18/10/08

48

GRATITUDINE


Meditazione sulla gratitudine


Questa è una breve meditazione sulla gratitudine, sul mistero della gratitudine.

Essere grati, sentirsi grati.

La gratitudine che esprimiamo, la gratitudine che non esprimiamo ed altra gratitudine ancora, sepolta più in fondo, che non sappiamo nemmeno di avere.

Siamo grati.

Può darsi che abbiamo paura della gratitudine.
Può darsi che ne abbiamo paura e non lo sappiamo.

Paura che ci faccia sentire inferiori, paura che ci lasci alla mercé dell'altro.
Paura.

Quando cominciamo a capire che questa paura ci separa, che è una barriera crudele dentro di noi e tra noi e gli altri, allora cominciamo a lasciar andare, e la gratitudine può affiorare.

Essere grati significa sentire di più.
Significa scoprirsi esseri umani più completi.

Che cos'è la gratitudine? Da dove parte? Com'è? Perché?
Occasioni di gratitudine: persone, paesaggi, animali verso cui sentiamo gratitudine.

È come una carezza.
Praticando si diventa più grati.

Forse chi è veramente maturo dentro di sé passa la vita a ringraziare invece che a chiedere: di lì la gioia, il privilegio della gratitudine, il privilegio di ringraziare.

Nei momenti di sofferenza, la consapevolezza che li avvolge può assumere a volte un sapore di accettazione molto simile alla gratitudine.

C'è qualcosa di forte e di dolce nel soffrire con gratitudine ed accettazione.
C'è l'intuizione oscura di una vita più grande di quella che viviamo, dove anche la sofferenza ha un senso.

La gratitudine per le piccole cose è una grande cosa.
L'amicizia è fatta di gratitudine.

"Improvvisamente", ha detto un poeta, "mi sentii grato.
Ma per chi e per che cosa, non so."

La gratitudine unisce.
Sentirsi grati è come sentirsi a casa: perciò siamo così contenti. Allora la nostra vera casa, la nostra vera origine, non è altro che gratitudine.

Che tutti noi si possa essere grati.
Che tutti si possa percepire la gratitudine dentro di noi e quella che ci viene da fuori. Che tutto il mondo possa essere più grato.

Che ondata di calma e di gioia, se soltanto la gratitudine generale aumentasse un poco!
Quando pensiamo che le cose ci siano dovute, non possiamo essere grati.

Quando abbiamo capito che nulla ci è dovuto, allora incominciamo ad essere fervidamente grati, allora ci coglie di sorpresa la gratitudine.

Quando non diamo più le cose per scontate, ci ritroviamo in mano la gratitudine.


Tratto da: L'età dell'Acquario di Isabella Bresci Editore.


48 commenti:

  1. Tutto bene amica mia? Spero di sì.
    Un grande abbraccio e una felice settimana. Ciao

    RispondiElimina
  2. Sì,david!

    Un grande abbraccio e buona settimana a te!

    A presto.

    RispondiElimina
  3. Considerazioni condivisibili.
    Buona Fine settimana
    Vale

    RispondiElimina
  4. Grazie pierluì!
    Altrettanto.

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post, è proprio vero quello che è stato scritto

    RispondiElimina
  6. Bel post, condivido quello che hai scritto. E' difficile essere grati perchè penso che l'uomo è tendenzialmente egoista, vuole sempre di più, non si accontenta di quello che ha.

    Buona domenica : )

    P.S. - Ti ho linkato anch'io con molto piacere

    RispondiElimina
  7. Ciao pino,io sono grata ...sempre. E non riesco a capire chi non lo è dopo il bene ricevuto.Le spiegazioni le abbiamo analizzate, ma per me resta inconcepibile...

    Grazie per avermi linkato.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Se ricordassimo sempre che fra i miliardi di spermatozoi di nostro padre "quel giorno" proprio il "nostro" ha vinto la corsa e noi abbiamo avuto in dono la vita, credo che tutti i giorni come prima cosa dopo esserci svegliati ringrazieremmo qualcuno o qualcosa per la fortuna che ci è capitata.

    RispondiElimina
  9. Un singolo pensiero di gratitudine innalzato al cielo è la preghiera più perfetta. (Gotthold Ephraim Lessing)

    Il contenuto del post è sicuramente condivisibile.

