10/10/08

34

SOLIDARIETA'

Sosteniamo la famiglia di Giuseppe Casu

non permettiamo che ancora una volta si

possa ignorare una morte per malasanità

Clicca qui per le informazioni

34 commenti:

  1. è assurdo...ma non è malasanità...è crudeltà! grazie per fare girare queste info

    RispondiElimina
  2. E' assurdo quello che gli è successo.

    RispondiElimina
  3. Grazie cara per aver dato spazio all'appello e alla vicenda.
    Purtroppo la vicenda di mio padre non è l'unica nè eccezionale, sai quanti e quante hanno vissuto anche di peggio?
    Tutte scoperte dopo la sua morte...
    Ecco perchè non mi fermerò, mio padre non ritorna in vita, in nessun caso, ma in gioco ci sono le vite di altri che potrebbe essere chiunque!
    Ovvio che mi dabbano dare delle risposte, le esigo!
    Per altre informazioni e rimanere aggiornati cliccante anche qui:
    http://www.reti-invisibili.net/giuseppecasu/indices/index_649.html
    questa invece è la canzone che racconta la vicenda:
    http://www.myspace.com/crcposse
    che per l'appunto si chiama Signor Giuseppe.
    Grazie per l'attenzione e a te Stella, ciao

    RispondiElimina
  4. preso nota, proprio oggi qui dove abito è deceduto un uomo di 81 anni perchè è caduto dalla barella sulla quale era in attesa di una radiografia, nessuno si è premurato di controllare la botta alla testa dopo la caduta dal lettino ed ecco il risultato... Questo è quanto riportato dal giornale oggi poi, in questi casi, bisogna vedere quanto di reale c'è. Dei giornalisti non mi fido tanto, spesso gonfiano le notizie solo per far scalpore.

    RispondiElimina
  5. Quanti casi restano ignorati?
    tanti!....purtroppo!
    STELLAAAAA!
    come sono contentaaa,sono tornate le violetteeee!
    che soltanto a vederle apparire mi rinfrancano lo spirito.
    A un persona intelligente come Te è superflua ogni critica sull'immagine che avevi messo!
    grazie Stella!
    bacione
    angela

    RispondiElimina
  6. Lo,hai detto giusto,è crudeltà !!

    RispondiElimina
  7. Du,tanti sono i casi,purtroppo.

    RispondiElimina
  8. Cara natascia partecipiamo al tuo dolore. Devi essere forte ed esigere verità e giustizia.Chi ha sbagliato deve pagare per evitare che accadono ancora vicende così crudeli.
    Ti abbracciamo e tienici aggiornati.

    RispondiElimina
  9. Donnaincammino,la triste realtà è che quando si arriva ad una certa età,si è di peso alla società e senti dire:ma sì,aveva...tot...anni,ha fatto la sua vita... Invece gli anziani sono persone fragili da difendere,se non altro per aver speso una vita intera per la società!

    RispondiElimina
  10. Angela ti ho cercata diverse volte stamattina,ma non ti ho trovata...
    Forse meglio così,la sorpresa è stata più genuina!
    Quanti altri casi tragici,ignoriamo,hai ragione !
    Natascia ha la forza di lottare,ma quanti sono coloro che di fronte alla burocrazia si arrendono?

    RispondiElimina
  11. Sono eventi che si devono sapere e che devono servire a sensibilizzare chi di competenza a fare luce sulle defezioni della pubblica amministrazione che si ripercuotno a danno (mortale) del cittadino.

    RispondiElimina
  12. Caro peppe,le istituzioni da sole non si muovono.Bisogna sollecitarle perchè comprendano che i diretti interessati non sono da soli.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  13. Clicco ma non mi si apre nulla..provo a vedere i link indicati da natascia.

    RispondiElimina
  14. Caro romano,ho riprovato ora a cliccare e il link mi si è aperto.
    Nessun altro lettore mi ha segnalato problemi.
    Grazie dell'interesse.

    RispondiElimina
  15. Grazie Stella...stammattina ero a Brindisi a fare kemio-terapia!
    Lì incontro persone,donne,che sono delle vere eroine e grandissimo esempio di forza e di coraggio,finora non ho visto un solo uomo alla stessa maniera....
    il sesso forte.....?....
    ciao
    angela

    RispondiElimina
  16. Angela cara incontrare persone di un certo spessore ti aiuta e ti dà carica.
    Uomini così??!!
    Personalmente mai conosciuti,noi siamo il sesso forte...
    "Dietro ad un grande uomo c'è sempre una grande donna "mi è stato detto da un amico.
    Sono con te!

    RispondiElimina
  17. crudeltá!...e per te e per tutto...

    "love is the one who masters all things."

    Mawlãnã rumi

    Olivier

    RispondiElimina
  18. Rosa e olivier è proprio crudeltà!

    In questi casi, l'amore non esiste!

