08/12/08

47

L'AUTISMO

Questo libro ,che ho appena finito di leggere, mi ha entusiasmata e non poco, perchè parla di bambini speciali, bambini con disturbo autistico.

CHE COS'E' L'AUTISMO ?

L'autismo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i prini tre a nni di vita.
E' più frequente nei maschi e non conosce barriere razziali,etniche o sociali.
I bambini e gli adulti con tale disturbo, normalmente ,hanno difficoltà nella comunicazione verbale e non ,nelle interazioni sociali,nelle attività legate al tempo libero e al gioco.
La malattia rende difficile comunicare con gli altri e il relazionarsi con il mondo esterno.

Alcuni rumori possono suscitare nell'autistico,soprattutto nel bambino,reazioni di spavento,di terrore,di collera specialmente se giungono improvvisi.

Si riscontrano,inoltre,dei disturbi del comportamente alimentare che riguardano il gusto o l'aspetto dei cibi.

La motricità può essere limitata,senza iniziativa. All'opposto può esserci agitazione,irrequietezza e si possono osservare posture e andature insolite o bizzarre.

Il disturbo è stato identificato da oltre cinquant'anni e da allora numerose e fantasiose sono state le teorie sulle sue cause, ma a tutt'oggi l'origine del disturbo è sconosciuta.

Nel percorso terapeutico sono necessari interventi specifici che tengano conto dell'individualità del soggetto e del contesto in cui è inserito.

Attualmente ,molti degli inteventi utilizzati e reputati validi in passato sono stati superati.

Dal 1990 il dott.Ippolito cominciò a fare degli studi sulla Terapia Multisistemica in acqua (TMA), affiancato successivamente dai dott.Caputo e Maietta.

E' una terapia che usando l'acqua come attivatore emozionale,sensoriale,motorio,capace di spingere il soggetto con disturbi della comunicazione e autismo a una relazione significativa,permette di entrare in contatto con bambini che presentano difficoltà sociali e poca motivazione ad apprendere e modificare quindi i loro schemi comportamentali disfunzionali.

Il tutto in un ambiente ludico,quale è quello delle piscine pubbliche.

Per saperne di più potreste leggere il libro :

"LA TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA".

47 commenti:

  1. complimenti per questo importante post che tratta di un problema a molti sconosciuto..
    buona serata e a presto, ciao

    RispondiElimina
  2. brava Stellina... se lo trovo lo leggerò... loro sono in realtà dei bambini davvero speciali.. io ne conosco due e sono merabigliosi^^..

    bacioni e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  3. Anziché il militare ho fatto il servizio civile in un notissimo istituto per minorati psico-sensoriali. La cosa più bella che ho imparato è quella di guardarli come si guarda ognuno di noi: persone con gravi divetti, ma persone, come noi. Con sentimenti come i nostri, emozioni come le nostre e gli stessi nostri bisgoni.

    RispondiElimina
  4. ho vissuto attimi meravigliosi in acqua e con le persone speciali..persi in quell'incanto che li racchiude, in quella bolla che per un attimo ha accolto me

    RispondiElimina
  5. Non conosco a fondo questo problema, sicuramente positivo il divulgare questi libri, utili soprattutto per chi lavora in ambito educativo.
    Ciao stella.

    RispondiElimina
  6. Mia madre è stata insegnante e spesso si è trovata davanti bambini autistici, non è facile gestirli. Spero che questa nuova terapia sia effettivamente d'aiuto, anche perchè alla fin fine, le famiglie con bambini disagiati si trovano sempre sole.Un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Sono memorandum come questi che ridanno il sorriso e la gioia di vivere e il gusto di lottare...

    RispondiElimina
  8. Calogero,molti genitori sono all'oscuro dei reali problemi dei propri figli.

    RispondiElimina
  9. Grazie per queste informazioni... e grazie anche per il consiglio sul libro... Credo proprio che farò un salto in biblioteca per vedere se lo tengono...
    Trovo siamo molto importante parlare di queste cose e far passare questo genere d'informazioni che generalmente vengono tenute soto silenzio...
    E, personalmente, lo reputo pure doppiamente importante in virtù del lavoro che andrò a svolgere...
    Grazie...

    RispondiElimina
  10. Vane hai ragione: sono meravigliosi!

    RispondiElimina
  11. XPX proprio così e possono donare tanto ...

    RispondiElimina
  12. Lo ,sei straordinaria e non aggiungo altro!

    RispondiElimina
  13. Gturs è un problema serio e in parte risolvibile.

