20/12/08

56

AUGURI INDESIDERATI


Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo se vi dicessi "Buon Natale" senza darvi disturbo.
Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti l'idea di dover rivolgere auguri innocui, formali, imposti dalla routine di calendario.

Mi lusinga addirittura l'ipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati.
Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!

Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio.

Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale del vostro letto duro come un macigno, finché non avrete dato ospitalità a uno sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra carriera diventa idolo della vostra vita, il sorpasso, il progetto dei vostri giorni, la schiena del prossimo, strumento delle vostre scalate.

Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla dove deporre con tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo struggimento di tutte le nenie natalizie, finché la vostra coscienza ipocrita accetterà che il bidone della spazzatura, l'inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa.

Giuseppe, che nell'affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate, provochi corti circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.

Gli angeli che annunciano la pace portino ancora guerra alla vostra sonnolenta tranquillità incapace di vedere che poco più lontano di una spanna, con l'aggravante del vostro complice silenzio, si consumano ingiustizie, si sfratta la gente, si fabbricano armi, si militarizza la terra degli umili, si condannano popoli allo sterminio della fame.

I Poveri che accorrono alla grotta, mentre i potenti tramano nell'oscurità e la città dorme nell'indifferenza, vi facciano capire che, se anche voi volete vedere "una gran luce" dovete partire dagli ultimi.

Che le elemosine di chi gioca sulla pelle della gente sono tranquillanti inutili.
Che le pellicce comprate con le tredicesime di stipendi multipli fanno bella figura, ma non scaldano.
Che i ritardi dell'edilizia popolare sono atti di sacrilegio, se provocati da speculazioni corporative.

I pastori che vegliano nella notte, "facendo la guardia al gregge", e scrutano l'aurora, vi diano il senso della storia, l'ebbrezza delle attese, il gaudio dell'abbandono in Dio.
E vi ispirino il desiderio profondo di vivere poveri che è poi l'unico modo per morire ricchi.

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza.

Tonino Bello

56 commenti:

  1. Auguri.
    Un Vescovo che ancora sa fare il Vescovo.
    Auguri.
    ciao, silvano.

    RispondiElimina
  2. Desideratissimi questi auguri indesiderati. E' bene che qualcuno dica con forza quali sono i valori che contano.

    Ti auguro un felice Natale e uno splendido 2009, con le parole della "Preghiera della serenitá".

    O Dio,
    dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare;
    il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare;
    la saggezza per distinguer le une dalle altre.


    Reinhold Niebuhr

    Baciotti
    annarita

    RispondiElimina
  3. ammirevole, questo è parlare chiaro,
    abbiamo bisogno di verità perchè la verità ci farà liberi.
    Baci A

    RispondiElimina
  4. Silvano record assoluto : primo a commentarmi!

    Vedi che non siamo tutti "uguali" nel pensiero?

    Auguri amico mio!

    RispondiElimina
  5. Annarita grazie,grazie di tutto!

    Auguroni!

    RispondiElimina
  6. Aliza sono lieta del tuo commento!

    Dobbiamo essere obiettivi...

    RispondiElimina
  7. Sembra banale ma quanto è scritto e la pura verità, ben vengano questi auguri e che tutti noi dobbiamo riflettere...
    Un abbraccio Tomaso

    RispondiElimina
  8. CIAO STELLA, SCUSAMI SE NON SONO PASSATA PRIMA MA IN QUESTI GIORNI SONO TREMENDAMENTE OCCUPATA!
    BUONA SERATA

    RispondiElimina
  9. Tomaso un abbraccio forte e pure un bacio!

    RispondiElimina
  10. Aria non preoccuparti,comprendo!

    RispondiElimina
  11. Sono atea, lo sai.Nelle parole del Vescovo mi ritrovo,ma quanti sensi di colpa ancora, su quelli che già ho, inculcatimi da un'educazione di stampo cattolico.Sono con gli ultimi, da sempre e il mio natale sarà austero. Per mia volontà. Credo che queste parole non siano per persone come noi, ma per altro genere di persone che , se le leggeranno, passeranno oltre, ignorandole. Purtroppo.
    Un abbraccio Stella e tanti auguri di ogni bene.
    A.

    RispondiElimina
  12. Anna,cattolica io, mi ritrovo in te!

    Che si avveri tutto ciò che desideri nel tuo intimo!

    RispondiElimina
  13. Indubbiamente una persona molto intelligente...
    Anche se sono atea, fa sempre piacere leggere parole così...

    RispondiElimina
  14. Sono atea, no credo nella Chiesa e in chi ci "lavora".
    Però posso dirti che questo, finalmente, è un Vescovo che si fa SENTIRE!

    RispondiElimina
  15. Che questi auguri possiamo sentirli per tutto l'anno.
    ciao Stella, un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Buone feste Stella!
    Ci sentimao il prossimo anno!
    un abbraccio virtuale a tutti!