    Baci8
    annarita

    RispondiElimina
  10. Giorgio io ringrazio e prego Dio non solo il mattino.

    Ti linko anch'io con piacere,hai un blog molto interessante...
    Sono interessata agli argomenti che tratti.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  11. Annarita dovremmo tutti pregare più spesso ed essere grati per ciò che abbiamo e ciò che riceviamo ogni giorno...

    Ti abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Parole significative che inducono ad una profonda catarsi.

    RispondiElimina
  13. Peppe fanno riflettere,infatti.

    Buona domenica.

    RispondiElimina
  14. Beh, ad onor del vero devo dire che ho mille difetti, ma che so essere grata. Magari è la similitudine gratitudine-dolore che faticherei a mandar giù.
    Buona domenica. :)

    RispondiElimina
  15. La cosa più bella di chi sa essere grata è stare sempre alla finestra.

    RispondiElimina
  16. Note il dolore fa crescere,matura...è una ricchezza,se lo si sa accettare.

    La gratitudine è indice di sensibilità!

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  17. Pelle,per ringraziare il creato?

    RispondiElimina
  18. La gratitudine, in verità confesso che io mi sento grata tutti i giorni della mia vita, per le fortune che ho, ringrazio per questo nostro Signore, lo ringrazio nel mio cuore...
    Ma anche con le persone, soprattutto ultimamente, è bello sentirsi in gratitudine per quello che altri fanno per te, è una bellissima sensazione di gioia che se contagiasse non farebbe male a nessuno, buona domenica, ciao

    RispondiElimina
  19. grazie è un bel post e allora rifletterò di più sono cose che valgono la pena pensare.. un bacionee cara stellina e buona domenica^^

    RispondiElimina
  20. Essere grati,dovrebbe essere una cosa normale...ma visto come va il mondo, ci si è completamente dimenticati di questo dono..
    Basti vedere come la politica tratta i suoi cittadini..di conseguenza noi siamo diventati un'entità quasi astratta nei confronti di molte cose..
    Scusa Stella, forse la butto un pochetto in politica, ma se non capiamo che è la collettività la forza giusta in questo paese per andare avanti, non andremo da nessuna parte, o siamo ancora portati a pensare che i politici pensano e agiscono per i nostri interessi?..
    La gratitudine per ogni azione che si fa o che si riceve, dovrebbe essere già nel DNA di ognuno, proprio perché tutti siamo nella stessa barca.....ma, c'è un ma...
    Maurizio Pallante dice una frase che dovrebbe farci pensare delle ore..e dice" è impressionante la violenza con cui riusciamo a fottercene di tutto"...
    Dice anche che per un giusto equilibrio "bisognerebbe donare molto di più di quello che si è ricevuto"....a me non pare che oggi sia così..
    Un bacione Stella

    RispondiElimina
  21. Ciao cara IS,nella vita sarebbe sufficiente dire anche solo un "grazie",per ricambiare un sorriso,una parola rassicurante,un pensiero gentile :per dimostrare la propria riconoscenza,insomma!

    E' così didfficile?

    RispondiElimina
  22. Davide graditissimo il tuo commento.
    Volevo pubblicare il post seguente,tu mi offri lo spunto e mi incoraggi:

    "Sono sincera e trasparente e ne vado fiera.

    Tra i difetti che ho,il peggiore è che

    non so FREGARMENE degli altri, anche di chi mi fa del male..."
    stella

    Vieni a trovarmi più spesso.Ti aspetto.

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Vane la tua stellina ti protegge e ti bacia.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  24. ciao zietta ti auguro una felicissima domenica smack

    RispondiElimina
  25. Ciao amore,buona domenica a te e alla mamma.
    zietta

    RispondiElimina
  26. Ciao, Stella. Il tuo blog adesso è anche tra i blog amici di web 2.0 and something else.

    A presto
    annarita:)

    RispondiElimina
  27. Grazie annarita,ne sono lusingata!

    Un abbraccio vero !

    RispondiElimina
  28. La gratitudine è sempre un pò legata all'umiltà dell'uomo.

    Un caro saluto :)

    RispondiElimina
  29. o.t. Carissima Stella, solo ora ho osservato con attenzione la tua barra laterale, apprezzo così tanto il fatto che metti tutto il listone dei tuoi amici bloggers a disposizione di chiunque viene qua sopra che ho deciso di colmare (come avevo fatto ieri con Sirio)la colpevolissima lacuna di non averti ancora linkato!