    RispondiElimina
  14. Cinzia capisco la tua mamma...

    Hai letto il mio post precedente?

    RispondiElimina
  15. Vagamundo sono proprio lieta di averti conosciuto.

    RispondiElimina
  16. Veggie grande!

    Certamente bisogna parlare dei problemi seri,per aiutarci...

    Abbraccio forte!

    RispondiElimina
  17. Molto interessante...grazie per la segnalazione del libro...

    RispondiElimina
  18. Si tratta di problemi che non affronti se non ... "ci sbatti il muso"! Quindi, non si conoscono.

    RispondiElimina
  19. Non conosco persone con queste problematiche...penso che abbiano bisogno di molto affetto,oltre che di essere curati.
    Dico questo perchè ho avuto modo di conoscere persone down...sono dolcissimi,non chiedono altro che amore!

    RispondiElimina
  20. Brava Stella come sempre sensibile e attenta alle problematiche che possono riguardare tutti, purtroppo.
    Io ho avuto a che fare due volte di sfuggitta con due bambine autustiche, una irrequieta l'altra calmissima...Ciao informare è fondamentale :)

    RispondiElimina
  21. Non ho mai incontrato bambini o persone affetti da questo problema.
    Interessante post e interessante sistema di terapia. Credo si tratti di far tornare l' autistico nel grembo materno, nel suo liquido amniotico, ristabilire cosi' un contatto di relazione con il mondo dal quale l' autistico e' separato.
    Buona giornata
    Vale

    RispondiElimina
  22. ciao credo che lo leggero' anzi lo leggero' di sicuro.bel post ,ciao

    RispondiElimina
  23. Pino,sergio e sirio : cerco di pubblicare informazioni che possano interessare,infatti...

    RispondiElimina
  24. IS la tua testimonianza è importante,confermi che il disagio è sia nei bambini irrequieti sia in quelli calmi.

    RispondiElimina
  25. Pierre, grazie per la spiegazione della terapia,potrebbe essere proprio così.

    RispondiElimina
  26. Asterix,vedi che non mi devi abbandonare..

    RispondiElimina
  27. Ringrazio e saluto Antonio e Francesca,miei lettori.

    RispondiElimina
  28. Cara stella, questo tuo post, l'ho letto ieri sera, non ho lasciato il commento, perchè purtroppo il figlio di una mia nipote...ieri pomeriggio sono stata con lui,e con il resto della famiglia Ieri per la prima volta sono riuscita a entrare nel suo mondo..è stata un'esperienza, bellissima... non so quante volte mi ha baciato e come rideva felice per i giochi che ci facevo fare e ancor più felici erano i suoi genitori che osservavano la scena di noi due che ci rotolavamo per terra ridendo come matti, ogni tanto il bambino prendeva tra le sue manine il mio volto lo bloccava e mi baciava, fissando i miei occhi. è in terapia, e qualche miglioramento si vede...ogni adulto,per entrare in questo loro speciale mondo, si deve spogliare di tutto e ridiventare bambino, senza forzarli, lasciarsi trascinare da loro...almeno le prime volte.

    Stamane con calma ho voluto lasciare la mia testimonianza a questo grande problema.

    RispondiElimina
  29. Ciao bellissima...buongiorno.Devo farti i miei più grandi complimenti...brava,questo post tratta un problema molto importante,che non sempre se ne parla...Ti ringrazio,di cuore di averci dato queste grandi informazioni.Serena giornata.Ti abbrccio forte.

    RispondiElimina
  30. Cara rosy, testimonianza preziosa la tua grazie!

    Tutti i bambini hanno bisogno di coccole e di affetto,quelli speciali ancora di più.

    E' da imitare ciò che tu hai fatto spontaneamente e lasciandoti andare col piccolo e il risultato è balzato agli occhi di tutti.

    Sei ammirevole!

    RispondiElimina
  31. So qualcosa dell'autismo per aver visto dei film o rifermenti a riguardo in tv ma certo che viverla è tutt'altra cosa.So per esempio che i bambini autistici eccellono in qualche cosa in maniera sorprendente, tipo memoria.
    Ma non vorrei dire cavolate.
    L'acqua credo pure io sia una forma di aiuto valida..perchè in effetti..siam nati nell'acqua, prima di venire al mondo.
    Ciao Stellì un bacio.

    Ps sai che ci avevi ragione riguardo ai "cambiamenti" ? Mi hai illuminata...e ti ho ulteriormente risposto ^_^ Grazie Stellì.

    RispondiElimina
  32. Ciao fru,pure qui ti dico che ho pubblicato tanto sui bambini,perchè li amo,sono stata con loro per una vita...

