, geografia, scienze e altro, non avendo studiato,completo il mio bagaglio culturale. Ti devo dire, che nei miei momenti più tristi, questo leggere, mi ha aiutata tantissimo.
    bacioni cinzia.

    RispondiElimina
  14. Ho un premio x te!!
    http://indimenticabilenuvola.blogspot.com/2009/01/premio-kreativ-blogger.html

    P.s. bellissima l'immagine delle violette!!

    RispondiElimina
  15. Cinzia sei una mamma da imitare!

    Seguire i bambini nello studio fa bene ai bambini e alla mamma...

    RispondiElimina
  16. Cara desy ,ti ringrazio infinitamente!

    RispondiElimina
  17. E' proprio vero quello che scrivi.
    Ci sono libri che fungono da vere e proprie terapie in certi momenti: rilassano, fanno sognare, fanno compagnia (al punto che al temine del libro a me spesso capita di sentirm sola...) ed altri libri, quelli un po' più psicologici (per non parlare di quelli proprio dedicati alla materia) aiutano un po' di più a cmprendere certi periodi di crisi e certi meccanismi che a volte non ci sono chiari.
    La lettura, comunque sia, è un ottimo "hobby" (se possiamo chiamarlo così) che purtroppo noi italiani curiamo poco.
    Apre la mente...

    Buona giornata, Stella cara, stamani pare vada un po' meglio... ufffff!!! Che pizza!

    RispondiElimina
  18. Concordo a pieno, leggere e un ottimo antistress una piacevole valvola di sfogo. Un saluto

    RispondiElimina
  19. cara stella, quello che scrivi sui libri è verissimo!!! io ho "imparato" a leggere per il piacere di farlo piuttosto tardi (ahime... dopo... l'università!!!) e devo dire che ora per me è irrinunciabile, un'oasi di serenità nella quale devo rifugiarmi, necessariamente!

    RispondiElimina
  20. Annagì gli Italiani leggono poco...

    Non volevo gufare,ma avevo previsto...

    Bacioni comunque.

    RispondiElimina
  21. Pierpra ritira il premio di Capodanno.

    RispondiElimina
  22. Laubel un po' tardino in effetti, ma poi hai provato piacere a leggere...quindi guadagnerai...il tempo perduto.

    Buon anno Laubel e ritira il premio.

    Bacioni.

    RispondiElimina
  23. Stella, avevo previsto anche io, ma non volevo starmene chiusa in casa, prorpi no. Avevo previsto e sapevoche mi cio sarebbeo voluti, poi un paio di gg di riposo...

    ...e vabbè... passerà... tutto passa! Il fatto è che non riesco nemmeno a leggere che ho gli occhi che lacrimano più del naso, accidenti; anzi che oggi riesco a tare pure un po' al pc...
    :(

    RispondiElimina
  24. Stella, devo dire di aver iniziato a leggere ad un età piuttosto avanzata, visto i miei 40 anni..eh eh..no scherzo, comunque sono pochi anni che leggo dei libri e devo dire che mi entusiasma sempre di più, comunque ci vuole del tempo, però pian pianino me ne sto ritagliando per la lettura...
    Un bacio e a presto.

    RispondiElimina
  25. Buon anno nuovo cara Stella.
    Hai proprio ragione,ci sono dei momenti in cui desidero stare in compagnia di un libro;esso mi tiene compagnia e mi sollazza in determinati momenti a volte anche difficili.

    RispondiElimina
  26. Quello che dici è proprio vero e ne dà la conferma il fatto che io leggo cose diverse a seconda del mio stato d'animo.

    RispondiElimina
  27. Eh Davide,so di quali letture parli...ecco perchè sei così informato!

    RispondiElimina
  28. Lello buon anno anche a te.
    Ritira il premio di Capodanno.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Suysan,sono completamente d'accordo.

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  30. Io, nei momenti difficili, ho scelto i classici della letteratura italiana.

    RispondiElimina
  31. è vero, a volte nella lettura di un libro o di una canzone si trova proprio quel pensiero che si stava cercando, aspettando. e arriva proprio al momento giusto, pronto a lenire le corde dolenti... buon anno, stella, ricco di tutte quelle cose che ti fanno sorridere il cuore :)

    RispondiElimina
  32. Che boiata!
    I libri sono sì utili, ma definirli terapeutici...e poi Coelho!!!! Ma dai, su!
    Meglio una tazza di thè, un amico e un pensier che si vivifica.
    Stavolta, ma non solo ora, hai toppato!

    Ciao, Alberto.