    RispondiElimina
  19. E' assurdo quello che hai scritto, questa non è malasanità, è crudeltà pura e semplice, chi lavora in questi posti sicuramente a fine giornata ne esce esausta, ma il lavoro lo si sceglie, e bisogna farlo con passione non applicando queste crudeltà.....

    RispondiElimina
  20. gturs si tratta pure di maltrattamenti,cause della morte del signor Giuseppe!

    RispondiElimina
  21. Sono rimasto sconvolto dal contenuto di questo post,pensavo proprio che torture del genere non accadessero più!
    Tutta la mia solidarietà alla famiglia.

    RispondiElimina
  22. grazie stella per gli auguri, ha un blog interessante, psserò sovente a trovarti ciao pierangela

    RispondiElimina
  23. Mi hai anticipato di un giorno, questo non mi impedirà di postare, BRAVISSIMA!

    RispondiElimina
  24. Purtroppo, caro sirio ,esistono ancora torture simili e non le conosciamo tutte...
    Natascia lotta per la verità e la giustizia per il suo papà,ma quanti non hanno la forza di parlare e di combattere?

    RispondiElimina
  25. Pierangela sarai sempre la benvenuta!
    Ancora auguri di cuore!

    RispondiElimina
  26. Russo non puoi essere il "primo" sempre tu,stavolta ti ho preceduto nella gara di solidarietà,ma l'importante è partecipare!!!

    RispondiElimina
  27. @ Una donna in cammino
    è la prima cosa che ho imparato dalla vicenda di mio padre, leggere più fonti e capire quali siano quelle attendibili...detto questo posso dirti che ho lasciato link appositi proprio per questo motivo.
    @Angela
    un infinità, ma io anche grazie all'aiuto notevole del comitato cittadino spontaneo che si è formato attorno a me stiamo impedendo proprio questo!
    E non ci fermeremo.
    @peppe
    esatto, sapere, divulgare, diffondere è essenziale affinchè non possano esserci altre morti simili e o uguali, affinchè le persone si sensibilizzino e conoscano i loro diritti...
    PS: ma lo sai che io chiamavo così il mio papà!
    @Romano
    bravo informati, per l'appello basta che clicchi su google appello per signor giuseppe oppure scrivi Asarp e vai su iniziative. ciao
    @Rosa e Olivier
    purtroppo il caso di mio padre no è che uno dei tanti...ma non per questo noi ci fermeremo.
    @Gturs
    come in ogni settore troverai chi lavora solo per la paga o chi ama il proprio mestiere...Il discorso psichiatrico è molto complesso, ci sono diversi filoni, chi sostiene un certo metodo chiamata Basagliano e chi lo boicotta dicendo che è sola e pura fantasia, ecco io sono con Basaglia e non sono la sola, ma siamo ancora in pochi purtroppo!
    Ciao
    @Sirio
    ti posso dire che quello che ha subito mio padre, parlo nello specifico della contenzione, può essere fatto anche su un bambino...
    E purtroppo non è ne il primo caso nell'unico...ciao
    @Russo
    allora domani aspettami da te.


    @Stella
    lo scrivo anche da te, con i dati forniti nell'appello alcuni non hanno capito che il conto corrente è bancario e il mezzo più semplice è quello del bonifico, ciao e ancora grazie

    RispondiElimina
  28. Grazie a te natascia per gli interventi e chiarimenti.
    Ce la faremo tutti insieme!

    RispondiElimina
  29. Quello che da veramente fastidio è quella sensazione che i protagonisti danno che dall'altra parte non ci possa essere mai una reazione adeguata....

    RispondiElimina
  30. stella grazie e un abbraccio lungo un kilometro :-)))))))))))))

    RispondiElimina
  31. Blessi e siamo in Italia!!!
    Avvengono fatti vergognosi !
    Un carissimo saluto.

    RispondiElimina
  32. Acquachiara,grazie a te che mi hai dato l'opportunità di divulgare questa tristissima vicenda .
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  33. Ciao
    oggi ti scrivo per dare una notizia fresca fresca: è terminata l'inchiesta bis, relativa alle parti anatomiche spacciate per essere quelle di mio padre, il quotidiano sardo de il Sardegna, diche che il pm
    ha chiuso le indagini, rinviando a giudizio il primario di anatomia patologica Antonio Maccioni con l'accusa di:
    soppressione di parti di cadavere, distruzione di atti pubblici, favoreggiamento, frode processuale, falso ideologico.
    E e il tecnico di laboratorio Stefano Esu che secondo il pm avrebbe aiutato il primario.
    Ora attendiamo la data dell'udienza preliminare e sarà il giudice a decidere.
    Ciao cara

    RispondiElimina
  34. Mamma mia Natascia...
    Siamo solo all'inizio,ma procediamo bene,non credi?
    Forza e coraggio,amore bello e coraggioso.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...