12/10/08

47

ZIO PAPERONE


Non ditelo a zio Paperone,lui ci piace così.
Ma l'avarizia non è solo uno dei sette vizi capitali,come ci hanno insegnato le Sacre Scritture.
E nemmeno il difetto divertente grazie al quale prendere in giro l'amico o lo zio.

In certi casi può essere una malattia.
Ma attenzione anche all'eccessiva prodigalità : secondo una ricerca,spendere troppo potrebbe essere sintomo di uno stato depressivo.

Ma mettiamoci l'animo in pace : taccagni o scialacquatori si nasce.
E spesso lo sono anche i vip più insospettabili.

Tirchi o generosi ? Dipende dai geni. Una ricerca del dipartimento di psicologia dell'Università ebraica di Gerusalemme avrebbe isolato il gene dell'avarizia.

L'avarizia o la prodigalità hanno radici culturali e sociali antiche. Ne parla la Bibbia ("l'avidità del denaro è la radice di tutti i mali"),ne parlano i Vangeli (l'ammonimento :"Non potete servire Dio e Mammona",ma anche la parabola del figliol prodigo,che torna a casa dopo aver speso tutto).

Tanto nell'Inferno quanto nel Purgatorio danteschi,gli avari e i prodighi sono insieme sottoposti alla medesima pena,poichè il loro vizio ha lo stesso movente : il desiderio inestinguibile di ricchezza.

Sarà poi il celebre Arpagone,della commedia L'Avaro di Molierè,a inculcarci definitivamente la caricatura del "riccastro" che si culla amorevolmente lo scrigno dei denari.

Lo psichiatra Giacomo Dacquino dice :"Se nella vita siamo avari o prodighi,strozzini o scialacquatori,queste caratteristiche si manifesteranno anche nelle relazioni affettive con gli altri".

L'essere scialacquatori rischia di minare la vita sentimentale : potremmo essere indotti a dare troppo,aspettandoci quindi una risposta adeguata.
Fonte : Airone

47 commenti:

  1. Post molto attuale cara stella!
    Accumulare beni materiali sembra essere diventata l'occupazione principale di molti.Per come la penso io a discapito di altri valori ben più importanti,come puntualizza appunto Giacomo Dacquino.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Io ho il mio zio paperone, il quale dice sempre che le penne alla gallina le si tolgono quando è morta!

    RispondiElimina
  3. Post illuminante.
    Ho le mani praticamente bucate, Stella. Devo esercitare un forte controllo su me stessa per non spendere più di quanto dovrei. Una volta spendevo moltissimo per gli altri.
    A partire da una psicoterapia breve a cui mi sottoposi anni fa, ho imparato a spendicchiare anche per me stessa. Doppio guaio.
    per fortuna non faccio mai il passo molto più lungo della gamba, ma di certo butto via più di quanto dovrei.
    Tendenza alla depressione?
    Caspiterina, se è vero. :|
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  4. I veri valori non si comprano e sono quelli che ci arricchiscono dentro.
    Il vile denaro vedi quanti danni fa?
    D'accordo,sirio.

    RispondiElimina
  5. Peppe tanti parenti la pensano come tuo zio.
    Io parto invece dal presupposto che bisogna donare da vivi,per essere anche ringraziati,perchè no ?
    E poi si eviterebbero liti tra gli eredi,brutta cosa...
    Buona domenica,peppe.

    RispondiElimina
  6. VORREISCRIVERE SOLO QUESTA MASSIMA:Sono avaro di quella libertà che sparisce non appena comincia l'eccesso dei beni.
    Albert Camus

    RispondiElimina
  7. Asterix serio e con una massima significativa ?

    Mai perdere la speranza,amici miei.

    Grazie a te e buona domenica a tutto lo staff!

    RispondiElimina
  8. Cara disambigue,anch'io ho trascorso un periodo in cui facevo shopping continuo,mi permetteva di distrarmi,passare il tempo e mi sentivo gratificata.
    Poi ho cominciato a capire che c'era qualcosa che non funzionava...
    Infatti stavo per cadere in depressione,appena pensionata; e mi sono data una dritta con altri interessi.
    Ora acquisto quando ho veramente bisogno di un capo di abbigliamento nuovo.
    A presto!