    RispondiElimina
  33. condivido pienamente. in questi giorni che sono stato male (natale e capodanno a letto) la compagnia dei libri è stata fondamentale. ha fatto in modo di non pensare che avrei passato quei momenti da solo, anzi sono riuscito ad "uscire"
    il thè e l'amico vanno bene per brevi periodi

    RispondiElimina
  34. Caro anonimo,è questione di punti di vista e sei pregato di rispettare le idee altrui,se non altro facendoti riconoscere ed esprimendoti in modo educato.
    Se io toppo,perchè vieni a leggermi?
    La biblioterapia non è una mia invenzione...
    La prossima volta cestino il tuo commento.

    RispondiElimina
  35. Caro Sergio,bentornato!

    Buon 2009 e vieni a ritirare il mio premio di Capodanno.

    A presto.

    RispondiElimina
  36. Grazie Laumig,con tutti i vostri commenti ognuno prova sollievo a leggere secondo le proprie preferenze.
    Ancora buon 2009 e ritira il premio di Capodanno.

    RispondiElimina
  37. Caro Spirit,certamente è benefico leggere ,soprattutto quando si è costretti a letto.
    Gli amici si ha voglia di incontrarli quando si sta bene per potersela spassare...
    Un grazie e un caro saluto.

    A presto.

    RispondiElimina
  38. Premio ritirato.. Grazie un saluto

    RispondiElimina
  39. Ok.Io non sono d'accordo.Sei tu che con la tua dolcezza salvi la vita:)Stella
    Io non ritiro premi, ma lo faccio mio nel mio cuore.ciao

    RispondiElimina
  40. scusa se questo che ti lascio non è un kommento ma ci tengo ad avvisare tutti i miei blogger amici. Il mio blog ha raggiunto Pagerank 2 ripasserò domani se ce la faccio per lasciare un commento attinente a quello che hai scritto.
    distinti saluti

    Adriano Smaldone

    RispondiElimina
  41. Per l'anonimo...effettivamente sei stato un po scortese, vada per il tea e tutto il resto, ma anche un buon libro alle volte può aiutare una persona a tirarsi su..
    Ciao Stella

    RispondiElimina
  42. Salvo la vita con la mia dolcezza...

    Quale complimento migliore...!

    Grazie tante clochard.

    RispondiElimina
  43. per questo mi piace leggere spesso^^.... un bacino stellina.. e grazie per l'informazione :D...

    RispondiElimina
  44. Leggere non è il mio forte stella,fatta eccezione per gli spartiti musicali...però sono d'accordo che è sempre cultura,è apprendere; un libro obbliga a riflettere,quindi è terapia bella e buona,per non lasciare che il cervello si intorpidisca!

    Ciao.

    RispondiElimina
  45. Sirio conforti, più che me,gli studiosi e gli scienziati !

    Ti scrivo un commento che mi ha fatto piacere e mi induce a continuare in tal senso...

    RispondiElimina
  46. gentile Stella
    la ringraziamo per il bel commento sul libro "la terapia Multisitemica in acqua" l'obiettivo per cui è stato scritto è lo stesso che ha spinto lei a farlo conoscere ad altri. Grazie a questa nuova modalità di intervento molti bambini speciali hanno avuto la possibilità di frequentare piscine pubbliche ed allo stesso tempo giovare dei benefici della terapia.
    Come gruppo di lavoro abbiamo realizzato anche una Favola per migliorare l'integrazione scolastica dei bambini autistici che può trovare sul sito www.terapiamultisistemica.it

    gli autori

    RispondiElimina
  47. Sì, in effetti come diceva già Nietzsche "non scrivo libri per gli altri, ma prima di tutto per il lettore che sono io".
    Un libro - leggerlo o scriverlo - è l'apertura di senso, di un modo d'essere che è l'altro che ci abita, che ci sostiene ma che assurdamente si nasconde.

    Un saluto.

    RispondiElimina
  48. All'anonimo : tutti toppiamo in quanto esseri umani,ma ci potrebbe aiutare un buon libro per imparare l'italiano.

    THE oppure Tè chissà...

    Buon 2009.

    RispondiElimina
  49. Il viandante ci illumini,grazie mio lettore!

    RispondiElimina
  50. Purtroppo cara Stella io leggo pochissimo, condivido l'analisi della lettura come terapia infatti in estate, periodo in cui leggo, cerco libri consoni al mio stato d'animo.....
    Un saluto.

    RispondiElimina
  51. gturs si legge quando si può.

    Bacione.

    RispondiElimina
  52. I libri sono come i figli: pezzi di cuore!

    RispondiElimina
  53. Avevo avuto modo e il piacere di leggere il commento degli autori,e il loro ringraziamento per ciò che fai!

    Ciao,a presto.

    RispondiElimina
  54. è per questo che posseggo tanti libri ;-)

    da sempre leggo, si può dire che ho iniziato a leggere quando ho iniziato a leggere..... considerando che ho iniziato la prima a 5 anni fai te il conto

    RispondiElimina
  55. Zefirina e... come direbbe mio figlio: "sei una gran donna"!