    RispondiElimina
  30. seneca dice:contentus eris te teste

    non posso che condividere

    RispondiElimina
  31. Bellissimo post Stella, lo condivido in pieno.
    un caro saluto.

    RispondiElimina
  32. Romano ti rispondo abbracciandoti!

    RispondiElimina
  33. ...Purtroppo anche questo sentimento deve essere inculcacato!
    pare che sia una perla rara!
    Da ragazzina una volta ho sentito tuonare mio padre!"Figlia ingrataaa!"ricordo di essere caduta letteralmente dalle nuvole!
    "chissà che vuol dire!"....mi dissi!
    poi...capii,perchè mio padre mi spiegò per bene in che cosa consisteva!
    I figli,soprattutto loro, non vengono sfiorati minimamente da tale sentimento!...tutto è dovuto perchè figli!....e la storia si rinnova....
    oggi con i nipoti!....
    come è andata la Domenica?
    spero al meglio!
    carissimo abbraccio
    angela

    RispondiElimina
  34. Russo ti ringrazio,ho voluto provare il blogroll,ma mi sono accorta subito che non funzionava.
    Anch'io, come sirio, vado a commentare da persone non linkate ed esse vengono da me.

    Poi mi sembrava di fare favoritismi... e tu col tuo post mi hai dato la spinta definitiva.

    Ho cancellato pure qualcuno,io sono sempre in buona fede.

    Domani mi conoscerai meglio!

    RispondiElimina
  35. Paola,grazie!

    Sei sempre saggia!

    RispondiElimina
  36. Grazie marco,ti aiuterò ad educare i tuoi figli.

    Promesso!

    RispondiElimina
  37. Tutto è dovuto...quanta verità per esperienza,cara angela.

    Bellissimo il tuo post di oggi!

    Nel pomeriggio sono andata al cimitero ,perchè domani mio padre avrebbe compiuto gli anni!

    Ti abbraccio sinceramente!

    RispondiElimina
  38. "Quando non diamo più le cose per scontate, ci ritroviamo in mano la gratitudine".

    Il post è grandioso cara stella,non ti smentisci mai.
    Mi ha colpito particolarmente la frase che ho volutamente riportato,perchè credo che sia l'essenza,il concentrato di quello che secondo me è uno dei valori assoluti di vita,e cioè l'umiltà.

    RispondiElimina
  39. La gratitudine, bel grande sentimento.
    Peccato che la gran parte degli umani sia egoista e pensi solo a se stessa.

    Poi ci sei tu, Stella, che pur conoscendoti poco ti sono grata per quello che scrivi.
    Passando da te si trova sempre un bel momento di riflessione....

    RispondiElimina
  40. Srio sei mio amico,non a caso.

    RispondiElimina
  41. Gturs grazie,sono solo me stessa senza alcuna maschera.

    Oggi nel pomeriggio ho aperto l'ascensore ad una signora avanti negli anni e le ho sorriso,ebbene non finiva più di ringraziarmi come se io avessi fatto chissà che cosa di grandioso...

    Ciò dimostra come basta poco per rendere felice qualcuno.

    RispondiElimina
  42. Ora ringrazio chi mi ha cresciuto con quel che mi hanno cresciuto(parenti,amici ecc..), ma vedo purtroppo che la gratitudine diviene qualcosa di non accettata. Non porto oro e nemmeno certezze, solo quel che sono. E ci si sente male nel sentir che quel che si è dato non è amato, perchè quando si parla di se stessi vuol dire sentirsi abbandonato.

    Non voglio lagnarmi ma è quel che provo.

    RispondiElimina
  43. Fenice,hai ragione.

    Quando si dona se stessi e non viene riconosciuto,fa male,molto male.

    RispondiElimina
  44. Mi associo complettamente...
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  45. Blessi,buona settimana a te!

    RispondiElimina
  46. essere grati per le piccole e grandi cose della vita quotidiana è un grande dono, e poi è vero: con più si ringrazia più si diventa grati e si apprezza la bellezza della realtà che ci circonda. ciao :)

    RispondiElimina
  47. Laumig mi hai resa felice!

    Ti sono grata.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...