    RispondiElimina
  9. è vero che il danaro non fa la felicità, non compri i sentimenti, che spesso uno shopping irrefrenabili nasconde un bisogno di affetto e di attenzione, ma a dire il vero ogni tanto il bisogno di gratificarmi con un oggetto, una piccola cosa per me,sebbene acquisto solo per necessità, mi piace ogni tanto pensare a me e premiarmi senza complessi di colpa

    RispondiElimina
  10. Bisogno di affetto e di attenzioni,dici bene Carmine.
    Coccolarsi OGNI TANTO è più che giustificabile,oso dire quasi un dovere,per evitare di essere zio Paperone...
    Tiriamolo in ballo,va.
    Grazie della visita e buona domenica.

    RispondiElimina
  11. Molto bene è stato sottolineato, nel testo, che avarizia e prodigalità non sono nelle “COSE”, nell'acquisirle o nel dilapidarle, ma nell'eccessivo "VALORE" che viene loro dato.

    Così l'avaro presume di diventare "PIU'" conquistando ancora un bene materiale, ed il prodigo si sente "MIGLIORE" facendo un altro dono.

    Ma noi che non ci sentiamo né avari né prodighi, ci sforzeremo semplicemente di essere più buoni, cercando di usare delle cose del mondo in modo ragionevole, tenendo come obiettivo il benessere di tutti, perché tutti sono un poco affidati anche a noi... compresi noi stessi!

    Non dimentichiamo infatti che certi masochismi esasperati ed eroici, sono anche peggiori dell'avarizia, e della prodigalità... vero mammine?... cerchiamo di non esagerare, in dedizione!

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  12. Ste' una volta ho chiesto alla mia psicanalista
    ''Dottoressa che cosa pensa, l' avaro vive dall' interno versol' esterno o dall' esterno verso l' interno?''.
    Dopo averci pensato un po' mi ha risposto:
    ''Se pone la domanda in questi termini posso solo rispondere: sì''.
    Buona domenica da uno spendaccione che ha insegnato ai figli ad essere parsimoniosi, diventato asa volta parsimonosio per poter pagare lauti alimenti alle ex mogli, diventate invece shopping compulsive ...
    Vale

    RispondiElimina
  13. io sono al contempo taccagno e generoso / come dici? sarebbe inconciliabile ? invece no : sono taccagno (da tuffo di 10mt per raccattare un cent) coi più forti
    e generosissimo coi più deboli (al punto da togliermi il pane di bocca se necessario)

    :) dawoR***

    RispondiElimina
  14. Ciao stella^^
    passo di qua dal blog di Vane...ho letto Zio Paperone e mi sono incuriosita^^

    Sono una sua piccola fan fin da bambina...il nonno che dipinge mi ha regalato un suo quadro con dedica:
    "come Paperone dentro e fuori"...

    l'avarizia è un gran brutto difetto...ma bisogna ammettere che Paperone non ne è l'esempio più calzente perchè un piccolo cuoricino ce l'ha anche lui...anzi un cuore d'oro^^, anche se nascosto dalla facciata di ziastro avaro!!!

    i veri avari sono quelli che hanno perso valori come la compassione e il buon cuore...
    quelli che mettono davanti se stessi agli altri e che si sono scordati cosa vuol dire fare un piacere.

    Ormai non si è più avari solo nelle questioni materiali...
    mi accorgo che ormai i veri avari sono avari di sentimenti...

    Perdona il lungo commento^^
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. come sono d'accordo...mamma mia perchè la maggior parte delelpersone proclama io ci sono attraverso l'accumolo delle cose??? fossi liberi di farne a meno!

    RispondiElimina
  16. Stella, ah ah ah...di questi tempi parlare di soldi..sei grande..
    Bacio

    RispondiElimina
  17. Caro lucio,per me essere più buona non significa nè essere masochista nè assumere atteggiamenti eroici.
    Uso i beni materiali per vivere e non vivo per essi di sicuro.

    RispondiElimina
  18. Peccato che io non sia una delle tue ex mogli.
    Buona domenica,pierluì!

    RispondiElimina
  19. io ho capito una cosa...che chi più ha soldi è avaro. a volte al punto da arrivare a sembrare un pezzente per come si veste pur di non spendere..
    mah!
    che mondo strano!
    buona domenica stella, sirio :)

    RispondiElimina
  20. Dawor,sei saggio e hai dei valori forti.
    Condivido il tuo pensiero.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  21. Cara nana benvenuta nel mio blog e ritorna.

    Non preoccuparti del lungo commento,perchè hai scritto concetti sensati.

    Zio Paperone è simpatico per le sue trovate,pur di raggranellare dollari.

    Ci sono persone che come dici tu pensano solo a se stessi e in questo caso parlerei di egoismo.