    RispondiElimina
  17. Cara amica mia, ti auguro buon Natale e felice anno nuovo!!!

    RispondiElimina
  18. rispetto per i vescovo...mi sembra in gamba.
    Stella da me troverai argomenti inerenti...forse un pò più tristi.
    a presto.
    ciao dolce
    Elsa

    RispondiElimina
  19. Katiu penso che se i sacerdoti si comportassero come questo vescovo,ci sarebbero meno atei.

    Benvenuta da me!

    RispondiElimina
  20. Calliope dovrebbe essere così!

    RispondiElimina
  21. Ciao cara Lliri,serene feste pure a te.

    Ci ritroveremo con un anno in più...

    Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  22. Mio caro blessi,ricambio di cuore.

    Grazie.

    RispondiElimina
  23. Cara elsa,se leggi qualche mio post precedente, vedrai quanta tristezza...

    RispondiElimina
  24. Il Vescovo di Molfetta (BA), don Tonino Bello sono sicuro che sarà un giorno santo. Io l'ho conosciuto, sai andava in giro con una fiat 500 scassata ed accoglieva i poveri dentro l'arcivescovado e non abbandonava nessuno! Qui in terra di Puglia lo rimpiangono ancora, tanto che a nominarlo escono fuori le lacrime.

    RispondiElimina
  25. Su questo testo c'è di che meditare ogni giorno della nostra vita e cercare di metterlo in pratica,e non solo a Natale!!

    Buona domenica,cara stella.

    RispondiElimina
  26. Peppe ero convinta che tu lo conoscessi...

    Grazie della tua testimonianza preziosa.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  27. Finalmente un uomo di chiesa che ricorda il vero senso del Natale, anzi il vero senso della vita del cristianesimo.

    RispondiElimina
  28. Stella, la penso esattamente come te!
    Se tutti i sacerdoti e gli uomini di chiesa prendessero esempio da questo Vescovo .. bè, forse ci sarebbero meno atei e più persone disposte a credere in qualcuno!

    Buone feste!

    RispondiElimina
  29. un augurio perché questi auguri possano coniugare la forza che vi si ravvisa ed uno spirito immune da indifferenza.

    RispondiElimina
  30. Veneris me l'auspico pure io !

    RispondiElimina
  31. Maria Rosaria, benvenuta da me!

    E' giusto ciò che affermi.

    A presto

    RispondiElimina
  32. belle parole, speriamo spronino bei fatti :)

    RispondiElimina
  33. AUGURIIIIIIIIIIIIIIII in ritardo.. ma meglio tardi che mai no?.. buona e felice doenica cara stelina..

    un bacioneeee

    RispondiElimina
  34. Stella,
    Auguri, un Sereno Natale e Buone Feste.
    giovanna

    RispondiElimina
  35. Ciao Stella e un saluto anche al vescovo...
    Bacioni

    RispondiElimina
  36. Vane non sei assolutamente in ritardo,tranquilla.

    Auguro a te un mondo di bene!

    RispondiElimina
  37. Giovanna ,
    mi fanno molto piacere i tuoi auguri e li ricambio con affetto.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  38. Buona domenica pierre.

    Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  39. Speriamo che le sue parole possano avere un seguito.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  40. Parole inattuali per chi - come il resto del mondo e di chi commenta - è sempre prono sull'attualità più vacua.
    La volontà di potenza di essere ciò che diventiamo. Solo da qui, da quest'inesorabile e imperituro accadere, sorge il segno del nostro cammino nelle profondità della superficie.

    RispondiElimina
  41. Marco,dobbiamo sperare!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  42. Il viandante : prendo atto del tuo commento filosofico.

    RispondiElimina
  43. Le parole di questo vescovo mi fanno ricordare il mio caro Don Leonardo ... anche lui + unico che raro.

    Auguri

    RispondiElimina
  44. Nella ricordo Leonardo,ma perchè tanti sacerdoti pregano bene e razzolano male ?

    Auguri

    RispondiElimina
  45. Un doveroso 'cazziatone'!!!!!

    Ciao

    RispondiElimina
  46. Romano mio, ci voleva proprio!

    RispondiElimina
  47. Che la felicità sia con te Auguri Maurizio

    RispondiElimina
  48. Molto duro come post ma forse abbiamo bisogno di una strigliata ogni tanto per non pensare solo a noi stessi.

    Auguri sinceri a don Tonino e Stella per questo messaggio, che la nascita di Gesù porti pace e bene nelle vostre case.

    A presto.

    RispondiElimina
  49. Pace e bene a te, cara nadia.

    RispondiElimina
  50. questo brano lo abbiamo letto in chiesa durante l'avvento... davvero pagine che fanno riflettere, tutti...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...