    Puoi andare a cercare tra le mie etichette per vedere ciò che potrebbe interessarti.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  33. Interessante. Una terapia che non è conosciuta ai più credo e che hai fatto bene a riportare.

    RispondiElimina
  34. Che bel confronto.

    Grazie calliope!

    RispondiElimina
  35. Ciao Stella, argomento toccante..brava...
    correggimi se sbaglio, mi pare di aver letto che questi bambini trovano giovamento nelle piscine con i delfini..ma forse sbaglio...
    Un bacione

    RispondiElimina
  36. Daniele,i temi sociali mi acchiappano sempre.

    RispondiElimina
  37. Davide,avevo letto qualcosa di simile ma non ne ho la certezza.

    Bacione.

    RispondiElimina
  38. Anch'io se lo trovo lo leggerò. Una lettura sicuramente importante.

    Un saluto!

    PS: oggi sto un pochino meglio! Mi fa male ancora il fianco destro causa sforzo del continuo tossire... ma sto un pochino meglio!

    ;-)

    RispondiElimina
  39. Ciao silvia.

    E' interessante sicuramente.

    RispondiElimina
  40. Malattia terribile, ma gli autistici non sono 'figli di un dio minore' sono nostri fratelli e sorelle.

    Ciao

    RispondiElimina
  41. Mio nipote è, purtroppo, autistico. Ho fatto una piccola ricerca, perchè non sapevo bene cosa fosse, ed ho trovato molto impressionante come molti comportamenti siano comuni a tutti quelli che soffrono di questa terribile malattia. Questa della terapia sull'acqua non la conoscevo, proverò a a consultare il medico che lo segue in merito.

    RispondiElimina
  42. ciao stella
    sono proprio contenta che tu abbia segnalato questo bel libro. ti dico questo perchè sono la mamma di un bambino autistico che fa la terapia multisistemica in acqua da due anni seguito dagli stessi autori del libro. sono molta contenta dei progresi che sta facendo grazie a questa terapia sia rispetto alla relazione con me e mio marito che con i suoi compagni di classe. gli autori sono persone molto speciali che hanno gia realizzato anche la favola di Calimero e l'amico speciale per migliorare l'integrazione dei bambini autistici nelle scuole. inoltre realizzano anche gite e vacanze con operatori specializzati. sono un bel gruppo di giovani che offrono un vero sostegno alle famiglie come la nostra. non potete immaginare quante difficoltà vive una famiglia con un bambino autistico. a volte ci è impossibile anche andare a mangiare una pizza con gli amici, non parliamo delle difficoltà a scuola e a dire il vero la favola ci ha aiutato a spiegare ai compagni di classe di mio figli come interagire con lui. se volete visitate il sito www.terapiamultisistemica.it potete trovare la favola e ascoltarla gratuitamente.
    un abbraccio forte e grazie per la tua sensibilità e scusa dello sfogo

    RispondiElimina
  43. Anonimo,mi fa molto piacere di averti suggerito questa terapia,perchè nuova e molto efficace.
    Vedrai che con il tuo nipotino andrà meglio,è il mio augurio di Natale per te!

    Un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  44. Sara benvenuta! Sei una mamma attenta,hai avuto la fortuna di incontrare persone specializzate che io ho conosciuto leggendo il libro.
    Volevo segnalarvi anch'io la favola di Calimero,proprio perchè il linguaggio infantile è più chiaro ed accessibile.
    Vieni a sfogarti quando vuoi,mi fa solo piacere,mi raccomando.

    Tienimi aggiornata e per il tuo piccolo vieni a ritirare il premio da me.

    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  45. gentile Stella
    la ringraziamo per il bel commento sul libro "la terapia Multisitemica in acqua" l'obiettivo per cui è stato scritto è lo stesso che ha spint lei a farlo conoscere ad altri. Gazie a questa nuova modalità di intervento molti bambini speciali hanno avuto la possibilità di frequentare piscine pubbliche ed allo stesso tempo giovare dei benefici della terapia.
    come gruppo di lavoro abbiamo realizzato anche una Favola per migliorare l'integrazione scolastica dei bambini autistici che può trovare sul sito www.terapiamultisistemica.it

    gli autori

    RispondiElimina
  46. molto interessante il tuo post, l'argomento mi interessa molto perchè conosco un ragazzo autistico di 40 anni e mi piacerebbe entrare in comunicazione con il suo mondo...ho scritto anche alcuni post su di lui:)
    a presto da Emi

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...