    Le persone avare di sentimenti sono le peggiori,forse avrebbero bisogno di aiuto.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Lo,ultimamente condividiamo tutto,bene!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  23. Lo,ultimamente condividiamo tutto,bene!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  24. Davide mi aspettavo che qualcuno facesse la tua battuta,ma non sapevo chi.

    Mi hai risolto l'enigma!

    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  25. brava Stella!...
    se tutti (O anche non proprio tutti, ma solo la maggioranza di noi) sapessimo fare come te, e lo facessimo sempre, il mondo non ne avrebbe nemmeno uno, di problemi

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  26. Caro mat,non posso darti torto.
    Sono stati scoperti dei falsi poveri (che chiedevano l'elemosina) possidenti di ricchezze.

    A presto!

    RispondiElimina
  27. Caro lucio,sono lusingata dalle tue parole.

    RispondiElimina
  28. Io credo che ci sono casi in cui bisogna essere avari e altri in cui si può anche scialacquare, ogni comportamento deve essere dettato dal buon senso!
    So comunque quanto sia difficile stabilire dove sono i limiti.

    RispondiElimina
  29. gturs penso che tu abbia ragione,né avara, né prodiga.
    La virtù è sempre nel mezzo.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  30. ....non sarà anche questa una questione di ormoni,geni,che dir si voglia?avari ovvero avidi si nasce....
    mentre i tirchi sono un'altra cosa,sono quelli che non escono un soldo,di solito sono tirchi anche con i sentimenti, nei rapporti con gli altri,non riescono a donarsi!
    ma questo è un altro discorso!
    ciao Stella
    angela

    RispondiElimina
  31. Penso, sorridendo, a chi, avaro, ha risparmiato molto ed ha investito in borsa!

    RispondiElimina
  32. Ciao Stella... 250mila firme in un solo giorno!!!

    Buon inizio settimana ;)

    RispondiElimina
  33. Concordo con Giacomo Dacquino: in tutte le cose gli eccessi sono sconsigliati.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  34. Angela bella è così,i famosi geni ...contro cui nulla si può!!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  35. Sergio ho pensato la stessa cosa!

    RispondiElimina
  36. Pino,grazie dell'informazione. Ieri,in p.zza San Carlo a Torino, c'erano diverse persone per la firma,l'affluenza era buona.
    Non capisco chi ritiuta di firmare .

    RispondiElimina
  37. Ciao Stella. Provo a dare un'interpretazione a mò di provocazione. Chi ha poco non accumula e spende e sperpera. Chi ha tanto e sa che potrebbe avere tutto non compra, invece, nulla e, di conseguenza, accumula. Che ne dici? Ne approfitto per distribuire a te e a tutti i frenquentatori del tuo bel blog un caloroso augurio di buon inizio settimana. ^_*

    RispondiElimina
  38. La battuta di Sergio mi sembra proprio infelice e c'è poco da ridere. Risparmiare e investire in Borsa non significa essere avari, ma pensare al futuro proprio e dei propri figli. Qualche volta va bene qualche volta va male. L'avarizia è' diffusissima, la mancanza di soldi non c'entra. Chi ne soffre non lo sa. Per qualcuno è diventata un valore, ma è una vera malattia malattia

    RispondiElimina
  39. Cara luigina penso che sergio dicendo"sorridendo" volesse sdrammatizzare l'attuale situazione critica,infatti leggi la mia risposta.
    E' indubbiamente un periodo balordo questo, per tutti!!

    RispondiElimina
  40. Grazie antonello,ricambiamo.
    Dunque, la tua non è una provocazione,è un dato di fatto.
    C'è chi si indebita per andare in vacanza...

    RispondiElimina
  41. Cara Stella,

    ma i taccagni se li possono portare i soldi all'altro mondo??

    Un caro saluto

    RispondiElimina
  42. Romano ci penseranno i parenti a far man bassa!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  43. Qui nelle Marche talvolta si parla di

    "Pagamento a babbo morto"

    riferendosi ai soldi di una eventuale eredità...
    Va da se che nessuno vuole la morte del suo babbo e quindi si allude ad un pagamento assai improbabile...

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  44. Lucio, c'è chi vive ricco e muore povero e chi vive povero e muore ricco.

    RispondiElimina
  45. avari o prodighi? come in tutte le cose ci vuole equilibrio:-)
    certo l'avarizia rende più antipatici della prodigalità, ma essere prodighi, soprattutto quando si destabilizza la tranquillità economica di una famiglia, qualche volta può sconfinare in irresponsabilità

    RispondiElimina
  46. Araba,perfetta analisi,piena condivisione!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...