25/11/08

68

IL SOGNO DELLA LAVAGNA


La lavagna era triste triste.
"Non ce la faccio più" pensava.
"Sono stanca di vedere bambini spaventati,bambini che piangono,che mi guardano come se fossi una strega portasfortuna. Un giorno o l'altro me ne vado".

E un bel giorno,anzi una bella notte se ne andò : uscì dalla scuola e,toc toc,se ne andò per il mondo.Il concellino le rotolò dietro piagnucolando: "Signora lavagna,vengo con te".

Andarono insieme.Il cancellino cancellava le nuvole del cielo perchè la notte fosse più chiara;cancellava i semafori rossi perchè la lavagna potesse passare;cancellava i ciottoli sulle stradine di campagna,cancellava le montagne troppo alte.

Una notte cancellò perfino tre banditi che volevano rapire la povera lavagna per scriverci il conto delle rapine che avevano fatto.

Cammina e cammina,una bella notte la lavagna si fermò.Disse:"Cancellino,sono molto stanca,ho bisogno di dormire".

Il cancellino cancellò sterpi,rovi,pietre che si trovavano intorno e così la lavagna potè sdraiarsi sull'erba pulita,sotto la chioma di un grosso albero.

"Signora lavagna"disse il cancellino."Ti sei stesa sotto un castagno,è pericoloso.Se ti cade un riccio sulla faccia ti punge,ti fa male.Io lo cancello quest'albero".

Ma la lavagna si era già addormentata e stava facendo un sogno.

Sognava di essere in piedi in mezzo a un prato,con tanti bambini intorno.E i bambini erano i bambini della sua scuola,però erano allegri,scrivevano con gessi colorati,inventavano poesie,inventavano parole,inventavano numeri,inventavano disegni. Lei era felice.

Da lontano sentiva la voce del cancellino:"Signora lavagna,svegliati,è giorno."No" rispondeva lei"Non voglio svegliarmi,non mi sveglierò finchè il sogno che sto facendo non sarà diventato realtà".

I.BORSETTO

68 commenti:

  1. Bella si. Ma anch'io da studente ho avuto un cattivo rapporto con la lavagna, e non solo per il terribile stridio dei gessetti ...

    RispondiElimina
  2. Che carino questo racconto. Mi ricorda i tempi della scuola quando mi chiamavano per le interrogazioni. Quelli si che erano incubi...ma da sveglia^____^! Baci! Anto

    RispondiElimina
  3. Ciao, bellissima fiaba, mi hai fatto venire voglia di ritornare Bambino, a scuola, con una bella lavagna nera a fare disegni.
    buona serata

    RispondiElimina
  4. XPX, con la lavagna o con l'insegnante?

    RispondiElimina
  5. Bel racconto. L'unico momento bello vissuto con la lavagna era per fare gli esercizi di matematica. Lì eravamo un tutt'uno, ma poi... per il resto...

    Sai una cosa? Questo racconto mi ha fatto immaginare Stella maestra cn i suoi alunni e mi è sembrata un'immagine tenerissima

    RispondiElimina
  6. Annagi tenerissima,come stella...!

    RispondiElimina
  7. Anto lieta di aver risvegliato ricordi...

    RispondiElimina
  8. Che bella favoletta!
    ma non sarebbe stato meglio per la lavagna svegliarsi e cercare di realizzare il suo bellissimo sogno con le proprie forze, anziché stare lì ad aspettare che il sogno si avverasse???

    P.S.Non mi hai più detto cosa ti ricorda il quaderno ad anelli del mio blog... sono curioso!

    RispondiElimina
  9. La lavagna non ne poteva niente,non dipendevano da lei i bimbi tristi...

    Quanti quaderni ad anelli ho corretto...ed erano scomodi...!

    Nostalgia...canaglia...tarkan.

    RispondiElimina
  10. Bella fiaba...che incubo la lavagna alle interrogazioni di matematica e fisica al Liceo...

    RispondiElimina
  11. Una volta la lavagna serviva anche per andarci dietro, ma solo se eri ... cattivo!

    RispondiElimina
  12. ... oppure veniva divisa in due e, da una parte, i "buoni" e dall'altra i "cattivi"!!!!

    RispondiElimina
  13. Pino, meglio ora ? ...O torneresti indietro?

    RispondiElimina
  14. Sergio solo ricordi negativi?

    Eri tra i buoni o i cattivi?

    RispondiElimina
  15. Vedo nella "lavagna" ciò che vorrei sempre per la mia vita interiore, ciò che spero, niente brutture o spaventi ma solo colori e cose belle.
    Buona giornata Stella

    RispondiElimina
  16. Ciao Calliope,durante l'intervallo la mi lavagna era sempre coloratissima così!

    RispondiElimina
  17. che bello ricordare le lavagne!

    io che potendo, più che volendo, dovrei essere un'insegnante... considerati i problemi della scuola... credo che rimarrò sempre una segretaria... insomma per me la lavagna rimarrà sempre un ricordo ed un sogno.... irrealizzabile ...
    buon mercoledì

    RispondiElimina
  18. a me le lavagne piacciono, ne ho una in cucina dove ci scriviamo tuto eccetto che le cose da ricordare....
    e anche andrea ne aveva una in camera (benedetta ikea) dove scarabocchiava di tutto con i gessetti colorati, peraltro dietro la lavagna non mi ci hanno mai mandato!!!!

    povera lavagna mica solo lei vede tutti questi bambini tristi

    RispondiElimina
  19. Quando frequentavo la scuola i gessetti colorati non li ricordo...ma ricordo molto bene alle superiori una lavagna con il pentagramma,naturalmente la lezione di musica era la mia preferita!