    RispondiElimina
  56. Sono d'accordo in pieno Stella. Ho appena iniziato un classico senza tempo "Il Conte di Montecristo" ... certamente anche li ci sarà da far tesoro di qualcosa ...
    buona serata ^__^

    RispondiElimina
  57. Grazie XPX!

    Ho notato con piacere che quasi tutti i miei lettori amano leggere e se no ...che lettori sarebbero?

    Un bacione

    RispondiElimina
  58. un libro aiuta molto più della televisione...quest' ultima a volte ci rende solo più cretini!!

    RispondiElimina
  59. un libro aiuta molto più della televisione...quest' ultima a volte ci rende solo più cretini!!

    RispondiElimina
  60. Cara Stella...non cedere a provocazioni d'ignoranza pura...mi riferisco all'anonimo.Anche a me piace leggere molto libri di sagezza e altro...P.S SPERO CHE TU NON CI SIA RIMASTA MALE,SE IL TUO PREMIO L'HO CONDIVISO CON PIù PERSONE...sono fatta così...amo condividere le mie cose con chi voglio bene...e io vi voglio bene a tutti...bacioni grandi.

    RispondiElimina
  61. Mi sono rilassato e ti rivolgo un sorrisone e sai perchè? Io ho letto fino a 10 anni fa qualche buon libro molto sporadicamente,alcuni anche di un ottimo livello. Poi nel 1998, obbligato a stare in casa (motivo operazione per il cuore) ne avrò letto oltre 700 se non di più, romanzi lievi, duri o elevati. Sembra che la terapia del libro abbia funzionato perchè a 78 anni anora campo, malgrado tutto.

    RispondiElimina
  62. Leggere fa sempre bene...
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  63. Fruru quello che mi dà fastidio degli anonimi è che sparano a zero nascondendosi.Io che amo la trasparenza...

    Cmq non si può condividere tutto e in questo caso un autore,per carità va benissimo ma lo si può dire con garbo.

    Per me Coelho è sempre Coelho.

    Io cerco il confronto,non lo scontro!

    RispondiElimina
  64. Monticiano sto sorridendo anch'io, grazie!

    Complimenti per il tuo bagaglio culturale, dopo aver letto tanto...

    RispondiElimina
  65. Stella questo post è interessantissimo, penso che approfondirò l'argomento. ^_^

    Trovo che "Il guerriero della luce" sia un libro bellissimo, lo sto leggendo una pagina per volta, soffermandomi a pensare. Coelho è una persona di grande valore morale, che ha tanto da insegnare. Ne consiglio la lettura a tutti.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  66. Memole infatti ogni pagina bisogna "DIGERIRLA"...Occorre fermarsi e riflettere...

    Grazie per la partecipazione.

    Hai ritirato il premio di Capodanno?

    RispondiElimina
  67. Carissimi,
    se mi è concesso vorrei dare anche un’ulteriore senso al perché di quella benevola libroterapia che nasce e si produce spontaneamente attraverso la lettura che richiama alla memoria quelle sensazioni e contemplazioni che si riproducono nel proprio intimo cuore.

    Una spiegazione esiste, anche se è inaccettabile, impensabile, inconcepibile, non ordinaria, irreale, non capita, rifiutata. Si chiama MEMORIA. Semplice e pura Atavica Memoria Storica acquisita in tantissimi sentieri di vita in questo nostro universo, in questo nostro mondo ed in tanti infiniti mondi del creato.

    Perché non si vuole accettare e credere nell’idea di una Conoscenza Integrale già Preesistente, celata nell’intimo profondo del cuore quale fulcro dell’integrità spirituale d’ogni essere, sede di tutti gli atti conoscitivi dell’anima? Conoscenza che in certi particolare condizioni dell’essere riaffiora alla mente?

    Perché è possibile indagare sul proprio cammino di questa e di tantissime vite precedenti. Di sicuro è impensabile è inaccettabile sembra pazzia sembra impossibile nella realtà ordinaria, non è facile da capire ma, spesso quando qualcosa ci riporta le stesse emozioni, le stesse sensazioni che abbiamo provato nella nostra vita, nella nostra infanzia è come ascoltare una canzone che per un momento ci riporta indietro nel tempo e percepire quasi le stesse giovani emozioni. Allora pensi che lo stesso possa essere visitando un luogo, un posto nuovo e percepire “ci sono già stato” o incontrando una persona sconosciuta o leggendo un testo una poesia o vendendo un quadro un'opera antica. Certo non è quella sensazione normale dell'apprezzare qualcosa, ma quella strana sensazione diversa dall'ordinario che ci fa vibrare dentro, in modo diverso, come una gioia, un pianto senza motivo o un ricordo senza tempo. E’ quella impensata, non valutata, non capita trascurata sottile vibrazione che ci lega al nostro passato e a tante cose care in cui il nostro passato è legato ora.

    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  68. Raffaele,grazie del tuo commento.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...