    Per le altre materie,voglia di studiare saltami addosso,io cerco di spostarmi...!!

    RispondiElimina
  20. Quella bellissima lavagna era scappata da scuola sapendo che arrivava la Gelmini.

    RispondiElimina
  21. Tutti si sono soffermati sulla lavagna, ma questo cancellino che cancella le cose più belle non mi piace, e come se sul nostro cammino per farci sentire a nostra agio ci fosse qualcuno che cancella le bellezze della natura, e no non mi piace. Purtroppo nella nostra realtà c'è sempre qualcuno che cancella i nostri sogni.
    Ciao Stella
    Salvo

    RispondiElimina
  22. Bellissima questa storia...

    PS: Bruno il tuo commento sulla gelmini mi ha fatta morire dal ridere ^^

    RispondiElimina
  23. Io odiavo la lavagna! Ora però le chiedo scusa ho capito che non era colpa sua..

    RispondiElimina
  24. Pupottina, mai dire mai...nella vita.

    E' bello insegnare,ma quante responsabilità...!

    RispondiElimina
  25. Zefirina ottima idea aver regalato una lavagna al tuo piccolo.

    Dovevi essere una scolara modello e ti sono rimasti i buoni sentimenti...

    RispondiElimina
  26. Caro sirio,il bel tempo si vede dal mattino...musica da piccolo e musica da adulto!

    RispondiElimina
  27. BC sei fortissimo e non solo come vignettista!

    RispondiElimina
  28. shaina grazie della visita.

    Torna ancora!

    RispondiElimina
  29. Salvo,interessante! Sei stato colpito più dal cancellino che rendeva agevole il percorso della lavagna...

    Ma la lavagna pensava ai suoi bimbi tristi...

    RispondiElimina
  30. Che bel racconto!!!
    Quando andavo a scuola avevo proprio paura di stare accanto alla lavagna, era il segnale che mi dovevan interrogare!!! ahahahahhah

    Ciao e Buona Giornata

    RispondiElimina
  31. La leggerò ai miei fanciulli. Mi ricorda tanto lo stile di Rodari. Complimenti
    Ciao

    RispondiElimina
  32. Il cancellino spesso è volentieri lo usavamo come una palla o per fare dei piccoli dispetti... :P :DDDDD che bei ricordi.. Grazie! :)

    RispondiElimina
  33. e il gioco del silenzio ve lo ricordate? uno era designato a scrivere sulla lavagna i nomi di chi parlava mentre la maestra era via... che ricordi!

    RispondiElimina
  34. Lucien benvenuta!

    E' una storia da raccontare ai bambini e poi ascoltare le loro osservazioni e riflessioni...

    Interessante davvero.

    RispondiElimina
  35. Laumig, io dicevo di scrivere i buoni,era più efficace!

    RispondiElimina
  36. E' bella questa favola: ricordo come mi piaceva disegnare sulla lavagna,usando i gessetti colorati che la mia maestra ci dava...era fantastico! come al solito ci inviti alla riflessione.
    Ciao cara Stella...sto pensando alla poesia per te...un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Cara Paola,sei di una squisitezza unica, sotto tutti gli aspetti.

    Felicissima di averti conosciuta!

    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  38. ho scritto un intervento che secondo me ti può interessare non ti svelo di cosa parla perchè se non non ci sarebbe gusto . Se vuoi passa da me per lasciare un commento ok?? Salute e buona gestione del blog

    RispondiElimina
  39. Adriano,considerato i contenuti di alcuni tuoi post e che hai troppi link,cancellami pure.

    Grazie.

    RispondiElimina
  40. Anch'io non voglio svegliarmi fino a quando il mio sogno non diventerà realta.
    Bellissimo post.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  41. Belli i sogni. Belli quando sono belli.

    RispondiElimina
  42. Complimenti Stella..bella bella bella..
    Un bacione

    RispondiElimina
  43. Mi piacciono le storie e oggi che ho un pochetto di tempo sono passata anche di qua, ciao :)

    RispondiElimina
  44. Cioè mai.... Sempre che con la nuova riforma della Scuola ci sia ancora spazio in aula per le lavagne...

    Bella fiaba.

    RispondiElimina
  45. Caro Alberto,almeno sognare,nessuno può impedircelo.

    RispondiElimina
  46. Davide, sai apprezzare.

    Bacione.

    RispondiElimina
  47. Cara IS ricordo bene che ti piacciono le storie...

    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  48. Dani, se mancano pure le lavagne...addio ...insegnamento!

    RispondiElimina
  49. Ornella tesoro,tanti baci e un abbraccio forte.

    Sei sempre la benvenuta!!

    RispondiElimina
  50. La lavagna era il mio terrore, ora la rimpiango.

    RispondiElimina
  51. Peppe non sempre sappiamo apprezzare le cose al momento giusto...col senno di poi invece...

    RispondiElimina
  52. Che bei ricordi....legati alla lavagna....i buoni e i cattivi, chi ha parlato.....le interrogazioni,quanti anni sono passati!!!
    Ciao stella e grazie per i due premi, un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  53. passo veloce veloce..per un saluto e un abbraccio...a presto

    RispondiElimina
  54. gturs non c'è di che !

    Bacioni

    RispondiElimina
  55. Lo,ricambio.

    Racconta la storia alla gnoma,poi fammi sapere!

    RispondiElimina
  56. Andare alla lavagna è sempre stato un trauma ...anche se ero preparata, però la tua storia fa diventare la lavagna un oggetto meno temibile!!!

    RispondiElimina
  57. Suysan per me, infatti, la lavagna non era temibile neanche da scolara.

    RispondiElimina
  58. Odio la scuola!!!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...